sudpresslogo
sudpresslogo

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

eventi mof 2021 (1)

telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Intervista a Mons. Antonino Raspanti,Vescovo di Acireale e Presidente della Conferenza Episcopale Siciliana"Caso Baglieri", il CODACONS: "Assessore non paga TARI? CHIARISCA O SI DIMETTA SUBITO"Celebrato il primo congresso della battagliera sezione catanese del sindacato nazionale CUB Trasporti: il dr. Salvatore Ventimiglia confermato Segretario30 giugno/1 luglio a Palazzo dei Normanni il MID.MED SHIPPING & ENERGY FORUML'assessore regionale ai rifiuti Daniela Baglieri da 5 anni non paga ...la tassa sui rifiuti?Un pensiero per Fratel Biagio Conte che sta lottando. AncoraStanno sfidando la furia popolare: aumento tassa rifiuti del 18%Nasce anche a Catania il Gruppo Archeologico Amenanos: tante le iniziative culturali in programmaA Catania il primo Fringe Festival del teatro Off: bando per gli artisti prorogato al 16 luglioAll'Ardizzone Gioeni uno spettacolo di rara raffinatezza: Raju di Bellicza, i tormenti della poesia che diventano musica

SAC: sulla VENDITA dell'AEROPORTO c'è la TANGENTE, parola di Pietro AGEN... che ha le PROVE

01-02-2022 06:00

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, SAC&CamCom, Focus,

SAC: sulla VENDITA dell'AEROPORTO c'è la TANGENTE, parola di Pietro AGEN... che ha le PROVE

Ci risiamo, quando il sedicente massone in sonno Pietro Agen si trova in difficoltà prova a risvegliarsi sparandola grossa, non è la prima volta ...

Ci risiamo, quando il sedicente massone in sonno Pietro Agen si trova in difficoltà prova a risvegliarsi sparandola grossa, non è la prima volta e probabilmente non sarà l'ultima.

 

L'ultima difficoltà che è piombata sui sogni imperiali suoi e del suo "Sistema ConfCommercio Catania" con tutti i suoi sodali inspiegabilmente in posti chiave pubblici, è il commissariamento della Camera di Commercio del Sud Est, che era la tolda di comando dalla quale controllava fette consistenti del potere locale, a partire dalla SAC che gestisce l'aeroporto di Catania su cui esercita il controllo analogo, di cui ha nominato presidente, amministratore delegato e la maggioranza del CdA e ne ha consentito una gestione che raccontiamo da tempo subendo di tutto.

 

Come abbiamo già scritto e ricordiamo a seguire, il signor Agen periodicamente denuncia addirittura tangenti o millanta rapporti inquietanti, mentre alla fine sinora l'unico beccato con le mani sue e della sua famiglia nella marmellata è proprio lui.

 

Ma andiamo alla notizia.

 

Il 29 gennaio il signor Agen partecipa ad una trasmissione televisiva dell'emittente "In Sicilia", ad intervistarlo un perplesso Angelo Di Natale che è costretto a farsi ripetere la papalata:

Alla domanda dell'intervistatore, l'ex presidente della Camera di Commercio Agen risponde che sarebbe a conoscenza nientemeno che di una tangente sulla vendita dell'aeroporto di Catania, che ne avrebbe persino le prove e, dulcis in fundo, che avrebbe "riferito a chi di dovere"....

 

Se non gestisse poteri e ruoli di rilevanza pubblica, potrebbe anche fare tenerezza; in realtà l'unica prova che si ricava è che il servizio sanitario non funziona perché se funzionasse davvero un trattamento obbligatorio sarebbe il minimo.

Anche perché è recidivo.

 

Infatti, un altro momento di grande difficoltà capitò al signor Agen  quando perse la vice presidenza nazionale della ConfCommercio a seguito di un violentissimo ed anche inquietante scontro con l'allora presidente nazionale Sangalli.

agen-tangente-3-milioni.png

Anche in quell'occasione Agen parlò di una tangente, addirittura da tre milioni l'anno: circostanza mai chiarita mentre in merito alla accuse lanciate al presidente Sangalli furono poi ribaltate dalla magistratura e ritenute addirittura un complotto calunnioso ai suoi danni.

Brutta storia.

In una recente intervista sul quotidiano La Sicilia del 22 gennaio a firma della brava Maria Elena Quaiotti, commentando il recente commissariamento e la sua defenestrazione  ha testualmente affermato:  "Nessuno conosce i programmi dei commissari (Pucci Giuffrida e Massimo Conigliaro, ndr), anche perché credo non ne abbiano. Di certo io alla Magistratura raccomanderò di tenere gli occhi aperti, la sensazione è che si voglia  riproporre l'era di assunzioni facili e tangenti. Il vero obiettivo lo sanno tutti è SAC"...dichiarazioni gravissime, al limite del delirio, anche perché gestiscono loro l'aeroporto almeno dal 2016 e lo avevano già gestito in passato, quindi di quali tangenti parla? 

Mentre per quanto riguarda le "assunzioni facili" in ambito SAC, quella che ancora non siamo riusciti a capire come sia avvenuta riguarda il figlio della sorella dello stesso Agen, cioè suo nipote Simone Lucarelli. 

scatole-cinesi.png

Mentre, tornando alle uniche mani sulla marmellata sinora pescate, per quanto riguarda gli interessi privati in cose pubbliche rimarrà clamorosa la vicenda del contributo di 15 mila euro della Camera di Commercio presieduta da Agen finito all'associazione presieduta dal figlio Vasco e con soci moglie, figlia e nuora.

Cose che solo a Catania...

Speriamo che almeno questa tangente sulla vendita dell'aeroporto di Catania si chiarisca al più presto, in un modo o nell'altro.

E se non è vero, se queste "prove" non ci sono, "chi di dovere" provveda ad impedire che certa gente che propala allarmi, minacce, messaggi trasversali, intimidazioni, millanterie varie quando le uniche prove sono a loro carico, possa ricoprire incarichi pubblici o di pubblica rilevanza, perché quando è troppo è troppo e i danni adesso sono esagerati.

Davvero, non se ne può più...


Leggi anche:













image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder