giovedì - 21 giugno 2018

array(1) { [0]=> string(7) "Cronaca" }

Tra i primissimi atti del sindaco Pogliese un atto di Giustizia: reintegrato il Capo Ufficio Stampa Nuccio Molino

Ci piace, questo primo atto del neo sindaco, lo diciamo chiaramente. La gestione della Comunicazione istituzionale da parte dell'amministrazione Bianco ha rappresentato uno degli aspetti più nebulosi di questi terribili e inutili 5 anni, che ha dato adito ad inchieste penali, civili e amministrative di vario tipo. Tra le più pesanti il trattamento riservato a Nuccio Molino, titolare dell'Ufficio Stampa, sballottolato da un ufficio all'altro in maniera talmente brutale ed illegittima da avere riconosciuta, assistito dall'avvocato Sergio Cosentino, piena ragione dal tribunale del lavoro di Catania senza tuttavia riuscire ad ottenere il reintegro disposto dall'autorità giudiziaria. Il sindaco Pogliese ha posto fine a questa ingiustizia: un inizio che fa ben sperare.
array(4) { [0]=> string(13) "Comunali 2018" [1]=> string(7) "Cronaca" [2]=> string(28) "Elezioni amministrative 2018" [3]=> string(8) "Politica" }

Acireale al ballottaggio: Michele Di Re “Per tornare orgogliosi della nostra città”

Domenica 24 giugno l'antica città di Acireale sarà chiamata a scegliere il proprio sindaco che avrà il difficile compito di superare uno dei momenti più bui della sua storia recente. Michele Di Re, candidato civico sostenuto dal centro destra, è un imprenditore di successo che ha creato un'azienda che da 30 anni da lavoro a 50 famiglie: "Ora che avrei avuto l'età per godermi i frutti di tutta la fatica e gli obiettivi raggiunti, ho sentito il dovere di impegnarmi personalmente perché Acireale deve tornare ad essere bella ed orgogliosa."

Barbara Bellomo presidente di giuria del concorso letterario “I quattro elementi” di Wondertime 2018

Grandi novità per l'edizione 2018 della rassegna diffusa WonderTime. Quest'anno ci sarà anche una sezione letteraria, coordinata dal prof. Vito Sorbello con Barbara Bellomo, la scrittrice catanese autrice Salani, che avrà il prestigioso ruolo di presidente di giuria del Premio letterario “I quattro elementi –  Acqua, Aria, Terra, Fuoco”, indetto dal comitato promotore di WonderTime, in occasione della seconda edizione.

Musumeci va alla guerra

Il presidente della Regione Nello Musumeci è persona "per bene", nessuno lo ha mai messo in discussione e questo giornale, proprio per questo, ne salutò con simpatia la candidatura da parte del centrodestra: in una fase dominata da gaglioffi era già una cosa importante. L'essere "per bene" è condizione se vogliamo necessaria, ma purtroppo non sufficiente per risultare utili a traghettare la Sicilia fuori dalla miseria economica, sociale e morale in cui è stata trascinata. Ieri la sua "maggioranza" ha bocciato nell'aula dell'ARS il collegato alla finanziaria contente alcune delle riforme che il presidente vorrebbe attuare: un brutto segnale dal carattere fortemente intimidatorio al quale Musumeci ha reagito con un messaggio video di sei minuti esatti dalla sua pagina Facebook...

Cerimonia di consegna della borsa di studio del Rotary “Franco Pitanza”

Con una frugale e toccante cerimonia presso i locali della Locanda del Samaritano retta da padre Mario Sirica, che ha tra i suoi tanti ospiti anche il beneficiario, è stata consegnata alla presenza della famiglia Pitanza la borsa di studio al giovane rifugiato Sandji Sila.

Operazione “En plein 2”: Procura e Carabinieri scardinano clan di Paternò legato ai Laudani

Il gruppo criminale paternese, facente capo a Salvatore Rapisarda e Vincenzo Morabito, è stato disarticolato, dopo una indagine lampo che ha portato all'arresto di 19 persone per associazione mafiosa, traffico di stupefacenti, tentata rapina, porto e detenzione illegale di armi, aggravato dal metodo mafioso. Già nel 2015, l'operazione di cui quella odierna rappresenta il naturale sviluppo, "En plein", aveva consentito di catturare 16 affiliati sempre per gli stessi delitti, colpendo anche l'altra cosca paternese, quello degli Assinnata, facente riferimento invece al clan di Cosa Nostra catanese "Santapaola"capeggiato dall'oggi defunto, Salvatore Leanza. Dunque un nuovo duro colpo al clan e ai suoi capi, che perseveravano nelle attività criminali malgrado fossero detenuti, tramite direttive impartite in modo costante agli esterni. GUARDA LA VIDEO INTERVISTA ED IL VIDEO DELL'OPERAZIONE

E ora che farà SudPress? Il proprio mestiere, come sempre!

Dalla notte del 10 giugno, quella dell'apertura delle urne che hanno consegnato Catania ad una nuova avventura che speriamo con tutto il cuore sia meno disastrosa di quella appena archiviata, abbiamo ricevuto decine di messaggi dello stesso tenore. Dimenticano molti nostri amici, quasi quanto i nostri detrattori, che SudPress ha sempre mantenuto la sua barra drittissima, con ogni tentativo di "infiltrazione" rapidamente smascherato e respinto, rimanendo sempre fedeli al ruolo che ci siamo assegnati di "cani da guardia del potere". Così è stato con il sindaco Raffaele Stancanelli come con il suo successore Enzo Bianco: schieramenti opposti, identico trattamento da parte di SudPress. Dimostrazione che l'indipendenza della testata viene sempre sopra ogni cosa, perché è la fonte della nostra autorevolezza! Nessuno potrà mai sostenere che abbiamo fatto sconti a qualcuno. Così sarà con Salvo Pogliese, al quale facciamo i nostri migliori auguri per amore della città e al quale concederemo, come ai predecessori, 100 giorni di luna di miele. Forse un pò meno.

Premio internazionale del Rotary per l’ideazione della rassegna catanese WonderTime

Il Premio internazionale Rotary "Paul Harris" 2018 è andato alla fondatrice di WonderTime, Rossella Pezzino De Geronimo. Il Club Rotary Catania Est consegnerà il riconoscimento durante la cerimonia ufficiale che si terrà mercoledì 20, alle 20:30, al Four Point by Sheraton di Catania.

Al via il torneo di calcio benefico “L’angelo Federico” in campo per l’ODA

Manca poco al VII Torneo di calcio “L’angelo Federico”. La solidarietà scende in campo il 23 giugno 2018 allo stadio Bonaiuto Somma di Mascalucia. Anche quest’anno, l’associazione “L’angelo Federico” organizza un grande evento di sport e spettacolo per un progetto benefico: donare una stanza sensoriale alla Fondazione ODA.

Insediatosi stamattina il neo sindaco catanese Salvo Pogliese: “Impegnarsi per tutti, e per far restare i nostri figli”

A poco più di una settimana dalla netta vittoria alle elezioni comunali, il neo primo cittadino Salvo Pogliese si è insediato formalmente durante la cerimonia in Comune di lunedì 18 giugno. In compagnia della moglie e dei due piccoli figli, dopo aver indossato la fascia, aiutato da un pezzo importante del centro destra isolano al suo fianco come Gianfranco Miccichè, Pogliese ha voluto sottolineare: "Lavorerò per tutti, per chi mi ha sostenuto e per chi no, come è giusto che sia. Bisogna lavorare per aiutare tutti, con umiltà. Il politico non è un tuttologo, e dunque la mia porta è sempre aperta. Dobbiamo essere orgogliosi di essere nati e cresciuti e di vivere in un posto come Catania"

ASEC: strana convocazione del CdA nel giorno in cui si insedia il nuovo sindaco

Dalle 10.30 Catania avrà un nuovo sindaco, con tutto ciò che questo comporterà. In ogni caso un fatto di certo non irrilevante. Nonostante questo ed in spregio ad ogni criterio di rispetto istituzionale, il presidente facente funzioni della società partecipata ASEC, Francesco Bizzini, ritenuto altro fedelissimo dell'ex sindaco Enzo Bianco e comunque da questi nominato, ha ritenuto di convocare "con urgenza" per  le ore 18 un consiglio di amministrazione con un ordine del giorno pesantissimo: dalla controversa (S)vendita della Asec Trade, ad alcune nomine e sino alla "selezione pubblica" per il direttore generale che tanti dolori ha già provocato.

Denunciato per aggressione il presidente dei medici catanesi Massimo Buscema

Momentaccio nerissimo per Massimo Buscema che aveva superato la storia della "piscina abusiva", le polemiche per l'operazione "fondazione a vita", persino il coinvolgimento nelle ambizioni politiche della moglie Ersilia Saverino miseramente naufragate al seguito di Enzo Bianco lo scorso 10 giugno. Ma mentre si attendono gli esiti del inchiesta penale (pare non solo una) aperta sull'affaire dell'acquisto ultra milionario della nuova sede dell'Ordine, ecco che il 6 giugno, stando alle versioni più accreditate da altra stampa, scende dalla macchina e manda all'ospedale col naso rotto un pedone che aveva rischiato di investire mentre guidava forse distratto dal cellulare. E adesso, sommando una serie di circostanze controverse che lo coinvolgono, qualcuno pensa ad un procedimento disciplinare a tutela del decoro dell'Ordine...

Il Contrasto al traffico dei migranti: una illuminante relazione del Procuratore Carmelo Zuccaro

Nell’Auditorium Concetto Marchesi sito al primo piano del Palazzo della Cultura di Catania il Procuratore della Repubblica per il distretto di Catania Carmelo Zuccaro ha svolto il suo intervento dedicato alle Problematiche del contrasto al traffico organizzato dei migranti. Per SudPress lo ha seguito il direttore della testata consorella SudStyle Aldo Premoli.

Cultura a Catania? Gianluca Collica ci prova: “Sapete cos’è una kunstverein? Se volete ne parliamo…”

Ecco il punto, operare con un minimo di coscienza rispettando la vocazione della nostra città. L’articolo di Premoli è abbastanza chiaro e in linea con un pensiero che credo accomuni tutti i catanesi responsabili. E’ dunque opportuno che al di là di tutto, chi gestirà la città nei prossimi anni tenga presente che la cultura non è uno strumento attraverso il quale tappare buchi, improvvisare o restituire favori, o farsi belli con il proprio elettorato, ma è semplicemente un comparto strategico per lo sviluppo della nostra società.

L’assurda tragedia ignorata dei due ragazzi annegati alla Plaia

Oggi alle 15 i funerali presso il cimitero di Catania e una commemorazione alle 17 presso la CGIL, via Crociferi n.40. Qualche titolo lo hanno avuto, ma subito dimenticato. Funziona così, la cronaca corre passando subito alla prossima notizia. Magari stavolta ci fermiamo un attimo perché due nostri ragazzi hanno perso la vita a pochi metri dal sorriso di una giornata al mare e una famiglia non gioirà mai più: non possiamo fare niente e forse la colpa non è di nessuno, incidenti orribili in cui chi crede si aggrappa alla preghiera e chi non crede rischia di perdersi. Che possiamo fare allora? 

Dal Rotary di Catania la borsa di studio “Franco Pitanza” per Sandji Sila, ospite della Locanda del Samaritano

La Borsa di Studio Franco Pitanza, indimenticato imprenditore e manager catanese sempre impegnato nel sociale, finanzierà il corso di studi superiori triennali del giovane Sandji Sila. E’ l’accordo siglato tra Mediterraneo Sicilia Europa Onlus e il Rotary Distretto 2010 che comprende il territorio siciliano e quello di Malta.

Da una componente della Magistratura italiana un convegno sull’immigrazione a Catania

Nella sale del Palazzo della Cultura a Catania si è aperta questo pomeriggio la due giorni voluta da "Area Democratica per la Giustizia", dedicata al tema "Le nuove frontiere dell’immigrazione", un titolo un po’ generico per un tema che generico non è affatto. A seguire i lavori per SudPress il direttore di SudStyle Aldo Premoli.

CISMA Rifiuti: licenziamenti e disastro ambientale perché la Regione “dorme”, o fa finta

Quanto sta accadendo intorno al colosso dello smaltimento rifiuti di Melilli, uno dei siti più importanti d'Europa, è incredibile. Sequestrato alla famiglia Paratore implicata in procedimenti penali per mafia e reati ambientali, è in amministrazione giudiziaria dal 2017 e da allora attende che il dipartimento Acque e Rifiuti del governo Musumeci si pronunci su alcune questioni, mantenendo un silenzio che sta producendo più danni di quelli presuntivamente causati dagli imprenditori arrestati: un paradosso. Allarme lanciato dagli amministratori giudiziari e dal sindacato CISAL: già comunicati 41 licenziamenti ed il rischio di provocare l'ennesimo disastro ambientale.

Incredibile, al Tribunale di Catania udienze rinviate per…caldo. Di nuovo

Era già accaduto lo scorso anno ed il problema, ridicolo nella città che ha ormai per simbolo un'acquasantiera, si ripropone anche nell'anno del Signore 2018, terzo millennio inoltrato: nelle aule di via Crispi del Tribunale di Catania non si può lavorare perché non funziona l'impianto di climatizzazione. Roba da quarto mondo.

Domenica 1 luglio ETNA CULTURE FEST

A Catania l'Estate 2018 si apre domenica 1 luglio, nella splendida corte dell'Istituto Ardizzone Gioeni con un evento imperdibile organizzato da un "collettivo studentesco" di liceali ed universitari che intende proporre un modo "diverso" per stare insieme.

Comune di Catania, servizio rifiuti: maxi sequestro ditte appaltatrici…in proroga

Continuano, e chissà sino a quando e fino a dove, gli effetti dell'indagine "Garbage Affaire" che ha travolto i vertici dell'amministrazione Bianco con l'arresto e interdizione di alcuni dei più stretti collaboratori dell'ex sindaco. Questa mattina la DIA al comando del dirigente Renato Panvino ha sequestrato tutte le quote delle società ECO.CAR e IPI che gestiscono, grazie a continue proroghe, il lucrosissimo servizio dei rifiuti per conto del comune di Catania la cui amministrazione ormai scaduta ha persino omesso l'applicazione di sanzioni per milioni di euro.

L’ultimo scandalo (forse) del signor Enzo Bianco: nomine a due giorni dalle elezioni

Un bel saluto di commiato, non c'è che dire, elegante. Chiude davvero in bellezza e conferma in pieno le ragioni dei giudizi negativi costantemente espressi in maniera sempre documentata ed i motivi di un risultato elettorale umiliante. Non c'è molto da aggiungere ad un fatto che si descrive da solo in tutta la sua sciatteria istituzionale. A due giorni dalle elezioni il signor Enzo Bianco ha ritenuto opportuno nominare i componenti dell'OIV, l'Organismo Indipendente di Valutazione della Città Metropolitana. E chissà quante ne usciranno adesso circa un "metodo amministrativo" che ha prodotto disastri a tonnellate e portato in carcere, a processo o interdetti alcuni tra i più stretti collaboratori dell'ex sindaco.

ATTENZIONE: a rischio “lottizzazione” la Soprintendenza Beni Culturali e Ambientali di Catania

Da qualche settimana è andata in pensione la Soprintendente Maria Grazia Patanè che ha lasciato vacante l'importante sede di Catania: cominciate le manovre per la sostituzione con il rischio che si tenti un colpo di mano pericolosissimo per la città...

Agòn ha processato Eracle al Teatro Greco di Siracusa

Suggestivo appuntamento organizzato dall'Istituto di Scienze Criminali ed i Diritti Umani (ISISC) con l'Istituto Nazionale del Dramma Antico e l'associazione Amici dell'INDA. Ad introdurre  Michele Consiglio, presidente del Consiglio Scientifico dell'ISISC con Pubblico Ministero Antonio Di Pietro, già Sostituto Procuratore del Pool Mani Pulite, per la difesa Giuseppe Fanfani, presidente IX Commissione del CSM e giudice Giovanni Canzio, Primo Presidente Emerito Suprema di Cassazione. I video

Pogliese trionfa al primo turno, Bianco doppiato, flop di 5Stelle e Lega

Dramma affluenza che si ferma al 53,15%. Ancora in corso lo scrutinio, ma il trend sembra ormai acclarato: l'euro deputato Salvo Pogliese è il nuovo sindaco di Catania,  raccoglierà i cocci di 5 anni di disastro amministrativo e dovrà compiere il miracolo per salvare Catania. In 197 sezioni su un totale di 336 Pogliese ha raggiunto il 51,64%, l'uscente Enzo Bianco con le sue 5 liste al 26,63%, Giovanni Grasso il 16,12%, Emiliano Abramo 3,83% e Riccardo Pellegrino 1,79%. Solo 2 le liste del centrosinistra che potrebbero superare lo sbarramento del 5%, mentre nel centro destra resteranno molto probabilmente fuori quelle della Lega e UDC. IN AGGIORNAMENTO Dati delle ore 9.30 relativi a 309 sezioni su 336

Clamoroso flop della “Lista degli assessori” di Bianco

Non riesce a raggiungere neanche il 3% la lista "Primavera per Catania". Tutti e 34 i suoi candidati arrivano a totalizzare appena 3.527 voti nonostante le candidature di ben 3 assessori in carica e una consigliera comunale già designata "assessora".

La manager catanese Barbara Mirabella direttore regionale “Grandi Eventi” del Codacons

La vulcanica "Signora dell'Expo", indicata dall'Atlante Italiano della Comunicazione tra i primi 20 top manager del settore, ha ricevuto l'importante incarico di rappresentare gli interessi dei consumatori in uno dei volani strategici dell'economia regionale.

Multiservizi…altro che “ventennale”, ecco com’è andata

Alla fine, al di là delle opinioni di ciascuno, con tanto di repliche più o meno fantasiose a tentare di giustificare atti gravemente scorretti, parlano i documenti o, come in questo caso, ancor meglio i video. Quanto accaduto il 4 giugno, a 6 giorni dalle elezioni, è molto più grave e spudorato di quanto si potesse immaginare, molto più di un'adunata elettorale mascherata. È stato uno show elettorale, realizzato da un'azienda comunale con fondi pubblici all'interno di un monumento pubblico e ad esclusivo e dichiarato vantaggio di un candidato alle elezioni, con tanto di atto di prostrazione nei confronti del sindaco uscente, che viene addirittura ed esplicitamente indicato come il "padrone di casa" di un sito in realtà di proprietà dei catanesi e addirittura osannato, con "l'augurio che ci sia in futuro", come "protettore" di una società che in realtà è stata, al momento, "salvata" riducendo gli stipendi ai dipendenti che avanzano ancora spettanze dal 2014. Il presidente Giacalone si è anche esibito in una stucchevole "dichiarazione di fedeltà" nei confronti di Bianco, che gli ha conferito l'incarico da 40 mila euro annui e che lascia attoniti per la sua intollerabile inopportunità: quando si assume un incarico pubblico non si deve essere "fedeli" a nessuno! L'adunata, nei termini in cui mostriamo nel video, si è svolta il 4 giugno, a sei giorni dalle elezioni e al Cortile Platamone, di proprietà del comune di Catania. I "giornalisti da strapazzo" hanno fatto il loro mestiere, ora tocca ad altri...

“Ventennale Multiservizi”: Giacalone replica, ammette e si confonde sulla proprietà

Ha ritenuto di dover replicare alla nostra segnalazione Giovanni Giacalone, nominato da Enzo Bianco presidente della società Multiservizi. Ne siamo contenti, come sempre. In omaggio, un bel portachiavi.

Tondo Gioeni: “Ma veramente Bianco c’ha messo un’acquasantiera spendendo un milione dei catanesi?”

Non è chiaro se conterrà acqua benedetta o più modestamente fungerà da normale vasca da bagno un pò vintage, circondata da vezzoso marmo rosa a chiudere la più importante via della città, quella Etnea famosa nel mondo per la sua pietra nera del maestoso vulcano che la sovrasta e ammonisce. Scelte "artistiche" si dirà, a noi potrà anche fare imprecare, ma di sicuro giubileranno gli elettori dei CAF e delle case di riposo. Alle 10.30 di lunedì 4 giugno "l'inaugurazione delle inaugurazioni", la "madre di tutte le passerelle", il momento più alto e significativo di questi 5 anni di sindacatura Bianco: "UNA BELLA MINCHIATA", come recitava profeticamente un simpatico striscione...

In evidenza

Allarme obesità in Sicilia

    Il paradosso: in una delle più povere regioni d'Europa, il tasso di obesi e sovrappeso raggiunge cifre record: il 47,9% della popolazione! Un problema allarmante, con pesanti ricadute sulla salute dei cittadini e conseguenti costi a carico del servizio sanitario per le patologie correlate.  Il Policlinico Universitario messinese, centro di eccellenza accreditato SICOB, all’avanguardia nella tecnologia e nella chirurgia dell’obesità sancisce l’importanza dell’approccio multidisciplinare per garantire migliori percorsi di cura e sicurezza ai pazienti.

Cefalù “capitale” del Web Travel Marketing

Un workshop internazionale, moderato dalla manager catanese Barbara Mirabella, in collaborazione con AITB, per conoscere le nuove frontiere della promozione turistica digitale. 

Eusair, l’ultima sfilata di Bianco e ministri fuori tempo massimo a spese della città

Un’ennesima, inutile passerella quella che si appresta a vivere il nostro primo cittadino Enzo Bianco ormai agli sgoccioli, nel tentativo di far immaginare ai cittadini che chissà quale “ribalta internazionale” salverà Catania dal baratro in cui è caduta grazie ad un’Amministrazione che ha saputo solo fare immagine e chiacchiere senza realizzare neanche uno solo dei punti del suo vecchio programma elettorale, quello sbandierato e promesso già nel 2013

Montante finisce in carcere: “Inquinava le prove”

Non si castigano. Dopo la mole di intercettazioni incredibili in cui si sentono questi "signori dell'antimafia" brigare contro qualsiasi avversario, minacciare alti ufficiali, promettere legnate ai pm che indagano, arrivano alla tracotanza di continuare imperterriti da un lato a continuare a dichiararsi "vittime" di chissà cosa e dall'altro a tentare di inquinare le prove. Risultato: in galera.

Zona Industriale, PAZZESCO: il cantiere inaugurato da Bianco era …FINTO!

Questa supera davvero ogni immaginazione ed ogni decenza. Ne avevamo dato notizia di questa bislacca "cerimonia" del 30 aprile, che già sarebbe risultata impudente per il fatto che alcuni lavori venivano effettuati a 40 giorni dalle elezioni dopo 5 anni di scandalosa inerzia. Ma mai si poteva immaginare che l'amministrazione Bianco potesse essere così deficiente. Abbiamo ricevuto segnalazioni e documentazione foto-video da imprenditori della Zona Industriale e persino un durissimo comunicato-denuncia del sindacato UGL : ALL'INDOMANI DELL'INAUGURAZIONE CON LE PROPALAZIONI DI ENZO BIANCO, SI SONO PORTATI VIA OPERAI ED ESCAVATORE GIOCATTOLO UTILIZZATI PER FOTO E RIPRESE E NON SI SONO PIÙ VISTI! IL VIDEO

“Sistema Montante”: perquisizione in studio e casa dell’avvocato Fiumefreddo

A darne notizia questa mattina Antonio Condorelli sulla testata LiveSicilia Catania. Oggetto delle attenzioni degli investigatori della Squadra Mobile di Caltanissetta guidata dalla dirigente Maria Giustolisi sarebbero stati lo studio e l'abitazione del penalista già presidente di Riscossione Sicilia.

“Sistema Montante”: saltano le prime teste, si è dimessa altra fedelissima Maria Grazia Brandara

Dopo essere stata al vertice del "cerchio magico delle Attività Produttive", gestito per 10 anni da uomini di Confindustria Sicilia, già nella segreteria dell'assessore Mariella Lo Bello e commissario del  potentissimo IRSAP e della partecipata IAS al centro interessi miliardari, a Maria Grazia Brandara era rimasto l'incarico conferitole dal presidente Crocetta di Commissario al comune di Licata. Indagata nell'inchiesta che sta terremotando il sistema di potere costruito da Antonello Montante & C., si è dimessa nella giornata di ieri.

L’incredibile “Programma Elettorale” 2013 di Enzo Bianco: dalle “strade al gelsomino” alla” badante di quartiere”. REALIZZATO: ZERO!

Una lettrice ci ha chiesto dove potesse trovare il programma del sindaco uscente per queste elezioni, atteso che sul suo sito enzobianco.com è ancora presente quello vecchio del 2013. Abbiamo controllato e ci siamo divertiti. Leggerlo adesso, nel 2108 e dopo 5 anni di sua sindacatura, è davvero esilarante, a partire dall'incipit: "Oggi la situazione di Catania è sicuramente preoccupante a causa dell’assoluta incapacità di chi l’ha amministrata". Appunto! E poi ce ne sono talmente tante di cretinate da rimanere allibiti a pensare che sia comunque riuscito a convincere (o costringere) 180 cittadini (la metà delle 9 liste che in varie interviste appena pochi giorni fa millantava di avere a sostegno) a candidarsi nelle sue liste, tra le quali spicca l'assenza del Partito Democratico ed al suo posto una che hanno denominato "Cambiamento reale": a sostegno di chi ha governato ininterrottamente negli ultimi 5 anni e per 15 in 25?: Un bel cambiamento, reale!

Tondo Gioeni: dopo la “tafazzata” di Bianco, anche Sebastiano Arcidiacono lo sbugiarda

Scorsa settimana il ri-candidato ri-sindaco Enzo Bianco si era prodotto in una graziosa performance video, postata sulla sua pagina Facebook, con la quale ha maldestramente tentato di mistificare l'unica cosa fatta durante questi cinque anni e che per giunta si è rivelata un disastro per l'intera città: il Tondo Gioeni. Immediatamente dopo la pubblicazione di quel boomerang, intervennero a smentirlo sia l'ing. Giacomo Guglielmo, esperto di mobilità, e persino il prof. Badalà che era stato citato da Bianco come "teste a sua difesa" e che al contrario arriva persino ad invitarlo a vergognarsi. Oggi la volta del Vice Presidente Vicario del Consiglio Comunale, il prof. Sebastiano Arcidiacono, che usa lo stesso mezzo di Bianco, il video su Facebook...ma con esiti un tantino diversi... A quanto pare le migliaia di automobilisti che ogni giorno imprecano da quelle parti hanno proprio ragione a...

Differenziata: la gestione Bianco condanna i catanesi a pagare ancora di più

Oltre allo schifo che c'è per le strade, Catania è anche tra gli ultimi comuni della Sicilia nella percentuale di raccolta differenziata: al 321esimo posto, una vergogna! Quello dei rifiuti, per come ridotto dall'amministrazione Bianco tra gare deserte, "appalti ponte" prorogati, arresti e interdizioni dei più stretti collaboratori del sindaco, è un settore che oltre a riempire i faldoni della Procura della Repubblica, produce danni diretti alla salute dei cittadini ed anche alle loro tasche. La Regione ha infatti pubblicato il decreto che prevede un costo di 20 milioni di euro per il trasferimento dell'immondizia fuori dall'isola e verrà pagato da quei comuni che non raggiungono il 35% di raccolta differenziato. La Catania dell'era Bianco è vergognosamente ferma sotto al 9%. E paghiamo ancora grazie a questi incapaci.

Porto di Catania: Bianco ne aveva promesso l’apertura e l’Autorità Portuale… l’ha chiuso

Ennesima pessima figura e promessa mancata, in linea col Tondo Gioeni, di cui si è parlato proprio ieri, col museo egizio che è diventato barzelletta quasi quanto quello belliniano "virtuale". Un disastro totale, non ne azzecca una. Altro che aprirlo, il presidente dell'Autorità Portuale Annunziata il porto l'ha proprio chiuso e per giunta nei fine settimana!

Enzo Bianco, il Tondo Gioeni e “l’Operazione Verità” …sbugiardata

Il sindaco, ormai scaduto, sta tentando le operazioni più disperate che si siano viste in una campagna elettorale dai tempi di Atene. Dopo la clamorosa "inaugurazione" del patetico finto cantiere della Zona Industriale, sempre più abbandonata ed ora anche presa in giro, ieri un'incredibile video-confessione apparso sulla sua bacheca FB, in cui Bianco prova a scaricare una responsabilità, quella del disastro dell'abbattimento del Tondo Gioeni, che è esclusivamente sua. E viene infatti duramente smentito proprio da quel luminare accademico che lo stesso Bianco cita a suo sostegno, il professore ordinario dell'Università di Catania Antonio Badalà, che dopo aver visto il video interviene anche lui su Facebook definendolo "VERGOGNOSO" con l'aggravante che "CERTE SCENEGGIATE FANNO VENIRE IL VOLTASTOMACO". Una bella "Operazione Verità", non c'è che dire...IL VIDEO

Copertina

Slot Online e Videogiochi: Un mercato che non conosce crisi

C’è un settore che non conosce crisi, che non teme confronti e che, di anno in anno, registra una crescita senza pari, stiamo parlando delle slot on line e dei videogiochi, che costituiscono un mercato florido e dalle grandi potenzialità che promette di essere una delle migliori fonti di guadagno del futuro.

Musei Ciminiere: chiusi nei festivi, nessun sito e pochi visitatori (paganti)

Dopo aver segnalato la strana chiusura nei giorni festivi, in questo caso il primo di maggio, come da anni ormai è prassi solo ai musei de Le Ciminiere, facenti parte della Città Metropolitana, Sudpress ha visitato il più importante di questi, il museo dello sbarco alleato in Sicilia e ha accertato, anche dopo diverse ricerche sul sito della ex Provincia, che oltre ai bassissimi guadagni dovuti ad una pubblicizzazione e valorizzazione pressochè inesistente, effettivamente i visitatori, anche in una bella giornata primaverile, di domenica, si contano sulle dita di una mano, pur se nel giorno in questione l'ingresso potrebbe essere gratuito, in quanto prima domenica del mese, con l'accesso libero in tutti i musei europei ma non in quelli de Le Ciminiere, che a detta dei tre impiegati all'ingresso, non sono statali ma facenti parte della Città Metropolitana e pertanto non aderenti alla convenzione

Sciolto per mafia il consiglio comunale di Trecastagni

Nella seduta n.82 del Consiglio dei Ministri appena conclusa, Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell’interno Marco Minniti, a norma dell’articolo 143 del Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali (TUEL), ha deliberato lo scioglimento dei Consigli comunali di Trecastagni (CT), Surbo (LE), San Gregorio d’Ippona (VV) e Briatico (VV), in ragione delle riscontrate ingerenze da parte della criminalità organizzata. Sindaco l'esponente storico del Partito Democratico etneo, già deputato regionale, Giovanni Barbagallo. IN AGGIORNAMENTO

Affaire milionario Mary Poppins: Bianco revoca decisione di Stancanelli…ma “sbaglia” la sentenza

Ormai la categoria "incredibile" di questa testata è stracolma. L'ultima riguarda una stranissima vicenda che vede in ballo la bellezza di ben 107 milioni di euro. E a dirlo sono gli stessi "concessionari", quindi c'è da credergli. Ormai è pazzesco quello che combinano al comune di Catania. Forse persino peggio delle "transazioni" con le quali l'amministrazione Bianco paga nonostante abbia vinto le cause, in questo caso arriva a dichiarare "l'ottemperanza" ad una sentenza che in realtà non c'entra niente con l'atto che revoca, producendo enorme danno alle casse comunali.

Striscia la Notizia smaschera l’opaca “Amministrazione trasparente” di Bianco: “bloccata ai motori di ricerca”

Il Comune di Catania avrebbe bloccato, rendendole inaccessibili ai motori di ricerca mondiali, come Google, le pagine dedicate all’"Amministrazione trasparente" del proprio sito web. L’accusa pesantissima viene da Striscia la Notizia, la popolarissima trasmissione televisiva guidata da Antonio Ricci della fascia preserale di Canale 5, seguita da milioni di telespettatori. In pratica la sezione contenente gare d’appalto, consulenze e incarichi e tutti gli atti posti in essere dagli enti pubblici, che per legge ogni istituzione deve mettere in rete attraverso il proprio sito internet istituzionale allo scopo di rendere visibile ogni propria attività e prevenire eventuali fenomeni di corruzione, sarebbe stata “oscurata” ai motori di ricerca, commettendo un grave atto illegittimo GUARDA IL VIDEO AGGIORNAMENTO: LA REPLICA DEL COMUNE DI CATANIA

Enzo Bianco alla Zona Industriale… a 40 giorni dalle elezioni

Il video chiarisce meglio dello scritto cosa stiamo raccontando. È arrivato alla Zona Industriale, o in quel che ne resta, col suo drappello di cortigiani più o meno consapevoli che ancora gli vanno appresso, sempre pronti a tenergli bordone e annuire inebetiti durante queste patetiche pantomime sempre più macchiettistiche. Ora, che il protagonista di queste sceneggiate possa anche non rendersi del tutto conto del ridicolo, anche considerato che ormai è vicino ai settantanni, potrebbe anche essere giustificabile se lo si sapesse tranquillo a godersi le sue pensioni, un pò meno se ce lo si ritrova ancora candidato a gestire qualcosa che ha già ampiamente contribuito a distruggere in oltre 15 anni di sindacatura. Ma quello che inquieta ancor di più è proprio la perseveranza di tutte queste comparse che affollano "tavoli" sempre più sfasciati e "cabine di regia" miseramente inconcludenti: ma perché lo fanno? 

Udienza Corte dei Conti. I giudici: “Comune in grave stato patologico”, Bianco:”Colpa della crisi mondiale”

Dopo l’udienza di Bianco e soci alla sbarra dei magistrati contabili, appare sempre più probabile la decisione della Corte dei Conti di decretare il dissesto per la mancata attuazione del piano di riequilibrio e dunque dell’azione di risanamento del Comune di Catania. Anche perché il debito,  in cinque anni di sindacatura Bianco, è aumentato di quasi 500 milioni di euro e il  primo cittadino uscente non ha potuto fare altro che annuire o al più cercare di sviare alle documentate accuse dei magistrati. Un confronto da cui l’Amministrazione Bianco è uscita a pezzi, per via di dati contabili ormai in situazione caotica e con ritardi ( per ultimo anche nella consegna della relazione preventiva al dibattimento di oggi…) che hanno più volte indotto i giudici  a definire “gravemente patologica” la situazione che si è venuta a creare

Speciale

Oltre il danno, la beffa. 500 mila...

Rendiconto 2017: l’Amministrazione Bianco non rispetta i...

Gli orrori “storici” della Catania Film Commission

Cronaca

Tra i primissimi atti del sindaco Pogliese...

Acireale al ballottaggio: Michele Di Re “Per...

Cerimonia di consegna della borsa di studio...

Eventi

Barbara Bellomo presidente di giuria del concorso...

Al via il torneo di calcio benefico...

Premio internazionale del Rotary per l’ideazione della...

Sport

Il Catania Calcio fallisce la promozione in...

Catania, bastano Barisic e Russotto: Feralpisalò battuta...

Nuova avventura per Baiocco e…

Gli ex grandi del Catania Baiocco e...

Al voto

Lungomare: dopo la nuova illuminazione con zone...

Lungomare: nuova illuminazione sulla desolazione del viale...

Comunali 2018, ecco Grasso del M5S: “con...

Login Digitrend s.r.l