381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px) (1)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Bei lavori pubblici a LibrinoSu Sudsport Internazionale Tennis Femminile W35 Solarino, si alza il livello della competizione“Pas de Sicile”: Domenico Cacopardo porta per la prima volta la sua narrazione dal Sud al NordAntonio Presti, poeta dell'arte e della bellezza: un viaggio tra visione e gratitudineSu Sudsport ripresa dei Campionati Ping Pong: il Circolo Etneo sugli scudiDavide Merlino riconfermato ambasciatore del gusto Doc Italy per il 6° annoSu Sudsport successi e delusioni nel weekend sportivo del Cus CataniaUNICT: appaltano all'esterno competenze per le quali sono già pagati e che dovrebbero persino insegnare? 100 mila euro per...I rischi della nuova "colonizzazione energetica" tra i temi di Ecomed 2024 dal 17 al 19 aprileSu Sudsport 40 anni di Elephants: la leggenda catanese del Football americano

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

UNICT e il caso "degli 856 mila euro pagati due volte": arriva una condanna a 342 mila euro, tre "graziati" ed

08-10-2021 08:12

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Università, Focus,

UNICT e il caso "degli 856 mila euro pagati due volte": arriva una condanna a 342 mila euro, tre "graziati" ed una "vittima"

Un "caso" segnalato da Sudpress nel 2015...

schermata2021-10-06alle22-45-12-1633666475.png

Il "caso", tanto per cambiare, lo fece esplodere Sudpress nel lontano 2015 e suscitò parecchio scombussolamento all'interno dell'Università di Catania.

 

Chi non la lesse allora o non la ricorda, ci dia una lettura: è davvero interessante e non è l'unico caso di centinaia di migliaia di euro pubblici che nell'ateneo catanese hanno preso strade tortuose e poi si sono persi.

 

In questo caso almeno una parte pare si possa recuperare. 

Si tratta della famigerata "Torre Biologica" di via Santa Sofia, su cui tra qualche giorno offriremo una piccola "curiosità".

 

Quante decine di milioni di euro costò costruirla ancora non si è del tutto capito e fra tutti gli sprechi spiccò la vicenda di cui ci occupammo nel 2015 e su cui adesso, a distanza di oltre 6 anni dalla nostra denuncia e quasi 10 dal fatto, si è abbattuta pesantemente, anche se parzialmente, la scure della Corte dei Conti.

 

In estrema sintesi: l'appalto venne aggiudicato nel 2008 alla SIGENCO che, per ottenere la liquidità necessaria a sostenere i lavori, cedette ad una banca il credito relativo al contratto.

 

Procedura del tutto normale, come normali i pagamenti effettuati a stato di avanzamento lavori dall'amministrazione universitaria sul conto corrente indicato dalla banca creditrice, almeno sino al 21° SAL.

 

Ad un certo punto infatti, nel 2012, uno di questi mandati di pagamento, per ben 856 mila euro, "sfugge" in maniera alquanto rocambolesca alla procedura regolare e comporta un corrispondente danno: quasi un milione di euro che in pratica vengono pagati due volte.

È una storia gustosa e si ribadisce l'invirto a rileggerla perché sintomatica di quanto accade nella "pubblica amministrazione"...

Veniamo ai giorni nostri: il 24 settembre viene depositata la sentenza 950/2021 della Corte dei Conti, sezione giurisdizionale della Sicilia.

Presidente del Collegio Giuseppa Maneggio, Relatore Salvatore Grasso, giudice Gioacchino Alessandro.

 

Il giudizio di responsabilità era stato iscritto dal Procuratore regionale nei confronti di 5 dipendenti dell'Università di Catania: Giuseppe Verzì (il condannato), Lucio Maggio (la "vittima"), Federico Portoghese, Margherità Zappalà e Agata Buttà (i "graziati").

Nella sentenza si legge che il procedimento, incardinato nel 2020, nasce da una denuncia presentata dall'allora direttore generale Lucio Maggio il 22 maggio 2015.

 

Nonostante sia stato lui stesso a denunciare, Maggio viene coinvolto nel processo contabile per una supposta responsabilità di omesso controllo nella qualità di direttore generale: la sua difesa, composta dagli avvocati Attilio Toscano e Giovanni Immordino ha dimpostrato in corso di causa che quel controllo gli venne sottratto ed appresi i fatti provvide a denunciarli. Per questo è stato prosciolto e gli è anche stato riconosciuto il diritto al risarcimento delle spese legali sostenute.

Lo definiamo "vittima", riconosciuta tale dal Giudice tanto da essere risarcita, soprattutto per il fatto che avendo denunciato la malversazione ha dovuto subire egli stesso un processo non certo gradevole.

 

Veniamo ai "graziati" Portoghese, Zappalà e Buttà, per i quali la Procura contabile aveva chiesto la condanna ad oltre 128 mila euro ciascuno.

 

Nella ricostruzione della Corte si ricorda quanto segnalato da Sudpress in ordine al mandato "incriminato" che veniva liquidato addirittura prima che venisse protocollata la lettera (consegnata a mano ed indirizzata a Verzì e Portoghese) con cui SIGENCO chiedeva il pagamento su un conto scorretto: degli indovini.

 

Non risultano risvolti penali nella vicenda e la Corte dei Conti ha preso atto che nel caso di Portoghese, Zappalà e Buttà, risultavano scaduti i termini per l'esercizio dell'azione risarcitoria e quindi sono stati di fatto "graziati".

 

L'unico condannato risulta quindi Giuseppe Verzì, ora in pensione, al quale vengono chiesti 342.471,46 euro.

 

La sentenza, di 32 pagine, sarebbe bene leggerla e la mettiamo a disposizione:

Una storia pazzesca. 

 

Come quella dei 722 mila euro...


Leggi anche:




Leggi anche gli ultimi articoli:


image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder