381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Povertà a Catania: il dossier della Caritas atto d'accusa implacabile contro la casta di politicantiSu Sudsport Pallanuoto, buona la prima gara dei play off per Giorgini Muri AntichiDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), Antonio Pogliese: "Gli intellettuali scendano in campo"Su Sudsport Pallanuoto, ora si fa sul serio: semifinale play off gara 1 Giorgini Muri Antichi vs. PescaraSuccesso per Rigoletto al Teatro Placido MandaniciBenedettini: solidarietà per la Palestina o per il proprio ego?La fame nel carrello, la spesa come arte tra bonus e volantini.SAC-Aeroporto di Catania: la cerimonia per i 100 anni, ma quanto è costata?Su Sudsport Entra nel vivo il Giro di Sicilia: 200 auto storiche nel ricordo dell'epopea dei FlorioEx Santa Marta, una futura distesa di cemento a cielo aperto?

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Sanità Sicula, Commissario ASP Messina Bernardo Alagna si è dimesso. È indagato per corruzione. Ed è lo st

13-09-2023 06:30

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Focus, Sanità, Regione, covid spese & C.,

Sanità Sicula, Commissario ASP Messina Bernardo Alagna si è dimesso. È indagato per corruzione. Ed è lo stesso del "Caso Sirna", che però è un'altra storia

Vuoi vedere che si scopre che ci possano essere scambi e corruttele tra sanitari e politici?Ma cose da pazzi, roba da non credere…

alagna-asp-e1620991929116.jpeg

A Messina è esplosa la bomba, una delle tante attese.

A farla deflagrare l'indagine che ha coinvolto il commissario straordinario nominato dal governo Schifani dell'ASP di Messina, Bernardo Alagna.

 

Del dott. Alagna ci siamo occupati in queste settimane per l'incredibile caso del dott. Gaetano Sirna, che è un altro commissario straordinario nominato sempre dal governo Schifani, in questo caso del Policlinico Universitario di Catania.

 

Il dott. Sirna dovrebbe essere in pensione dal 2018, ma viene trattenuto in servizio da Alagna, ed ora sino al 2026, con la motivazione che sarebbe indispensabile presso l'ASP di Messina, mentre a Messina non si vede da anni essendo, appunto, commissario a Catania. Robe pazzesche tutte siciliane.

 

Ma non è per questo che la bomba sarebbe esplosa, almeno al momento.

 

Alagna è infatti indagato per corruzione, accusato di aver assecondato i desiderata di un non ancora noto parlamentare per il quale avrebbe favorito quattro medici a lui fedeli, ad i quali avrebbe concesso incarichi ed indennità gonfiati e non dovuti.

 

I medici coinvolti, e per loro l'accusa sarebbe di truffa al sistema sanitario, sono i palermitani Marcello Mezzatesta e Edmondo Palmeri;  il  barcellonese Gaetano Torre, e il  mistrettese Domenico Sammataro.

 

Non risultano al momento indagati il parlamentare, di cui non è ancora uscito il nome e sarebbe il “beneficiario indiretto” della contestata corruzione ad Alagna, ed un'altra figura ignota che avrebbe fatto da intermediario.

 

Si attende per le prossime ore la decisione del GIP sulla richiesta della Procura peloritana che ha chiesto l'interdizione per il manager sanitario ed i medici.

 

Il fatto che Alagna si sia dimesso dovrebbe evitargli di incorrere in misure cautelari avendo rimosso le ragioni, cioè la possibilità di reiterare il reato o di inquinarne le prove. La fuga dovrebbe essere esclusa per presunzione.

 

Le ragioni di questi “favori”, secondo l'accusa, sarebbe il prezzo della corruzione di Alagna per garantirsi la conferma, agevolata dall'ignoto parlamentare, nei ruoli apicali della sanità siciliana.

 

In molti degli articoli poniamo spesso la domanda: “ma perché?”, che in questo caso potrebbe tradursi in un “ma perché nominano sempre gli stessi?” 

 

Vuoi vedere che si scopre che ci possano essere scambi e corruttele tra sanitari e politici?

 

Ma cose da pazzi, roba da non credere…


Leggi anche:














image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder