Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Pubbliservizi, c'è la svolta: il CdA la spunta e presenta reclamo contro il fallimentoODA, Vescovo e Commissario respingono strumentalizzazioni: "La Fondazione è stata salvata, e non è stato facile né è scontato"L'assessore regionale all'Economia Marco Falcone confessa in diretta la lottizzazione della Sanità e inguaia il governo MusumeciPubbliservizi: il Consiglio di amministrazione tenta l'ultima cartaIl TALK delle 10: Lirica, conosciamola perché è una meravigliaIl caso Juventus, la nuova calciopoli: "Può scindersi il divertimento dalla morale?"Sanità, CODACONS denuncia parentopoli al Garibaldi di Catania e ASP Ragusa, Catania e PalermoIM-BA-RAZ-ZAN-TEFallimento PUBBLISERVIZI: il commissario Portoghese risponde picche, silenzio assoluto della politica, cominciano le proteste dei dipendentiPUBBLISERVIZI, ULTIMORA delle 12: lavoratori in presidio attendono il commissario Portoghese, già insediati i Curatori che ricevono il CdA

UNICT, opportuno non generalizzare: "C'È CHI NON CI STA". E con nome e cognome!

19-10-2021 08:00

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Università, Focus,

UNICT, opportuno non generalizzare: "C'È CHI NON CI STA". E con nome e cognome!

Riceviamo la mail, FIRMATA, di un docente di Scienze Umanistiche che la Paino non l'ha votata. E ce ne sono altri...E questo è buono. Molto buono.

aptime-1634615897.png
schermata2021-10-19alle06-13-42-1634616851.png

La notizia della "conferma" ci risultava più eclatante, imputazione a parte, per il fatto che era stata mantenuta del tutto segreta in un clima in cui all'Università di Catania stanno prevalendo censura (basta leggere le "rassegne stampa" dell'Ateneo) e addirittura la secretazione dei verbali degli organi deliberanti Consiglio di Amministrazione e Senato Accademico.

 

Una decisione gravissima, in contro tendenza rispetto a tutta la più recente ed ormai consolidata normativa sulla pubblicità degli atti della pubblica amministrazione.

 

GRAVISSIMA!

Nonostante il clima orribile e quanto ormai da troppo tempo accade all'Università di Catania, è quanto mai opportuno cominciare a distinguere e dare atto che, a fronte di governance sempre più arroccate nella difesa di un sistema indifendibile ed intollerabilmente dannoso per gli interessi generali, vi è una "fronda" che comincia a crescere e, finalmente anche a palesarsi.

 

Non sono pochi infatti quelli che cominciano ad opporsi: ed è questa la notizia.

Una buona notizia.

 

A seguito della pubblicazione dell'articolo di ieri abbiamo ricevuto una mail in redazione, FIRMATA:

"Caro Pierluigi Di Rosa,
sono un docente del Disum e le scrivo a proposito dell'articolo che ha pubblicato in data odierna sul suo giornale.

 

Mi sembra opportuno precisare che non tutti i docenti hanno votato la rielezione della collega Paino.

 

C'è stata una fronda di 18 docenti:

5, tra cui il sottoscritto, hanno dichiarato in modo esplicito il loro punto di vista disertando le elezioni (il dipartimento conosce perfettamente le loro identità; io no);

13 lo hanno fatto in forma mascherata (hanno fatto ricorso alla scheda bianca). 


Numeri esigui, è vero, ma pur sempre significativi.

Intendo dire che tra la classe docente c'è ancora qualcuno che dimostra di avere una coscienza civica. 
La saluto cordialmente."

Siamo rimasti colpiti e abbiamo subito risposto:

"Le esprimo il mio rispetto.

 
Se lei non ha nulla in contrario, mantenendo assolutamente riservata la fonte, (salvo sua espressa autorizzazione), darei notizia di questa realtà. 


Non è intenzione del giornale generalizzare, non a caso a costo di numerose querele indichiamo sempre nomi e cognomi. 
 

Siamo perfettamente consapevoli che c’è tanta gente perbene che deve trovare coraggio e fare rete per strappare Unict al degrado e restituirla alla Città ed ai suoi giovani.
 

In assenza di sue pubblicheremo anonimamente.
 

Grazie, buona vita."
Pierluigi Di Rosa

A stretto giro abbiamo ricevuto l'autorizzazione a pubblicare con l'indicazione del mittente, e la notizia diventa così ancora più buona ed importante:

"Buonasera,
l’autorizzo a pubblicare la fonte. 
Solo una preghiera: niente enfasi, non faccio niente di eccezionale."

Giuseppe Raciti

Giuseppe Raciti è Professore Associato di FILOSOFIA TEORETICA ed insegna Fondamenti di Filosofia al primo anno, Filosofia della Storia al secondo anno e Filosofia Teoretica al terzo anno.

 

Aderiamo alla richiesta: nessuna enfasi, anche se siamo convinti, conoscendo ormai l'ambiente ed avendone subìto personalmente le violentissime e scorrette reazioni, che al contrario purtroppo non è per nulla ordinario poter registrare queste prese di posizione in un contesto in cui, come si legge nelle intercettazioni, operava e continua ad operare gente inqualificabile che si permette di minacciare di "schiacciare come merde" quanti si oppongono ai loro disegni clientelari e totalmente illeciti.

 

Niente enfasi, quindi, ma la certezza che l'Università di Catania è piena di gente perbene e capace e che da questi piccoli segnali si deve ripartire per affermare un nuovo, stavolta davvero nuovo, percorso di legalità e coscienza per l'importantissimo ruolo che si esercita. 

Grazie Professor Raciti

e

grazie a tutti i docenti e dipendenti che non ci stanno.

 

È venuto il tempo di cambiare!


PS: A tutt'oggi il Rettore dell'Università di Catania Francesco Priolo non si è costituito come parte civile nei due processi "Università Bandita"...


image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder