sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

CONTATTI

MENU

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

1280x720

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

DIBATTITO PER CATANIA (e non solo), Nino Rizzo, medico di famiglia: "Occorre una nuova governance dei sistemi sanitari"Potente spettacolo di Emergency venerdì 12 agosto all'Ardizzone Gioeni: oggi alle 18 il Talk di presentazioneCateno De Luca: al via la raccolta di firme per il Sindaco d'Italia. E di SiciliaSAC – Aeroporto di Catania: per l'Autorità Nazionale Anticorruzione è MALA GESTIORegionali, il ridicolo "veto" su Prestigiacomo di La Russa e Lega diventa boomerang: sul gommone pro-migranti c'era la senatrice leghista Valeria SudanoIl TALK di Sudpress, Speciale "Tosca" seconda puntata: sveliamo il misterioso Backstage dell'opera liricaRegione, i colonnelli siculi di FdI giocano col fuoco e mettono a rischio Lazio e premiershipLa tua campagna elettorale falla come si deve con Sudpress, Arti Grafiche Etna e Sicra Press: il massimo della Comunicazione Integrata"Come polli d'allevamento...tra macerie di valori"SI VOTA IL 25 SETTEMBRE: E ADESSO TUTTI ACCATTONI A PIETIRE PER UN VOTO

Centuripe, l'incubo di Michele Sportaro, attivista no-discarica: oche sgozzate in auto

07-11-2018 03:32

Paolo Francesco Reitano

Cronaca, catania, discarica, enna, motta sant'anastasia, oikos, rifiuti, sicilia catania, Danilo Festa, orchestra, finanziere, rimostranze cittadini, giuseppe citati, citati, possibile, minniti, live sicilia,


L'intimidazione contro le idee, la minaccia avversa alla partecipazione attiva, la viltà di chi distrugge senza fiatare: l'inferno di chi si batte contro la futura discarica nell'ennese.E' toccato questa volta a Michele Sportaro: attivista no-discarica di Centuripe, reo di aver organizzato un'assemblea con più di trecento cittadini per discutere del nuovo progetto della società Oikos .



Poco distante da Catenanuova, è prevista la realizzazione di un impianto-monstre di trattamento rifiuti per più di 100 ettari di terreno. La vasca, secondo la relazione tecnica presentata dalla ditta catanese, sarebbe in grado di ricevere un ammontare giornaliero di mille tonnellate di spazzatura.



Presidente del Comitato per l'acqua e i beni comuni di Centuripe, Michele Sportaro ha espresso insieme alla cittadinanza le sue perplessità riguardo l'attuazione della struttura. Si denuncia, soprattutto, la mancata distanza legale necessaria affinché possa sorgere la discarica: soli 3 km dal più vicino centro abitato, al posto dei 5 minimi. La prepotenza dell'atto contro l'attivista centuripino ha le caratteristiche della condotta tipica mafiosa, l'avvertimento tacito di chi non ha il coraggio di fiatare, né di dare spiegazioni.



«Quella in auto aveva la gamba rotta, quella sopra aveva anche il muso rotto, una testa tagliata sopra il tetto, una sopra la tettoia e un'altra appesa»: la testimonianza macabra di Sportaro ai microfoni del TGR, incredulo, si ritrova i cocci del finestrino e del parabrezza macchiati di sangue e di codardia.



E' stata incendiata, inoltre, un'area della casa di campagna in cui si trovava l'auto: provvidenziale l'arrivo dei vigili del fuoco, che hanno evitato l'esplosione di alcune bombole. Il collegamento all'istituzione del Comitato è immediato: messaggi di solidarietà sono giunti dalle associazioni ambientaliste e da personalità del mondo politico, nonostante il [momentaneo] silenzio degli esponenti del governo regionale. La Oikos, intanto, prende le distanze dall'accaduto, auspicando di riuscire ad aprire un dialogo con i cittadini per spiegare la bontà della proposta.



Provvidenziali le parole di Danilo Festa, giovane ex consigliere di Motta Sant'Anastasia e attivista del Comitato No-Discarica del paese etneo, pubblicate sul suo profilo Facebook«Con noi non funziona: più alzeranno il tiro, più noi li combatteremo senza paura. La mafia e i mafiosi fanno più schifo di una montagna di percolato».


image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder