sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

CONTATTI

MENU

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

1280x720

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

DIBATTITO PER CATANIA (e non solo), Nino Rizzo, medico di famiglia: "Occorre una nuova governance dei sistemi sanitari"Potente spettacolo di Emergency venerdì 12 agosto all'Ardizzone Gioeni: oggi alle 18 il Talk di presentazioneCateno De Luca: al via la raccolta di firme per il Sindaco d'Italia. E di SiciliaSAC – Aeroporto di Catania: per l'Autorità Nazionale Anticorruzione è MALA GESTIORegionali, il ridicolo "veto" su Prestigiacomo di La Russa e Lega diventa boomerang: sul gommone pro-migranti c'era la senatrice leghista Valeria SudanoIl TALK di Sudpress, Speciale "Tosca" seconda puntata: sveliamo il misterioso Backstage dell'opera liricaRegione, i colonnelli siculi di FdI giocano col fuoco e mettono a rischio Lazio e premiershipLa tua campagna elettorale falla come si deve con Sudpress, Arti Grafiche Etna e Sicra Press: il massimo della Comunicazione Integrata"Come polli d'allevamento...tra macerie di valori"SI VOTA IL 25 SETTEMBRE: E ADESSO TUTTI ACCATTONI A PIETIRE PER UN VOTO

Il lavoro debilita, specie se il Comune non paga gli stipendi

02-02-2019 04:42

Simone Dei Pieri

Cronaca, catania, cgil, lombardo, sciopero, call center, emergenza, bartolotta, rammendo urbano, scontro sindacale, inquinamento marittimo, comune di Mascali,

Il lavoro debilita, specie se il Comune non paga gli stipendi

whatsapp-image-2019-02-01-at-22-.jpeg

Nove mesi senza stipendi

. Senza rimborso spese. Senza tredicesime. È questa la situazione che si trovano a dover affrontare più di 50 lavoratrici del


Consorzio Il Glicine

 che appunto da 9 mesi non percepiscono stipendio, pur continuando regolarmente a lavorare nei 9 asili nido che fanno parte del consorzio.


Una situazione insostenibile che ha portato ad un blocco lavorativo.


"Abbiamo continuato a lavorare incessantemente"

-ci spiega


Pina Guardo

, lavoratrice CGIL intervenuta in questi giorni-


"nonostante i mancati pagamenti. Lo abbiamo fatto per i bambini e per i genitori che ce li affidano fiduciosi ogni giorno."

Ma ora basta.


E da mercoledì 30 gennaio le lavoratrici, che non ricevono un euro dallo scorso anno, hanno deciso di incrociare le braccia, incontrando peraltro il sostegno delle mamme dei bambini che pur trovandosi private di un servizio fondamentale hanno solidarizzato con loro durante un presidio in Via Galermo 162, davanti l'asilo


La Coccinella

.


Il Consorzio Il Glicine si occupa di 9 strutture comunali, per un totale di


58 lavoratori che non prendono stipendio da 9 mesi.

Di questi, 7 lavoratrici sono state costrette a licenziarsi perché impossibilitate a continuare oltre senza ricevere alcuno stipendio.


"In questi mesi abbiamo avuto incontri con l'assessore Lombardo che, nonostante si sia trovato tra le mani una patata bollente"

-continua-


"si è subito mosso."

Ma la situazione non accenna a risolversi e l'incontro di martedì 29 gennaio (preludio allo stop collettivo) non ha portato alcun risultato: l'azienda sostiene di non avere fondi, l'amministrazione oltre alle quote già versate non può fare altro perché a quanto pare


"si aspetta l'insediamento di un commissario"

e i lavoratori non possono campare d'aria.


A questo punto le lavoratrici, giustamente esasperate da queste mancanze e dopo gli accesi confronti con la proprietà avvenuti in Prefettura, da alcuni giorni sono sul piede di guerra e promettono di non riprendere a lavorare finché non verranno accolte le loro istanze.


La situazione, che non accenna a migliorare, vedrà un'evoluzione (si spera positiva) già mercoledì prossimo, data in cui è fissato un


ulteriore incontro con il Prefetto

.


Urge che il Sindaco prenda a cuore la questione, se non altro per permettere a più di 50 famiglie di trascorrere le festività di Sant'Agata con la giusta serenità. Specie dopo aver


lavorato quasi un anno senza retribuzione.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder