sudpresslogo
sudpresslogo

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

eventi mof 2021 (1)

telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

La guerra e i suoi effetti nel tempo. Per tuttiIntervista a Mons. Antonino Raspanti,Vescovo di Acireale e Presidente della Conferenza Episcopale Siciliana"Caso Baglieri", il CODACONS: "Assessore non paga TARI? CHIARISCA O SI DIMETTA SUBITO"Celebrato il primo congresso della battagliera sezione catanese del sindacato nazionale CUB Trasporti: il dr. Salvatore Ventimiglia confermato Segretario30 giugno/1 luglio a Palazzo dei Normanni il MID.MED SHIPPING & ENERGY FORUML'assessore regionale ai rifiuti Daniela Baglieri da 5 anni non paga ...la tassa sui rifiuti?Un pensiero per Fratel Biagio Conte che sta lottando. AncoraStanno sfidando la furia popolare: aumento tassa rifiuti del 18%Nasce anche a Catania il Gruppo Archeologico Amenanos: tante le iniziative culturali in programmaA Catania il primo Fringe Festival del teatro Off: bando per gli artisti prorogato al 16 luglio

"Lacrime e sangue" di un bilancio fatto con l'accetta

14-03-2017 10:53

Michela Petrina

Cronaca, bilancio, comune, cavlcavia,

"Lacrime e sangue" di un bilancio fatto con l'accetta

progetto-bilancio-di-previsione-20172019-foto-.jpg


Tagli, tagli e ancora tagli. Dalle spese per istruzione e diritto allo studio a quelle per le politiche giovanili, sport e tempo libero, tagli drastici al trasporto pubblico locale, ai parchi e ancora agli interventi a favore della disabilità e del turismo. Soffrono meno le attività a favore della famiglia e i servizi sociali e le spese per gli organi istituzionali (e ti pareva!)



La Giunta Bianco ha pubblicato ieri lo schema di bilancio di previsione 2017-2019 con numeri che si accorciano insesorabilmente rispetto all'anno precedente, ferme restando alcune spese istituzionali. Sembra insomma uno schema fatto più con l'accetta in mano che con la testa.



Ciò perché la fretta è cattiva consigliera. Si corre contro il tempo per arrivare all'approvazione definitiva da parte del Consiglio comunale entro il 31 marzo, data prevista per legge. Ma il nocciolo della questione non è tanto la legge, ogni anno infatti il bilancio preventivo è stato approvato a fine anno (sic!), tanto il fatto che se non si dovesse arrivare in tempo a quella data scadranno i contratti degli 11 dirigenti esterni che cesseranno così automaticamente, lasciando senza vertice altrettante direzioni comunali.



Il progetto esitato dall'Amministrazione passerà adesso al vaglio del Collegio dei Revisori dei Conti del Comune e quindi arriverà in Aula dove prima dovranno essere licenziate le cosiddette "propedeutiche" cioè le delibere relative al Piano Triennale delle Opere Pubbliche e al Dup, il documento unico di programmazione che dovrebbe dettare le linee guida del Bilancio. Due provvedimenti di fatto solo formali, senza capacità di incidere seriamente sulla Manovra Finanziaria vera e propria.



Così com'è, senza stravolgimenti dell'ultim'ora, il Bilancio si presenta "lacrime e sangue" che, come sempre, sono a totale carico dei cittadini, i più deboli, privati di denaro destinato ad alcuni servizi importanti come la scuola, il trasporto e quelli relativi ai disabili.



Già in città si registrano le prime reazioni. Matteo Iannitti, di Catania Bene Comune, nel suo profilo Facebook si pone una domanda alla quale si da anche una risposta. "Quanto spende per il diritto allo studio il Comune d'Italia con il più alto tasso di analfabetismo (tra i comuni con più di 100mila abitanti) e con i tassi più alti di dispersione e abbandono scolastico?" domanda. "Zero" è la risposta.



Progetto Bilancio di previsione 2017_2019


image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder