381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Su Sudsport Il weekend del Cus Catania tra gare e successi"Bubbone Sanità", il Prof. Beppe Condorelli: la beffa di essere banditi dai banditiUn brutto processo contro l'INAIL: lavoratore morto per "asbestosi da amianto". Si ammalò per sfortuna?Su Sudsport Canoa Dragon Boat: record di titoli italiani per il Catania che conquista 12 ori ai nazionali assoluti di velocità e 6 argenti a SabaudiaInchiesta Ordine dei Medici e dintorni, le prime decisioni: condannato l'ex direttore Missale, a processo Razza, Arcidiacono e La Mantia, prosciolto ScavoneIL PROFESSORE GIORGIO CALABRESE OSPITE DEL PROGETTO "E’ PRONTO A TAVOLA" PARLA DI SANA ALIMENTAZIONEA Santa Maria di Licodia uffici comunali irragiungibiliSalute orale e respiratoria: effetti del fumo e di dispositivi innovativi al centro del convegno COI-AIOGSu Sudsport i 12 atleti paralimpici del Ministero della Difesa che hanno attraversato lo Stretto per promuovere lo Sport InclusivoChiusura al traffico Castello Ursino, Mario Venuti (e non solo lui): "Hanno chiuso il lato sbagliato!"

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Il Capo di Gabinetto Massimo Rosso [[chiarisca pubblicamente o lasci l'incarico

21-09-2014 05:24

Desk

Cronaca, Inchieste, dimissioni, fiducia, Legalità, politica, bianco, raccomandati, comunedi catania, plaja, cani, gatti, villa curia, beni, monumenti, Buscema, Severino, ordine dei medici catania, palermo; dipendenti, consiglio di quartiere, maltempo,

Il Capo di Gabinetto Massimo Rosso [[chiarisca pubblicamente o lasci l'incarico

Beni pubblici concessi alle cognate e dichiarazioni pare non corrette al momento dell'assunzione dell'incarico. Bufera sul più stretto collaboratore del Sindaco

bianco-rosso1-.jpgbianco-rosso-.jpg


redazione



Non conosciamo direttamente il dottor Massimo Rosso, capo di gabinetto del Sindaco di Catania, se non per gli atti che dal suo importante Ufficio promanano.



Non abbiamo motivo di metterne in dubbio le qualità professionali, che certamente saranno state alla base della scelta per il delicato ruolo che è chiamato a rivestire.



Ci limiteremo, pertanto, a guardare ai fatti e ad esprimere una valutazione oggettiva sull’opportunità che il dott. Rosso lasci l’incarico, ovvero che chi di dovere gli chieda di lasciarlo, in presenza di circostanze che appaiono documentate, salvo che le stesse non possano essere smentite, come tutti ci auguriamo, dal diretto interessato.


  1. Ed i fatti raccontano che Villa Curia, bene storico e monumentale, sia stato affidato, pare in mancanza di alcuna procedura di evidenza pubblica, ad un’associazione costituita dalle cognate, signore Novelli, del dott. Rosso.
  2. Alle medesime cognate del Capo di gabinetto del Sindaco Bianco sarebbe stata anche assegnata una porzione di spiaggia alla Plaja, dove le stesse hanno realizzato un lido aperto anche ai quattro zampe, ma anche in questo caso senza che vi sia stata alcuna evidenza pubblica.

Fermiamoci a queste due circostanze per dire, che se le procedure di assegnazione sono state rispettate e corrette ed allora nessun rimprovero potrà essere mosso al dott. Rosso, posto che rivestire un ruolo in un’Amministrazione pubblico non fa conseguire un danno per quanti, affini e parenti, concorressero legittimamente per il rilascio di autorizzazioni e concessioni. Ma, se invece ci trovassimo alla presenza di atti che hanno visto l’intervento del dott. Rosso, quando questi avrebbe dovuto astenersi ovvero l’influenza dello stesso, ed allora, prima ancora che in presenza di una condotta di reato, la cui valutazione spetta solo alla Magistratura, saremmo in presenza di una pratica odiosamente nepotistica, che si iscriverebbe nella peggiore tradizione clientelare e familistica di questa nostra sfortunata città.



Un giornale può osservare, documentarsi, riscontrare e tuttavia non ha tutti gli strumenti per accertamenti che esulano dai compiti di un organo di informazione. Ai media spetta però di indicare all’opinione pubblica costumi ed usi che eventualmente si ponessero in contrasto con la trasparenza ed il rispetto della legge; non per incolpare qualcuno bensì per offrire, anche alla persona interessata, la possibilità di chiarire e quindi di tutelare la onorabilità delle istituzioni.



Ora, nel caso di cui ci siamo occupati nella cronaca di questa settimana, ci è parso di cogliere che innanzitutto non vi sia stato un bando aperto ai cittadini per assegnare e destinare quel gioiello architettonico che è villa Curia, né per la Plaja risulta che siano stati banditi concorsi per l’assegnazione di nuovi spazi.



E, dunque, se abbiamo osservato bene, ne consegue che a chicchessia fossero stati assegnati quei beni pubblici saremmo stati comunque in presenza di precise violazioni della legge.



Se si aggiunge che questi beni sono stati assegnati alle cognate del Capo di gabinetto del Sindaco, tutto si fa più grave.



Non  si sente il bisogno di fronte ad un vulnus così evidente alla pratica della legalità di intervenire per chiarire?



La Giunta municipale, in cui il Sindaco Bianco, ha voluto sedesse anche un assessore alla legalità non sente il bisogno di intervenire e chiarire?



Il Sindaco, che è stato Ministro dell’interno, e che ha promesso alla città una svolta legalitaria, non sente il dovere di intervenire  per risolvere?



Il dott. Rosso, per togliere tutti dall’imbarazzo, non ritiene opportuno rassegnare le sue dimissioni?



Sarebbe segnale di grande dignità, che forse porrebbe fine anche agli altri gravi rilievi che vengono rivolti al Capo di gabinetto, accusato di avere dichiarato il mendacio al momento del conferimento dell’incarico allorquando avrebbe omesso di citare d’essere stato revisore dei conti del Teatro Stabile di Catania, che riceve finanziamenti dal Comune, e Presidente del Consiglio di Amministrazione della R.S.S., una società che pare si occupi della regolamentazione del servizio dei rifiuti e che a sua volta sarebbe una partecipata.



Ancora, sembrerebbe che, diversamente da come prescrive la legge, non siano stati altresì documentati i 5 anni di esperienza dirigenziale del buon Rosso.



Si tratterebbe, questa l'accusa,  di elementi specificatamente prescritti dalla legge come causa di inconferibilità dell'incarico e aggravate dal fatto che la loro menzione sarebbe stata omessa e persino occultata nell'autocertificazione prodotta dal Capo di Gabinetto al momento dell'assunzione dell'Ufficio..



Ebbene, se tutto quanto rassegnato corrisponde al vero, e fermo restando ogni altro rilievo di legge, le dimissioni di Rosso si imporrebbero, per rispetto di se stesso ed a tutela della cifra valoriale di questa Giunta che i catanesi hanno votato perché si è posta innanzitutto in antitesi con i “falsi ideologici” del predecessore Stancanelli.



C’è, quindi, da augurarsi che la risposta non sia ancora una volta affidata alla protervia del silenzio ma che un uomo che “decide” come Bianco sappia trarne le opportune conseguenze.



La città attende, i cittadini osservano e giudicano, la stampa libera vigila e documenta.


bianco-rosso1-.jpgbianco-rosso-.jpg
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder