381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Confindustria in campo per la sicurezza informatica delle imprese italiane: la sfida per la sopravvivenzaSu Sudsport Pallanuoto, la grande stagione di Muri Antichi: i ringraziamenti di president Luigi Spinnicchia. E il sognoCongresso Nazionale SIOD: innovazione e sicurezza in Odontoiatria al Centro del dibattitoSu Sudsport Pallavolo: 5 giovanissime atlete catanesi convocate in nazionaleDal 17 giugno una Summer School organizzata dal DICAR di UNICT con il MIT, la più prestigiosa università al mondoASP Catania, succedono cose stranissime: il commissario Laganga, sospeso penalmente, è in servizio ma non firmaSu Sudsport Il Jamboree Internazionale di Minibasket invade Catania: tre giorni di pura passioneL’eterno dramma dei rifiuti in Sicilia: interesse di tutti, soluzione di chi?Si diffonde anche in Italia il Litigation FundingMare "Mostrum": riaprono i solarium ma Catania è bandiera nera.

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Come diventare cantante lirica: la passione e la determinazione di Sabrina Messina

27-09-2021 08:00

Marica Musumarra

Pianeta spettacolo,

Bella, forte, determinata e con una voce inconfondibile: Sabrina Messina, mezzosoprano lirico di professione, vanta una carriera segnata da incontri c

Bella, forte, determinata e con una voce inconfondibile: Sabrina Messina, mezzosoprano lirico di professione, vanta una carriera segnata da incontri con personaggi illustri e concerti memorabili. E oggi, è anche un'insegnante d'eccezione!

In quanti, ancora oggi, pensano che la lirica sia “roba da vecchi”? Un pregiudizio che, nonostante i passi avanti in campo scientifico e le innovazioni tecnologiche d’avanguardia, continua a persistere e insistere senza sosta. Un po’ come “in Sicilia sono tutti mafiosi”, “al nord Italia sono tutti razzisti” o “i musulmani sono tutti terroristi”, anche in questo caso ci si trova di fronte a uno stereotipo basato su dati infondati e talmente tanto superati da non avere, ormai, alcuna ragione di esistere.

 

Per fortuna, esistono storie meravigliose che possono smentire e fare luce su un’arte così entusiasmante e coinvolgente, come quella di Sabrina Messina: cantante lirica di professione, attraverso la combinazione tra il talento innato e il carattere determinato, ha costruito una carriera straordinaria e gratificante basata sull’amore e la passione per la musica. 

 

Gli esordi e le migliori collaborazioni

 

Sabrina inizia a studiare canto moderno a soli 5 anni, influenzata dal contesto familiare molto vicino all’arte in generale: “Mia mamma è un’insegnante di lingue - racconta - oltre che pittrice e poetessa e i miei nonni mi portavano spesso a teatro, dove ho cominciato fin da piccola ad apprezzare la musica lirica. Quando i miei insegnanti si sono accorti della mia voce, diciamo, importante mi hanno consigliato di lavorarci su. Ho iniziato a studiare privatamente, quindi, per accedere al conservatorio, al quale sono stata ammessa con il massimo dei voti. Dopo aver conseguito il diploma, nel 2011, avevo un unico obiettivo: studiare presso le accademie più importanti d’Italia, cioè l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma e il Cubec – Accademia di Alto Perfezionamento Vocale a Modena e così è stato!”. 

Il primo concerto di Sabrina risale al 2005, ancora studentessa e, da quel momento in poi, non si è mai fermata: ha conseguito per 13 master in tutta Italia, si è esibita anche all’estero e ha avuto l’occasione di lavorare con personaggi di un certo calibro, come Mirella Freni e Renata Scotto (i soprano più importanti della lirica), Beppe Vessicchio, il tenore Marcello Giordani, il regista d’opera e conduttore Rai Enrico Stinchelli e le cantanti Gabriella Morigi e Anna Valli.

Solo con la nascita della figlia Aida (un nome scelto a caso), avvenuta nel 2014, decide di rallentare senza però fermarsi: “In realtà ho cantato fino al nono mese di gravidanza - racconta Sabrina - ma con una bambina piccola sarebbe stato impossibile, per me, partire e stare lontana per tanto tempo. Ho selezionato gli eventi, i concerti e le proposte più vicine e ho colto l’occasione per coltivare una passione che ho sempre covato dentro di me: quella per l’insegnamento”. Sabrina, infatti, insegna canto sia lirico, che moderno a livello pubblico e privato e, al contempo, collabora con diversi studi medici per la riabilitazione delle corde vocali. In poche parole, una passione coltivata a tutto tondo!

 

Cosa vuol dire essere un cantante lirico

 

"La lirica è per pochi - afferma Sabrina - e richiede fegato e tanta pazienza. Si tratta di un’arte impegnativa, molto diversa dalla musica leggera. Con questo non voglio sminuire chi sceglie un percorso diverso, ma è molto evidente quanto, ancora oggi, siano sottovalutati i cantanti lirici. Eppure, il nostro è un lavoro che dovrebbe essere preservato, riconosciuto e preservato non solo perché al pari degli altri, ma perché coincide con una forma d’arte a tutti gli effetti”. 

 

Ancora una volta, si ha la conferma di come le più belle espressioni d’arte tipiche della nostra cultura e del nostro Paese vengano sminuite e non correttamente valorizzate proprio dove dovrebbero essere maggiormente apprezzate e tutelate. Prosegue: “Spesso si pensa che preparare, allestire e sostenere un’ora di spettacolo sia un gioco da ragazzi, quando in realtà è il frutto di sacrifici, lavoro intenso e anni di studio costante. Vorrei che, finalmente, si capisse l’importanza di quello che facciamo, del suo valore inestimabile e che, di conseguenza, fosse gratificato e ricompensato (anche dal punto di vista economico) adeguatamente”. 


E il valore inestimabile del cantante lirico e dell’arte che porta sulla scena risiede nella fusione tra voce e anima, così come sostiene Sabrina: “Per me, la voce (insieme agli occhi) è lo specchio dell’anima. Un cantante, in generale, deve essere in grado di donarsi, e anche generosamente, quando si esibisce perché solo questo gli permette di emozionarsi e di far emozionare”. Proprio qui sta la particolarità di un cantante di talento: “La bella voce può capitare - continua - e ce ne sono tante in giro, è un dono; ma se non è collegata all’anima, se chi canta non è disposto a mostrarsi in tutta la sua nudità non riuscirà mai ad arrivare al pubblico e a farsi conoscere e amare per quello che è realmente”. 

 

Il percorso formativo ideale di un cantante lirico

 

Cosa bisogna fare, quindi, per diventare un cantante lirico professionista? “Studiare, studiare e ancora studiare!” afferma Sabrina, sottolineando l’importante dello studio alla base di una professione così importante. E continua: “Molti pensano che conseguita la laurea, terminato un talent o vinto un concorso sia tutto finito. Al contrario, ci si trova solo all’inizio! La crescita sia artistica, che personale non ha una fine, ma va coltivata e migliorata sempre, fino alla morte!”. 


Il pensiero di Sabrina è avvalorato anche dalle tendenze discografiche, televisive e artistiche in generale del momento: “Al giorno d’oggi - spiega - si presta molta attenzione (forse troppa?) all’estetica: se non sei una bella ragazza o un bel ragazzo, puoi avere una bellissima voce ma verrai quasi sicuramente scartato. Purtroppo è brutto da dire, ma è la verità: si dà più valore all’aspetto piuttosto che alla sostanza e, per quanto per me possa essere sbagliato, bisogna farci i conti. Io stessa mi appoggio a due professioniste delle quali non posso più fare a meno, cioè Ketty Pico (stilista, creatrice di bijoux e di accessori) e Francesca Paternò, che mi seguono ovunque vada per curare la mia immagine. Questo, però, non deve essere una scusa per mettere da parte il talento: prima o poi tutti i nodi vengono al pettine e se all’apparenza non segue la sostanza il pubblico se ne accorge”.

"L'arte ha un potere straordinario: quello di curare l’anima dalle ferite lasciate dai momenti brutti"
 

Da allieva a insegnante

 

Come accennato, Sabrina ha declinato la sua passione verso altri fronti e, tra questi, rientra anche quello dell’insegnamento, sua grande passione: “Credo molto nel ruolo dell’insegnante - afferma - e, per quanto mi riguarda, mi aiuta a soddisfare il bisogno di comunicare e trasmettere la mia stessa passione ai miei studenti. Mi confronto ogni giorno con persone di tutte le età, dai bambini delle scuole medie, passando per i ragazzi delle scuole superiori, arrivando agli adulti che seguo durante le mie lezioni pomeridiane e questo mi permette di migliorarmi sia come persona, sia come docente”.

Ma qual è il segreto per coinvolgere grandi e piccini? “La simpatia!” risponde Sabrina, e continua: “Ho constatato che con il gioco si impara meglio, perché non ci si annoia e, di conseguenza, si apprende più facilmente. Grazie al mio carattere scherzoso e solare cerco di creare un ambiente familiare e sereno e di instaurare un rapporto di fiducia con tutti i miei allievi. In questo modo, la musica diventa anche un mezzo per liberare la mente e accantonare per un po’ i problemi della vita quotidiana. Come qualunque forma d’arte, si rivela estremamente catartica”. 

 

"Fai il cantante lirico se…

 

… se è quello che veramente vuoi fare” prosegue Sabrina, e aggiunge: “Spesso i figli cercano di accontentare i desideri dei genitori e, per quanto possa sembrare giusto, non sempre coincide con la vera indole. Per me stessa ho adottato una via di mezzo, una sorta di compromesso: perseguire la carriera lirica e coltivare, contemporaneamente, la passione per l’insegnamento (come suggerito da mia mamma). Con il senno di poi, posso ammettere che mi sia servito, che ho fatto bene; e lo stesso vorrò per mia figlia, dato che non è una prosecuzione della mia persona, ma un individuo a sé stante. E qualunque cosa deciderà di fare io sarò felice per lei!”. 


La famiglia, per Sabrina, è un punto di riferimento fondamentale, un valore imprescindibile e un sostegno irrinunciabile. E lo sottolinea concludendo così: “Devo ringraziare tutti coloro che hanno sempre creduto in me in questo mestiere così difficile. In particolare i miei genitori, mia figlia e il mio compagno che mi danno la forza per affrontare ogni cosa col sorriso e mi appagano soprattutto quando tra il pubblico ci sono loro ad applaudirmi”.

 

Tra i prossimi eventi in programma di Sabrina Messina si possono trovare diversi concerti a Siracusa per associazioni musicali e concertistiche come Associazione Ierna e Amici della Musica, vari concerti sparsi per la Sicilia, altri a Malta e “Cavalleria Rusticana” al Teatro Bellini di Catania. Per le date bisogna avere un po’ di pazienza!

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder