sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo

MENU

CONTATTI

MENU

CONTATTI

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

photo-2022-10-19-13-38-47 2.jpeg
photo-2022-10-19-13-38-47 2.jpeg

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Vergogna San Berillo, nel 2015 ordinanza sindacale incaricava il geom. Salvatore Fiscella "responsabile del procedimento": "Cos'ha fatto?"Il discorso del Vescovo Renna alla Città di Catania, "Costruire con Sant’ Agata: non Babele, ma una città per l’uomo"La Chiesa di Palermo "sospende" padrini e madrine...La scomparsa del cavaliere Pippo Benanti: un grande catanese che "guardava avanti per vedere oltre"Pubbliservizi, il sindacato CONFALI bacchetta i curatori e denuncia: "Persiste una gestione discutibile"Playa di Catania al buio: adesso occorre individuare il responsabile e fargli pagare i danniÈ guerra all'Orchestra Sinfonica FOSS. I sindacati denunciano "pressioni" della direzione sui precari per impedire lo scioperoCominciati gli omaggi alla Patrona: nella chiesa S. Nicolò l'Arena "Agata, la Santa fanciulla" sino al 2 febbraioFinalmente dal 2 febbraio una bella mostra davvero originale a Palazzo della Cultura: Tiziana La Piana "No Way"Il giorno della Memoria e delle ipocrisie

Al drive-in tamponi di Catania danno le mascherine... di carnevale: quanto sono costate?

22-02-2021 07:00

Lucia Murabito

Cronaca, Focus, Sanità,

Al drive-in tamponi di Catania danno le mascherine... di carnevale: quanto sono costate?

Usa e getta, mono strato, non adattabili al viso

mascherinausaegetta-1613940045.jpeg

L’immagine parla da sola.

 

Una confezione di mascherine usa e getta che non sono da considerarsi dpi, che non proteggono da agenti patogeni, che non garantiscono soggetti terzi dal contagio.

 

Insomma, paragonabile ad una maschera di carnevale: in pratica non serve a niente, al limite a celare il rossetto sbavato.

Ma allora che le distribuiscono a fare?


È chiaro che si tratta di quelle che sono state definite "mascherine di comunità", cioè di mascherine che hanno lo scopo di ridurre la circolazione del virus nella vita quotidiana ma che non sono soggette a particolari certificazioni.  Sono prive del marchio CE e prodotte in deroga alla normativa per i DPI (come previsto dall'art. 16 comma 1 del DL 18/2020).


Il “problema” però è che le distribuiscono all’ingresso del drive-in tamponi organizzato dall’ASP all’interno dell’ex mercato ortofrutticolo.

 

Un pacco ad ogni auto distribuito dagli uomini della protezione civile.

 

Per conto di chi? Chi le ha comprate? Quando? E quanto ci sono costate?


Un’operazione di questo tipo poteva avere un senso esattamente un anno fa, quando al paziente1 di Codogno veniva diagnosticato il Coronavirus e nessuno aveva idea di cosa sarebbe successo e cosa bisognasse fare. Quando trovare le mascherine era come vincere la lotteria e il loro costo era esorbitante.


Ma è passato appunto un anno.


Un anno di pandemia e di restrizioni. Un anno di ristoranti chiusi, di eventi sospesi, di teatri vuoti, di matrimoni a porte chiuse e senza ricevimenti.

 

Un anno in cui abbiamo passato un lockdown, zone rosse/arancioni/gialle, Natale senza pranzi e Capodanno senza cenone. Abbiamo rinunciato ad una parvenza di normalità, alla vita sociale, al lavoro come lo conoscevamo con le pause pranzo, il caffè con i colleghi, le strette di mano e gli abbracci.
 

E abbiamo soprattutto imparato a vivere con la mascherina sempre indosso.

 

Ormai ne abbiamo di ogni colore e per ogni outfit: in stoffa, in tnt, lavabili, usa e getta, chirurgiche, ffp2, col filtro e senza filtro... 
 

Si continua a tornare indietro perchè ci si è dimenticato lo smartphone, ma la mascherina è la prima cosa che indossiamo prima di uscire.
 

Per carità, le campagne di sensibilizzazione sono sempre utili, ma davvero serve oggi acquistare e distribuire mascherine usa e getta che non proteggono nessuno?

 

Usa e getta, mono strato, non adattabili al viso.

 

Consegnate a chiunque e immotivatamente. 

 

Ma perché continuano a fare queste cose?

macherinamonousodrivein-1613941784.jpegmascherinagrafica-1613941796.jpeg
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder