sudpresslogo
sudpresslogo

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

giorno-della-mamoria-viii-ediz-300x250

telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

In diretta alle 12.45 i lavori della 4° Commissione del comune di Catania: "La gestione dei rifiuti al tempo del Covid"La querela di Nico Torrisi, top manager della SAC, contro Sudpress: PROSCIOLTI, ERA TUTTO VERO QUELLO SCRITTO. E ANCHE DI PIÚLa Chiesa e il QuirinaleCamere di Commercio, capolavoro di Stefania Prestigiacomo: Agen & C. a casaURCA COVID, convenzione ASP CT con la clinica privata Argento: 348 mila euro per 31 posti per 45 giorni. Senza neanche farmaci, ossigeno e DPI...Claudio Fava definisce Musumeci "il gerarchetto di Militello val di Catania"ALLE 12.45 DIRETTA COMMISSIONE SANITÁ DEL COMUNE SUI MEDICI DI FAMIGLIASanità, covid & c.: parla la presidente della commissione sanità del comune di Catania Sara Pettinato, un chirurgo prestato alla politicaLaura Sicignano saluta Catania e fa il bilancio dei suoi 4 anni alla direzione del Teatro StabileEmergenza Covid, Megna: "Professionisti e volontari pronti. Il Governo Regionale ci consenta di aiutare"

Pista ciclabile nel centro di Catania abbandonata. E ora si tenta di correre ai ripari...

08-09-2017 09:37

Michela Petrina

Cronaca, librino, veronica valenti, consorzio di bonifica catania,

Pista ciclabile nel centro di Catania abbandonata. E ora si tenta di correre ai ripari...

Sudpress se ne era occupato già il 5 luglio scorso, con un articolo che aveva messo a confronto le esperienze di Catania e Palermo in fatto di piste c

whatsapp-image-2017-09-08-at-12-.jpeg

Sudpress se ne era occupato già il 5 luglio scorso, con un articolo che aveva messo a confronto le esperienze di Catania e Palermo in fatto di piste ciclabili. Un confronto ovviamente perso, neanche a dirlo. Oggi apprendiamo che l'Amministrazione Bianco, dopo aver messo a bando la realizzazione della pista ciclabile a Librino, di appena un chilometro per un importo di due milioni di euro, finalmente si accorge che c'è una pista ciclabile che marcisce da ben quattro anni sotto il suo naso. Come Sudpress vi aveva raccontato, la pista compresa tra le vie Di Prima, De Curtis, piazza Falcone e Marchese di Casalotto è da anni in balia di nessuno, nel caos più assoluto, senza una vera delimitazione, con una segnaletica evidentemente carente, divenuta parcheggio indisturbato di motorini e macchine

 

Per mettere in sesto questa pista ciclabile lasciata all'abbandono e non se ne capisce il perché, l'Amministrazione comunale, dopo aver stanziato due milioni di euro per la surreale pista di Librino,  adesso vuole correre ai ripari e ammette che ci vogliono 278mila euro e rotti per quella già esistente. Ma i soldi evidentemente non ci sono. E così il Comune decide di affidarsi a Mamma Regione partecipando ad un bando "per la messa in sicurezza di percorsi ciclabili e pedonali".

 

Catania dovrà quindi partecipare, insieme agli altri enti locali di tutta la Sicilia, liberi consorzi isolani e città metropolitane di Palermo e Messina, in pratica tutte le città, ad una gara regionale, sperando di poterla vincere.

 

La pista, lo ricordiamo, fu progettata dalla Giunta Scapagnini e inaugurata da quella Stacanelli che però non riuscì a completarla fino a piazza Europa.

 

Non resta dunque che attendere l'esito dell'iniziativa regionale che, come scrive l'Amministrazione, rappresenta una "ulteriore opportunità atta a garantire altresì lo sviluppo e la messa in sicurezza di itinerari e percorsi ciclabili e pedonali". In realtà a noi sembra che questa sia nei fatti l'unica degli ultimi quattro anni, vista l'indolenza dimostrata dal Comune con buona pace di chi quelle zone frequenta e vorrebbe anche poterle raggiungere tranquillamente in bicicletta.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder