sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo

MENU

CONTATTI

MENU

CONTATTI

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

photo-2022-10-19-13-38-47 2.jpeg
photo-2022-10-19-13-38-47 2.jpeg

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Vergogna San Berillo, nel 2015 ordinanza sindacale incaricava il geom. Salvatore Fiscella "responsabile del procedimento": "Cos'ha fatto?"Finalmente dal 2 febbraio una bella mostra davvero originale a Palazzo della Cultura: Tiziana La Piana "No Way"Il giorno della Memoria e delle ipocrisie"Catania un giorno nuovo" Sabato 28 gennaio ore 10 Istituto Ardizzone Gioeni sala M. Gaetano ZitoRegione, "non solo Cannes": lo strano caso del consulente dell'ex presidente Musumeci alla cui società va un affidamento diretto da 70 mila euro"Gli artigiani, energia pura sul territorio", l'assemblea CNA di Catania tra allarme e impegnoRegione, "non solo Cannes", Schifani partorisce l'incredibile "soluzione": TRE ORO VINCE TRE ORO VINCE. E la Sicilia perde sempre!Regione, "non solo Cannes": adesso i fari passano sul Jazz...tra festival e FondazioneI lavori del convegno "Cosa salverà il mondo?" dell'associazione CENACUM: perché qualcuno deve cominciare a chiederselo...ERSU Catania: insediato e già al lavoro il nuovo presidente Salvo Sorbello

Rete ospedaliera, Pata (ANAAO Assomed): "dubbi su assunzioni e assistenza"

07-04-2017 09:56

Giuseppe Nibali

Cronaca, Antonino illuminato, Tremestieri Etneo, maresciallo salvo mirarchi,

Rete ospedaliera, Pata (ANAAO Assomed): "dubbi su assunzioni e assistenza"

calapai-pata-.jpg


Dopo l'ok del Ministero della Salute alla rete ospedaliera, continua a crescere l'incertezza dei medici sul futuro delle aziende sanitarie siciliane. Il segretario regionale di ANAAO Assomed Pietro Pata, sentito da Sudpress, non nasconde le preoccupazioni dei colletti bianchi



"Ci sono forti dubbi sulla rete, dal punto di vista economico, territoriale e lavorativo -avverte Pata- Anzitutto ci chiediamo se ci siano effettivamente i fondi per garantire l'aumento del personale come si è pubblicizzato in questi giorni, attivando i presidi di cui si è parlato, e qualora ci fossero, sono gli stessi stanziamenti del 2015? Inoltre, secondo noi, ci sarà un problema con il 118 e i pronto soccorso degli ospedali, che anzichè venire alleggeriti, verranno alla lunga sovraccaricati".



"Non sappiamo come e quando verrà risolto il grande problema dei precari, circa un migliaio, della dirigenza e del comparto sanitario siciliano, a prescindere dai proclami dell'assessore alla Sanità Baldo Gucciardi -continua il sindacalista-. In questo senso sarà necessario aspettare di rifare gli atti aziendali e i documenti sul fabbisogno del personale, stilati dalle varie aziende nel 2016, ma evidentemente ora da rivedere del tutto.



Questo perchè alcune unità operative sono completamente cambiate e trasformate in strutture semplici, con minore necessità di personale, mentre altre invece sono state create ex novo".



"Il Garibaldi Nesima di Catania, non ha presentato, e avrebbe dovuto farlo già lo scorso dicembre su richiesta dell'assessorato regionale alla Salute, un piano di rientro triennale per aver sforato di oltre il 10% la differenza tra costi e ricavi. Oltre al Garibaldi anche altre cinque aziende sanitarie siciliane avrebbero dovuto.  L'ANAAO aveva chiesto contezza in merito, dal momento che avrebbe certamente influito sul personale, senza ricevere però risposta. Oggi noi temiamo che ciò possa ripercuotersi sulle 9000 assunzioni di cui si parla".



Infine, a Catania e provincia nello specifico, dopo aver appreso della scomparsa all'ospedale di Bronte dei reparti di Urologia e Ortopedia e la trasformazione delle unità di Chirurgia, Radiologia e Analisi di laboratorio da complesse a semplici, l'ANAAO denuncia le notevoli anomalie anche nei nosocomi del capoluogo etneo: "Com'è possibile che l'unità di Neurochirurgia dell'Arnas Garibaldi, che fattura 4 milioni di euro l'anno, venga declassata? O la rianimazione pediatrica venga inglobata da quella per gli adulti? Verranno poi ridotti i posti letto in Chirurgia al Policlinico e all'ospedale Vittorio Emanuele, oltre che in altre strutture dei paesi vicini, con ovvie ricadute sui pronto soccorso a discapito della gente, come già detto."



Che questa riforma della sanità siciliana avesse luci e ombre era indubbio, anche per i tempi di gestazione. Che fossero però più i lati oscuri che le certezze, era inaspettato, soprattutto per chi attendeva, forse con troppa euforia, dei cambiamenti in positivo.



 


image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder