381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Quando Luca Sammartino chiedeva a Sudpress 50 mila euro...Su Sudsport Quinto Pareggio Stagionale per il Catania nel Campionato di Serie C di Calcio Femminile17 aprile 9.30 si inaugura ECOMED Green Expo del Mediterraneo a SiciliaFiera di MisterbiancoEcomed 2024: Protezione Civile e sindaci tra i protagonisti della fiera Green Expo del MediterraneoStati generali del Cinema: tre giorni di incontri e dibattitiAcqua e rifiuti, domani e giovedì a Ecomed le “Giornate” di approfondimento organizzate dalla Regione SicilianaLe mani sulle cittàSu Sudsport Automobilismo: Successi della Scuderia RO Racing nel Fine Settimana AgonisticoPoliclinico San Marco di Catania e i malati di sclerosi multipla: ma perché deve essere così estenuante curarsi?ECOMED 2024: Il Green Expo del Mediterraneo dal 17 aprile a SiciliaFiera. Lo racconta il Coordinatore Scientifico Giuseppe Mancini

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Terremoto in Confindustria Catania: l'hanno abbandonata le maggiori aziende della Sanità privata

04-10-2023 06:30

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Focus,

Terremoto in Confindustria Catania: l'hanno abbandonata le maggiori aziende della Sanità privata

Si tratta di aziende che contano l'80% dei posti letto convenzionati dell'intera provincia di Catania

immagine-paura-dellabbandono.jpeg

È evidentemente in forte difficoltà Confindustria Catania, recentemente tenuta fuori dalle altre organizzazioni datoriali sulla vertenza Camera di Commercio-SAC, segno di un isolamento che ne evidenzia una perdita di ruolo nel confronto istituzionale come di presenza sul territorio.

 

Nelle scorse settimane si sono accavallate le notizie dell'acuirsi delle tensioni interne, già covate con gli scontri per arrivare ad una contestata presidenza e poi tra vice presidenze vicarie o meno, ruoli regionali, probiviri che vanno e vengono. Insomma, qualche turbolenza come non si vedeva da anni.

 

Adesso arriva  un vero e proprio terremoto che ha scosso sin dalle fondamenta la sede di viale Vittorio Veneto di Confindustria. 

 

L'ultimo caso, che potrebbe non essere l'ultimo, assume particolare rilevanza, svuotando di fatto uno dei settori più importanti e delicati tra quelli rappresentati dall'organizzazione.

 

Ha infatti ritirato la propria iscrizione da Confindustria la quasi totalità delle imprese associate alla sezione Sanità.

 

Complessivamente le aziende dimissionarie (Policlinico Morgagni, Centro Catanese di Medicina e Chirurgia, Istituto clinico Vidimura, Mater Dei, Casa di cura Valsalva, Sant’Agata e Gibiino) contano circa 150 milioni di euro di fatturato, un buon 80% dei posti letto convenzionati della provincia e insieme arruolano ben oltre mille e ottocento professionisti. 


Un vero e proprio tsunami per Confindustria Catania che in un sol colpo perde tutti i big della sezione sanità capitanata, ad oggi, dal dott. Domenico Musumeci, a cui fa capo l’unico gruppo imprenditoriale rimasto nella Confindustria oggi presieduta dall'anziano imprenditore dei trasporti Angelo Di Martino, già fortemente contestato per aver scelto un board di presidenza dal quale ha tenuto fuori i settori del Turismo e, appunto, della Sanità.

 

La durissima decisione delle aziende dimissionarie rappresenta non solo un segnale politico pesante per l'attuale governance, ma anche un serio problema di sostenibilità della sede catanese, considerando che le casse della confederazione saranno di certo fortemente alleggerite dalla fuoriuscita dei principali imprenditori della sanità locale, dei quali adesso mancheranno le cospicue quote,  che tra l'altro servono anche a pagare le auto di servizio.

 

Quello che trapela è che gli imprenditori del settore non abbiano gradito le recenti modalità di avvicendamento al vertice della sezione sanità e ancor meno le azioni di marginalizzazione subite nel corso degli ultimi mesi, con una organizzazione che a questo punto dovrebbe chiarire quali settori ed interessi rappresenta, anche considerando che altre grandi imprese non hanno lesinato critiche e malumori e non sorprenderebbero ulteriori movimenti.

 

E quindi le domande adesso cominciano a farsi impellenti e probabilmente decisive: 

Chi o cosa rappresentano certe organizzazioni?

Quanto sono utili realmente ai loro associati ed alla comunità di riferimento?

 


Leggi anche:









image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder