Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Fallimento PUBBLISERVIZI: il commissario Portoghese risponde picche, silenzio assoluto della politica, cominciano le proteste dei dipendentiPUBBLISERVIZI, ULTIMORA delle 12: lavoratori in presidio attendono il commissario Portoghese, già insediati i Curatori che ricevono il CdAPUBBLISERVIZI FALLITA, parla il presidente Giuseppe Molino: “Il CDA spettatore impotente, si poteva evitare ma qualcuno ha remato contro”E come ogni Natale torna la buca di via Torino: sempre la stessaEdizione straordinaria del TALK di Sudpress: in diretta alle 11 dal liceo Majorana per un “Anima Mundi” che cambia il mondoIl Talk in diretta alle 10 con "quelli di COMICS" che compie XXIX anniMondiali di calcio in Qatar: perchè?Ottima cosa via di Sangiuliano pedonale il sabato sera e la chiusura dei locali alle 2. E anche piazza Manganelli senza auto parcheggiate"Democrazia Partecipata", solo in 1.876 catanesi hanno votato. Ed è un peccatoDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), per i rifiuti l'avv. Dario Riccioli lancia la proposta delle "Isole Ecologiche Mobili"

“La libertà non è star sopra un albero, non è neanche il volo di un moscone, la libertà non è uno spazi

17-09-2022 07:55

Nicola Filippone

Cronaca, Focus,

“La libertà non è star sopra un albero, non è neanche il volo di un moscone, la libertà non è uno spazio libero, libertà è partecipazione”.

Ad una settimana dal voto il rischio maggiore è l'astensione per apatia

Ad una settimana dal voto, resta ancora molto elevata la percentuale degli indecisi e di coloro che sono fortemente tentati di non votare.

 

Secondo le ultime rilevazioni, circa un italiano su due preferirebbe non recarsi alle urne.

È interessante notare che tra di loro ci sono soprattutto i diciottenni, i cinquantenni e i neolaureati


Riflettiamo assieme su questi dati e proviamo a interpretarli, cominciando dai primi, da coloro che per la prima volta eserciterebbero il diritto di voto.

 

Solitamente la vigilia di un’esperienza nuova è caratterizzata dall’entusiasmo, dalla curiosità e, nella fattispecie, dovrebbe esserci pure una buona dose di soddisfazione, giacché il voto sancisce, in qualche modo, l’ingresso nel mondo degli adulti e quindi di coloro che, a pieno titolo, partecipano alla vita sociale di uno Stato.

 

Ricevere il certificato elettorale, un tempo, equivaleva per un giovane a conseguire la patente di guida, nonostante condurre un’automobile non sia un diritto fondamentale come eleggere il parlamento.

 

Io ricordo molto bene che, durante la mia prima campagna elettorale da maggiorenne, trascorrevo le ricreazioni a discutere con i miei compagni di scuola e a confrontarmi con loro sulla situazione politica.

Gli argomenti di allora vertevano sulle contrapposizioni ideologiche tra democristiani e comunisti, sulle liti furibonde, ma civili e argute, tra Ciriaco De Mita e Bettino Craxi, sull’edonismo reaganiano e thatcheriano, sulla perestroika di Gorbaciov, sulla Milano da bere.

 

Non sono temi da rimpiangere, intendiamoci, ma è innegabile che suscitassero interesse in tutti, compresi i ragazzi, che li coinvolgessero e spingessero a informarsi, a identificarsi con i leader carismatici di allora, a schierarsi e, dunque, a prendere delle posizioni.

 

Chiediamoci cosa, della politica di oggi, potrebbe interessare i giovani o quale esponente politico li affascinerebbe al punto da volerlo emulare.
 

Molto probabilmente, queste stesse motivazioni spiegano le perplessità dei cinquantenni, che appartengono alla generazione maggiormente disillusa dalla politica.

Che ha creduto nell’attuazione di certi ideali, che poi ha visto sfumare, che ha assistito allo sfacelo morale dell’Italia negli anni Novanta, che ha visto cadere gli uomini migliori del Paese, falciati dalla mafia e dal terrorismo, che ha subito il degrado culturale e l’imbarbarimento sociale degli ultimi decenni.

Si capisce, pertanto, l’imbarazzo di dovere scegliere, la difficoltà di trovare persone realmente rappresentative, per condivisione di valori, ideologia e cultura. 


I neolaureati, infine, sono coloro che rientrano nella fascia anagrafica compresa tra i ventitré e i venticinque anni.

Essendo nati alla fine del secolo scorso, non hanno conosciuto direttamente la cosiddetta prima Repubblica.

Qualcuno l’avrà potuta studiare sui libri, ma la loro idea di politica è indubbiamente legata alla fase successiva.

Quella, cioè, molto più spettacolarizzata e urlata, contrassegnata dalla crisi dei partiti storici e da leggi elettorali farraginose, che hanno notevolmente ridotto la libertà di scegliere i candidati più stimati e congeniali.

Una politica senza dubbio impoverita dalla crisi delle ideologie e dal livello culturale di alcuni suoi esponenti.

Condizionata dal dominio della finanza e talora assoggettata agli interessi dei grandi capitali, che hanno, di fatto, trasferito il cuore della vita democratica dalle sedi istituzionali proprie alle borse internazionali, in cui l’andamento dei mercati vale di più della volontà dei cittadini. 


A fronte di tutto ciò, pur comprendendo le ragioni di tanta, diffusa indifferenza, non possiamo che ribadire quanto scritto qualche settimana fa.

Ovvero di superare la tentazione dell’astensionismo e di non rinunciare a un diritto che tanti, prima di noi, hanno agognato e continuano a desiderare in molte parti del mondo, pagando pure di persona per ottenerlo.

 

Come canta il poeta: “La libertà non è star sopra un albero, non è neanche il volo di un moscone, la libertà non è uno spazio libero, libertà è partecipazione”.

 

Non dimentichiamolo! Mai.    

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder