sudpresslogo
sudpresslogo

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

mof edizione 2022

telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Presentato il concerto-evento "Emozioni", Mogol con Gianmarco Carroccia al Teatro Bellini il 18 giugnoIntervista ad Antonio Balsamo, presidente del Tribunale di Palermo23 maggio 2022: la cultura mafiosa celebra il suo trionfo. Perché ha vintoI TALK. SudPress e SudStyle in diretta alle 10.00: "SIAMO TUTTI EDIPO!"Dinamometri: caratteristiche e vantaggi dei modelli digitaliAd Aci Trezza Il Ciclope di Ligama illumina Villa Fortuna"Esterno notte"...un dispiacere essere solo in dieci in salaOrdine pubblico a Catania, interrogazione alla Camera e risposta del tutto inadeguata del MinistroLungomare di Catania dedicato (per finta) a Franco Battiato: il tripudio non è unanimeFondazione Taormina Arte: accesso agli atti sulla nomina del Sovrintendente Ester Bonafede

Tamponi e vaccini, la proposta di Sciacchitano: “La Regione apra ai medici libero professionisti”

07-01-2022 06:00

Lucia Murabito

Cronaca, Focus, Sanità, Regione,

Tamponi e vaccini, la proposta di Sciacchitano: “La Regione apra ai medici libero professionisti”

Le soluzioni e le proposte arrivano, i nostri politici ascoltano? O forse non conviene...

sciacpron.png

Nonostante siano trascorsi ormai due anni dall’inizio della pandemia di Covid 19 i nostri governanti non hanno ancora imparato a fare rete e a prendere le decisioni che potrebbero facilitare percorsi di massa come la vaccinazione o il monitoraggio tramite i tamponi. O forse non conviene.


A niente sono servite 3 ondate di contagi, le decine di varianti e le 3 dosi di vaccino da somministrare: ancora non riusciamo ad evitare di fare file chilometriche per ottenere il risultato di un tampone o per completare il ciclo vaccinale.
Probabilmente è più conveniente così, considerando le spese pazze e il giro d’affari che ruotano intorno alla questione covid in Sicilia. Di esempi ne abbiamo fatti a decine.

 

La soluzione a mio parere ci sarebbe”, afferma ai nostri microfoni il dott. Carlo Sciacchitano, medico del lavoro e volontario vaccinatore nella prima fase della campagna vaccinale.
Si è aperto ai medici di medicina generale, ai pediatri e ai farmacisti. Perché non coinvolgere i medici di libera professione?”, suggerisce Sciacchitano.

 

Parliamo solo a Catania di una platea di circa 10.000 iscritti - prosegue Sciacchitano - che, se potessero eseguire tamponi e vaccini, potrebbero contribuire enormemente a smaltire le folle oceaniche”.
Ovviamente la richiesta, come per i farmacisti, andrebbe fatta su base volontaria e quindi sarebbe supporre di avere 10.000 medici che mettano a disposizione i loro studi professionali, ma i numeri ci sono comunque ed è un errore non sfruttarli. Tra l’altro - continua Sciacchitano - in termini di competenza, perché un farmacista sì e un medico no?”.


Le condizioni potrebbero essere le stesse che sono state date ai farmacisti: 12 € per i tamponi e 9/10 € per la somministrazione vaccinale. Si darebbe la possibilità ai medici di guadagnare qualcosa contribuendo ad alleviare la pressione attualmente in atto sul Sistema Sanitario Nazionale”.
Oltretutto - prosegue Sciacchitano - in alcuni casi, l’influenza di un medico a noi vicino, oltre che la flessibilità di orari e la capillarità di presenza sul territorio, potrebbe essere uno sprono per alcuni restii alla vaccinazione”.

 

Credo che l’interlocutore per questo tipo di proposte debba essere direttamente l’Assessorato regionale alla Sanità”, prosegue il dott. Carlo Sciacchitano.
Come medici libero professionisti non essendo dipendenti non abbiamo un sindacato che possa interloquire con il governo regionale, ma credo che l’assessorato stesso possa far valere quanto scritto sul piano nazionale anti-covid”.


Anche fossimo l’1% di quei 10.000 a metterci a disposizione so bene che sarebbero tanti i cittadini ad affidarsi a noi. In tanti come me in questi due anni hanno contribuito a fare corretta informazione e con gli studi professionali abbiamo una platea vasta di pazienti che si fiderebbero e affiderebbero”, conclude Sciacchitano.

 

Insomma, ancora una volta le soluzioni dalla società civile arrivano e sono i nostri governanti a non volerle ascoltare.

 

D’altronde perché coinvolgere medici volontari se possiamo pagare 27 mila euro al mese i medici degli hub?

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder