Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Pubbliservizi, c'è la svolta: il CdA la spunta e presenta reclamo contro il fallimentoODA, Vescovo e Commissario respingono strumentalizzazioni: "La Fondazione è stata salvata, e non è stato facile né è scontato"L'assessore regionale all'Economia Marco Falcone confessa in diretta la lottizzazione della Sanità e inguaia il governo MusumeciPubbliservizi: il Consiglio di amministrazione tenta l'ultima cartaIl TALK delle 10: Lirica, conosciamola perché è una meravigliaIl caso Juventus, la nuova calciopoli: "Può scindersi il divertimento dalla morale?"Sanità, CODACONS denuncia parentopoli al Garibaldi di Catania e ASP Ragusa, Catania e PalermoIM-BA-RAZ-ZAN-TEFallimento PUBBLISERVIZI: il commissario Portoghese risponde picche, silenzio assoluto della politica, cominciano le proteste dei dipendentiPUBBLISERVIZI, ULTIMORA delle 12: lavoratori in presidio attendono il commissario Portoghese, già insediati i Curatori che ricevono il CdA

UNICT: altri 7 milioni di euro da "investire"? Magari prima chiariscano i milioni scomparsi...

19-05-2020 03:44

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Università,

UNICT: altri 7 milioni di euro da "investire"? Magari prima chiariscano i milioni scomparsi...

unnamed-file-.png


Il comunicato è arrivato nella giornata di ieri: il rettore Francesco Priolo ha annunciato di avere stanziato 7 milioni 450 mila euro di soldi pubblici per il "PIAno di inCEntivi per la RIcerca di Ateneo 2020/2022 (PIA.CE.RI.)". Nomi esotici perfetti per gli allocchi: "Chance", "Starting Grant", "Open access". Solite speranze, ma ai milioni scomparsi nel nulla e agli sprechi per cattedre inutili denunciati da anni non hanno mai risposto. Anzi lo hanno anche rifatto e proprio in questi giorni...



Le ultime notizie che ci è capitato dover dare sull'Università di Catania hanno riguardato una strana chiamata di docenti a Giurisprudenza per materie "economiche" per le quali l'ateneo di professori ne ha a stipendio già una dozzina e la "opportunissima" nomina ad un incarico ministeriale della prof. Maria Antonietta Paino, la direttrice del dipartimento di Scienze Umanistiche (Lettere, per capirci), maggiore protagonista ed indagata per l'altro incredibile "affaire Licandro".



E sono brutte notizie.



Ora l'annuncio dell'ennesimo stanziamento di fondi, milioni su milioni, che si sommano a quelli già stanziati e non solo dall'Università: ogni giorno i comunicati arrivano da ogni istituzione locale, da ogni centro di potere, Regione, comune, partecipate varie.



Questo il testo pubblicato sul Bollettino d'Ateneo:


"Oltre 7 milioni di euro (7,450 per l'esattezza, ndr) per supportare la ricerca nei dipartimenti e nelle strutture dell’Università di Catania. É questo lo stanziamento attivato attraverso la prima annualità del nuovo Piano di incentivi per la Ricerca 2020-22 varato dall’Ateneo in questi giorni, che si articola in cinque linee di intervento, due delle quali introdotte per la prima volta.“É un investimento importante – sottolinea il rettore Francesco Priolo -: Unict investe ben 7 milioni e 450 mila euro per sostenere e consolidare le linee storiche di ricerca e, al tempo stesso, promuovere l’innovazione tecnologico-scientifica e valorizzare il contributo dei giovani ricercatori. La logica adottata dalla ‘cabina di regia’ sulla Ricerca d’Ateneo coordinata dal prof. Salvo Baglio è inoltre quella di incentivare soprattutto le caratteristiche di collaborazione e interdisciplinarità, elementi essenziali  e distintivi della qualità dei progetti di ricerca”.

Poteva mancare la "cabina di regia"? Al prossimo comunicato ci sarà anche l'immancabile "Tavolo".


Intanto


milioni, miliardi

; dall'Europa, dal governo centrale, dai singoli ministeri, da enti di tutti i tipi...


e non si capisce mai che fine fanno.Ed il bello è che arrivano davvero e vengono anche "rendicontati" e "collaudati": ma di opere e risultati sul territorio meno di zero.

E allora, piuttosto che partecipare al coro giubilante di imbecilli o complici, noi proviamo quantomeno a


mantenere la memoria

, almeno sui casi più eclatanti:


PERCHÉ SONO SOLDI PUBBLICI SOTTRATTI A CHI NE HA BISOGNO E PRIMA O POI DOVRANNO RISPONDERNE!

Per quello che ci riguarda non consentiremmo a chi non è in grado di chiarire i casi gravissimi e documentati più volte denunciati, di gestire neanche un centesimo di denaro pubblico e neanche un concorso per usciere.


Ricordiamo che


la governance dell'Università di Catania non ha neanche dato notizia dell'apertura di procedimenti disciplinari

nei confronti di quei docenti coinvolti nell'indagine della Procura "Università Bandita":


non occorre affatto attendere gli esiti giudiziari perché ad un'istituzione seria sarebbe bastato il contenuto delle intercettazioni diffuse ampiamente per assumere i dovuti provvedimenti a tutela del decoro di un Ateneo che non a caso è agli ultimi posti di tutte le classifiche del mondo!

E invece abbiamo anche assistito ai


"ringraziamenti" pubblici nientemeno che del Decano Di Cataldo ad uno degli indagati

e ad


altri che tornano a dirigere nonostante indagati come nulla fosse!

Adesso altri 7 milioni da spendere?


Bene, bravi, bis.


Ma prima è


indispensabile chiarire

chi deve rispondere e rimborsare agli studenti catanesi e loro famiglie


gli 856 mila euro pagati due volte per la costruzione di Torre Biologica

, che per canto suo ancora non si è capito quanto è costata in più del previsto.


Chiarire per quale motivo sono stati liquidati


700 mila euro per una "transazione" basata su una marchiana leggerezza

.


Spiegare che fine hanno fatto i


722 mila euro del progetto Unifarm bocciato dal ministero.

Tanto per citarne un paio, senza esagerare: solo per un minimo di decenza. Ma la lista è lunga, lunghissima, troppo lunga per essere tollerata a meno di ammettere di essere la città più delinquente del mondo.


In carenza non dovrebbe essere consentito di spendere neanche un euro, né assumere altri docenti e ricercatori di nessun tipo: perché così


la Comunità di cui viene gestito il denaro e condizionato il futuro NON SI PUÓ FIDARE!E prima o poi reagirà.

AVVERTENZA PER PM, GIP E GIUDICI (nel caso di denuncia per diffamazione questo inciso fa parte integrante dell’articolo): questo, come tutti gli altri dedicati a vicende dell’Università di Catania, è indispensabile, a fini di giustizia, valutarlo in relazione a tutti gli altri pubblicati, (alcuni elencati in via non esaustiva in calce e compresi quelli che saranno pubblicati prossimamente), in quanto fa parte di un’unica organica attività d’inchiesta giornalistica orientata alla funzione di pubblica utilità di raccontare le dinamiche del potere locale, i metodi di gestione di enti pubblici e l’utilizzo di pubbliche risorse. Di conseguenza toni e contenuti sono direttamente correlati alla successione narrativa.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder