sudpresslogo
sudpresslogo

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

mof edizione 2022

telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Presentato il concerto-evento "Emozioni", Mogol con Gianmarco Carroccia al Teatro Bellini il 18 giugnoIntervista ad Antonio Balsamo, presidente del Tribunale di Palermo23 maggio 2022: la cultura mafiosa celebra il suo trionfo. Perché ha vintoI TALK. SudPress e SudStyle in diretta alle 10.00: "SIAMO TUTTI EDIPO!"Dinamometri: caratteristiche e vantaggi dei modelli digitaliAd Aci Trezza Il Ciclope di Ligama illumina Villa Fortuna"Esterno notte"...un dispiacere essere solo in dieci in salaOrdine pubblico a Catania, interrogazione alla Camera e risposta del tutto inadeguata del MinistroLungomare di Catania dedicato (per finta) a Franco Battiato: il tripudio non è unanimeFondazione Taormina Arte: accesso agli atti sulla nomina del Sovrintendente Ester Bonafede

Il presidente dei medici, la consigliera comunale e la piscina abusiva

02-10-2014 05:27

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, allagamento, danni, giorgio santonocito,

Il presidente dei medici, la consigliera comunale e la piscina abusiva

Massimo Buscema ed Ersilia Severino raggiunti il 2 settembre da un'ingiunzione di demolizione per una piscina abusiva in cemento armato di 16 metri per 12 in pi

piscina-.png2014-05-25-10-.jpg2014-05-25-11-.jpg2014-05-25-10-.jpgvisura-2-.pngingiunzione-1-.pngingiunzione-2-.pngvisura-1-.pngvisura-11-.pngvisura-12-.png


Della vicenda che raccontiamo Sudpress si era già occupata poco prima dell'estate su segnalazione di alcuni residenti della zona che avevano anche sporto delle denunce, rimaste a loro dire, senza esito e per tale motivo intendevano renderla pubblica.



La redazione aveva quindi contattato, come fa sempre per le dovute verifiche, gli interessati ma, pur constatando la veridicità dei fatti, veniva convinta, anche con l'esibizione di varia documentazione che a questo punto non sappiamo bene a cosa si riferisse, che l'abuso era stato sanato e che lo spiacevole caso fosse superato.



Ma la storia ritorna con una recentissima determina del dirigente dell'ufficio antiabusivismo del comune di Catania, la 1028 del 2 settembre 2014 che riportiamo integralmente in calce.



E' un'ingiunzione di demolizione. E allora sul caso dobbiamo proprio tornare.



Riguarda una porzione di una villa davvero di gran pregio, in pieno centro di Catania, una traversa di via Monserrato.



Bella davvero, grandi volumi attorniati da un parco che appare rigoglioso, nonostante l'intervento di cui parleremo.



Cosa mancava a quella bella casa?



Una bella piscina, naturalmente. Magari quasi olimpionica, 16 metri per 12, con una profondità fino a 2,5 metri, da far impallidire la Virgin.





Qualche problema se quell'opera proprio non si potrebbe fare in base alle norme vigenti?



Ma no, basta presentare una perizia "asseverata" con la quale si asserisce che la ditta (e vedremo che ditta) vorrebbe solo realizzare una "vasca irrigua" non soggetta ad alcuna autorizzazione. Ma i vigili urbani accertano qualcosa di diverso: in realtà si tratta di uno "scavo armato in cemento", che dovrebbe significare che è stata realizzata un'opera abusiva in cemento armato e per di più in zona sismica.





Fin qui potrebbe trattarsi del solito odioso abuso edilizio in scempio di un bel parco antico che seppur privato andrebbe preservato, ma la faccenda si complica proprio per la "personalità" dei componenti la "ditta" che questo abuso ha perpetrato e quella strana perizia ha presentato.



Si tratta nientemeno che del presidente dell'ordine dei medici di Catania, Massimo Buscema, e di sua moglie, la consigliere comunale tra le più vicine al sindaco Bianco, Ersilia Severino.



I coniugi sono proprietari al 50% ciascuno dell'immobile che in visura risulta catastato come edificio popolare ed economico, con una rendita catastale di appena 134 euro, nonostante le immagini fotografiche mostrino qualcosa di non proprio polarissimo.





 





 



Pare che sulla vicenda sia stato aperto un procedimento penale, stranamente solo a carico del presidente Buscema (che a suo tempo ce lo ha confermato) e non anche della consigliera Severino e che poi sia stato archiviato sulla base di una qualche autorizzazione che però, alla luce della recente ingiunzione di demolizione, non si capisce a cosa si riferisca.





A tutt'oggi, il manufatto in cemento armato è ancora lì, come tranquillamente rimangono ai loro prestigiosi posti di rappresentanza dei cittadini la consigliera comunale Ersilia Severino e di rappresentanza dei medici il presidente Massimo Buscema.



Catania, è una città davvero incredibile.



antiabus. buscema urb 1028



Immobile di tipo tipo economico e popolare



Visura Buscema Severino 


piscina-.png2014-05-25-10-.jpg2014-05-25-11-.jpg2014-05-25-10-.jpgvisura-2-.pngingiunzione-1-.pngingiunzione-2-.pngvisura-1-.pngvisura-11-.pngvisura-12-.png
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder