381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Vaticano: il prof. Battaglia ricevuto in udienza da Papa Francesco. Presentato progetto umanitario in AfricaSu Sudsport Calcio: il Catania vola alto, vittoria epica nel primo round dei Playoff!ASP Catania: dopo il terremoto giudiziario, ancora senza commissario e con i direttori sanitario e amministrativo (probabilmente) illegittimi?Villa Bellini: «il salotto di Catania»? Forse lo sgabuzzino.Su Sudsport A Ortigia studenti da 30 Paesi per celebrare lo sport con la 16° edizione della Regatta ESCPSu Sudsport Calcio a 5, lacrime e soddisfazione al Palawagner: il Mascalucia è in finale playoffGiù le mani dalla Magistratura. E dalla Procura di CataniaL'Associazione La Prima organizza l'evento Libertà in CorsoSu Sudsport Pallanuoto, buona la prima gara dei play off per Giorgini Muri AntichiPovertà a Catania: il dossier della Caritas atto d'accusa implacabile contro la casta dei politicanti senza arte né parte

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Ex Santa Marta, una futura distesa di cemento a cielo aperto?

16-05-2024 06:30

Christian Costantino

Cronaca, Focus, Ex ospedale Santa Marta,

Ex Santa Marta, una futura distesa di cemento a cielo aperto?

Lavori di demolizione iniziati nel gennaio 2021. Con la speranza (vana) di poter aumentare il verde pubblico.

Lavori di demolizione iniziati nel gennaio 2021

photo_2024-05-15_10-41-46-(2).jpeg

"Oggi si è avuto modo di sbirciare il cantiere della piazza che sta sorgendo sui resti del padiglione dell'ex Ospedale Villermosa. Si è rimasti atterriti. 

Se la ricostruzione a maglia quadra curata dal Duca di Camastra ha consentito l’edificazione di palazzi nobiliari in spazi di ampio respiro, fra cui lo splendido edificio del Vaccarini o Battaglia che sia dell'ex Ospedale Santa Marta sullo sfondo, lasciando con ciò segni di antico splendore, le arraffazzonate riqualificazioni tentate oggi lasceranno ai cittadini ed ai turisti la misura della ignoranza, superficialità e incompetenza di chi l'opera ha realizzato."

 

Comincia così la lettera agguerrita inviataci da un lettore che, giustamente, lamenta quello che sta accadendo nello spazio dell’ex Santa Marta, progetti anacronistici e di dubbio gusto.

 

Continua: "L'amministratore deve garantire il benessere dei cittadini e promuovere lo sviluppo delle attività economiche, in particolare il turismo, per riqualificare la città. Questo richiede un ambiente accogliente e armonioso che lasci ai turisti un ricordo positivo e li spinga a tornare. La riqualificazione deve considerare due principi: l'ambientazione storico-artistica e l'aspetto climatico."

 

In linea di massima, è giusto abbattere un luogo che non ha nessun futuro, nessuno scopo e, soprattutto, nessun interesse storico. 

Ma con i tempi che corrono e l’attenzione per il cambiamento climatico, il verde e le politiche di sostenibilità, non è una buona mossa colare milioni di metri cubi di cemento per farci una piazza di dimensioni faraoniche.

 

Girano alcuni render di come saranno i progetti futuri, ma di verde se ne vede davvero poco.

photo_2024-05-15_10-41-47.jpeg

Immaginate un piccolo bosco in mezzo alla città, dove i cittadini possono accedervi tranquillamente, senza spazi di vendita, senza altri negozi, ristoranti, ecc... Solo alberi.

 

Se non vogliamo farlo per i cittadini, facciamolo per non essere in classifica come:  “Ultima città per verde urbano.”

 

Questa piazza diventerà un altro piccolo polo commerciale o lasceremo agli alberi (ed a noi) un po’ di spazio stavolta?

 

Ci piace sempre citare quel tragico luglio dello scorso anno, quando mancò per 72 ore l'energia elettrica in tutta Catania a causa delle temperature elevate del suolo e di tutti i climatizzatori messi (incoscientemente) a temperature da polo nord.

 

Uno spazio verde, per quanto piccolo, aiuta a diminuire la temperatura di una città.

 

Concludiamo con una provocazione che, per quanto ironica e iperbolica, ha in fondo di verità:

Possiamo avere più ristoranti che parchi? Più negozi che prati? Più centri commerciali che alberi?

 

Ogni albero in più in questo futuro spazio sarà una vittoria per tutti.

Ecco qui alcuni dei rendering di come dovrebbe venire, cemento più cemento meno: 

photo_2024-05-15_10-41-46.jpeg
photo_2024-05-15_10-41-45.jpeg

[foto in copertina: NewSicilia].


Leggi anche:


image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder