sudpresslogo
SUDPRESSLOGO

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

IN EVIDENZA


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

UNICT, hanno fatto anche questa: l'imputata Marina Paino "confermata in segreto" Direttore di Scienze UmanisticheSudStyle Talk alle 11 in diretta: "Con un Iphone si può raccontare la Storia o scattare una Poesia?""Non è mai indolore cambiare un ceto politico inadeguato"Museo Diocesano di Catania, venerdì e sabato 31 relatori e 4 moderatori su "Arte e Gender"UNICT, "Università Bandita 2": rinviati a giudizio Enzo Bianco, Orazio Licandro, Maria Antonietta Paino e altri 42 baroni, baronetti e baronucciAll'Ardizzone Gioeni la mostra di fotografi down "Innocenti scatti di emozioni"UNICT: ma la pagano la TARI su Torre Biologica?Elezioni, Centrodestra in affanno: Musumeci perde anche Caltagirone, avanti gli autonomisti, PD-5Stelle ci credonoIl Teatro Stabile presenta il suo bilancio: una buona praticaSudStyle Talk in diretta alle 11 di Teatro si parla con un Gigante: Eugenio Barba

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Pubbliservizi: l'Ordine degli Avvocati sgancia bomba sulle decisioni della Città Metropolitana

28-06-2021 07:02

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Focus, Pubbliservizi,

Pubbliservizi: l'Ordine degli Avvocati sgancia bomba sulle decisioni della Città Metropolitana

La manifestazione di interesse disposta dalla Città Metropolitana sarebbe addirittura "contra legem"...così il tempo passa e cominciano ad arrivare i privati

pubbliavvocati-1624856029.png

Seguiamo le vicende dell'importante società pubblica partecipata dalla Città Metropolitana di Catania ormai da anni e rischiano di diventare più grottesca di quelle intorno al Calcio Catania: e non c'è neanche un Tacopina con cui prendersela.

 

Le ultime si avvitano attorno alla disperata e disperante ricerca di consulenti legali e finanziari in grado di presentare al Tribunale Fallimentare di Catania un concordato che abbia la credibilità necessaria di evitare un fallimento che però, a quanto pare, non tutte le parti coinvolte hanno davvero a cuore.


In fondo ci sono in gioco "solo" 360 lavoratori con le loro famiglie e alcuni dei servizi pubblici essenziali che dovrebbe svolgere proprio questa partecipata, (manutenzioni, custodie e pulizie ad esempio) e che invece sembra stiano già andando "all'esterno" con appalti milionari: ma questa è un'altra storia di cui ci occuperemo a breve.

 

Già dallo scorso aprile la tensione si è alzata con i lavoratori e sindacati in agitazione e poi in sit in mentre si svolgevano le "assemblee del socio" in cui venivano fissate linee guida che a quanto pare risultano oggi difficilmente realizzabili e comunque di certo dilatorie, con il risultato di mettere a forte rischio il percorso di recupero della società all'ordinaria amministrazione.

 

Anche sui social si è scatenata la polemica:

Ma a destare adesso le più forti preoccupazioni è la decisione della Città Metropolitana di imporre un percorso tortuoso per la nomina dei professionisti esterni che dovranno redigere questo ormai famigerato concordato straordinario da sottoporre al Tribunale Fallimentare e la cui scadenza è ormai ravvicinata.

 

La decisione, proposta dal Segretario Generale della Città Metropolitana Rossana Manno e deliberato dal sindaco metropolitano Salvo Pogliese, di sottoporre la scelta ad un "avviso pubblico" con un limite di spesa e condizioni particolarmente proibitive si sta rivelando un vero boomerang.

 

Al di là infatti delle inevitabili problematiche burocratiche, è addirittura intervenuto con una nota ufficiale nientemeno che l'Ordine degli Avvocati di Catania che ne contesta persino la legittimità.

 

La nota, emessa il 26 giugno e pubblicata sul sito istituzionale dell'Ordine a firma del suo presidente avv. Rosario Pizzino, comincia con l'informare Pubbliservizi della decisione di "non diffondere l'avviso avendo rilevato criticità".

 

E le specifica queste criticità: "In primo luogo, l'avviso appare contrario ai principi che regolano la concorrenza, posto che non risulta indicato alcun limite al ribasso, richiesto sull'onorario base, in spregio alla normativa vigente in tema di equo compenso."

 

Infatti, spiega il presidente Pizzino, "Nell'ordinamento giuridico italiano vige il principio per cui la prestazione professionale dell'Avvocato configura un'obbligazione di mezzi. Di contro, in seno all'aviso, il pagamento dell'onorario spettante al professionista è subordinato all'accoglimento del concordato proposto, configurandosi così una obbligazione di risultato (contraria tra l'altro al divieto del patto di quota lite tra cliente ed Avvocato.).

 

E ancora: "Del tutto aleatoria è la seconda condizione (contenuta nell'avviso pubblico, ndr) al cui avverarsi è previsto il pagamento del compenso, e cioè il ritorno in bonis della società."

 

La conclusione dell a nota è un esplicito invito a "rettificare la manifestazione di interesse, eliminando i. punti di criticità rilevati."

 

Invito che in realtà è una decisa sconfessione di quanto deliberato dall'assemblea dei soci, anzi del socio, essendo le due condizioni criticate quelle poste come necessarie per poter procedere alla nomina.

Così il tempo scorre e cominciano ad arrivare aziende private a svolgere servizi di competenza della Pubbliservizi...

0001-1624855684.jpg
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder