Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Fallimento PUBBLISERVIZI: il commissario Portoghese risponde picche, silenzio assoluto della politica, cominciano le proteste dei dipendentiPUBBLISERVIZI, ULTIMORA delle 12: lavoratori in presidio attendono il commissario Portoghese, già insediati i Curatori che ricevono il CdAPUBBLISERVIZI FALLITA, parla il presidente Giuseppe Molino: “Il CDA spettatore impotente, si poteva evitare ma qualcuno ha remato contro”E come ogni Natale torna la buca di via Torino: sempre la stessaEdizione straordinaria del TALK di Sudpress: in diretta alle 11 dal liceo Majorana per un “Anima Mundi” che cambia il mondoIl Talk in diretta alle 10 con "quelli di COMICS" che compie XXIX anniMondiali di calcio in Qatar: perchè?Ottima cosa via di Sangiuliano pedonale il sabato sera e la chiusura dei locali alle 2. E anche piazza Manganelli senza auto parcheggiate"Democrazia Partecipata", solo in 1.876 catanesi hanno votato. Ed è un peccatoDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), per i rifiuti l'avv. Dario Riccioli lancia la proposta delle "Isole Ecologiche Mobili"

Fallimento PUBBLISERVIZI: il commissario Portoghese risponde picche, silenzio assoluto della politica, cominci

01-12-2022 07:08

redazione

Cronaca, HOMEPAGE IN EVIDENZA, Pubbliservizi,

Fallimento PUBBLISERVIZI: il commissario Portoghese risponde picche, silenzio assoluto della politica, cominciano le proteste dei dipendenti

Il video del primo incontro tra i dipendenti dopo la notizia della dichiarazione di fallimento

LAVORATORI IN PRESIDIO - IN AGGIORNAMENTO

progetto-senza-titolo-(1).jpeg

Seguiremo passo passo questo ennesimo esempio di sciatteria politica di questa sciattissima città in cui tutto sembra propendere verso l'apertura di un conflitto sociale dagli esiti sempre più pericolosi.

 

L'aspetto più inquietante, tra i tanti, è l'assoluto silenzio delle istituzioni, della politicanza, che ha seguito la notizia della dichiarazione di fallimento di una società pubblica con 360 dipendenti che da questo momento si ritrovano praticamente in mezzo ad una strada: perché di questo si tratta, brutalmente.

 

A leggere le carte, quelle almeno trapelate sinora, la netta impressione è che la società potesse salvarsi e tornare ad essere utile davvero alla comunità con un minimo di gestione oculata ed altrettanta attenzione da parte del socio Città Metropolitana: non è stato così e se ci sono responsabilità precise e personali lo accerterà il collegio dei curatori che si è già messo al lavoro.

 

Anche perché per pagare i debiti, considerato che non c'è alcun patrimonio da liquidare e non ci saranno più contratti, non gli resterà che attivare le azioni di responsabilità per poter recuperare qualche euro.

 

Ma a prescindere dal futuro, adesso il tema più urgente è capire se esiste la volontà del socio, oggi rappresentato da un commissario straordinario di nomina regionale e che si chiama Federico Portoghese, ex direttore generale dell'università di Catania già noto ai nostri lettori.

 

Ieri si è tenuto un primo incontro con i dipendenti della partecipata, convocati dal segretario regionale del sindacato SIFUS-Confali Lucia Inzerillo, l'unico esponte sindacale intervenuta, ed alla presenza del presidente del CdA Giuseppe Molino con il consigliere Giuseppe Bonaccorsi, gli unici che ci hanno messo la faccia e che godono del rispetto dei lavoratori.

 

Il primo elemento emerso è che ci sarebbero appena 13 giorni, ed ogni giorno ne passa uno, per poter tentare a proporre un ricorso che rimetta in discussione la decisione, magari fornendo quegli elementi che probabilmente sono mancati sino a questo momento.

 

Nel corso dell'incontro gli animi si sono scaldati ma ancora, per fortuna, non troppo, e si è deciso di chiedere al commissario Portoghese di recarsi in sede per chiarire la situazione.

 

Disponibilità che è stato richiesta dalla segretaria Inzerillo anche al fine di evitare i disagi che si sarebbero rischiati qualora fossero stati i lavoratori ad andare in comune.

 

Disponibilità che non c'è stata ed una delegazione si è recata in comune dove il commissario l'ha ricevuta limitandosi ad affermare che avrebbe valutato l'opportunità di un'eventuale ricorso.

 

Incontro dal quale i dipendenti sono usciti ulteriormente sconfortati, avendo inteso chiaramente che l'ipotesi più accreditata sarebbe quella di far morire Pubbliservizi affidandone all'esterno le varie mansioni sinora svolte.

 

Da oggi cominciano le proteste che si svolgeranno presso la sede di Città Metropolitana di via Nuovaluce.


Leggi anche:











image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder