Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

ODA, Vescovo e Commissario respingono strumentalizzazioni: "La Fondazione è stata salvata, e non è stato facile né è scontato"L'assessore regionale all'Economia Marco Falcone confessa in diretta la lottizzazione della Sanità e inguaia il governo MusumeciPubbliservizi: il Consiglio di amministrazione tenta l'ultima cartaIl TALK delle 10: Lirica, conosciamola perché è una meravigliaIl caso Juventus, la nuova calciopoli: "Può scindersi il divertimento dalla morale?"Sanità, CODACONS denuncia parentopoli al Garibaldi di Catania e ASP Ragusa, Catania e PalermoIM-BA-RAZ-ZAN-TEFallimento PUBBLISERVIZI: il commissario Portoghese risponde picche, silenzio assoluto della politica, cominciano le proteste dei dipendentiPUBBLISERVIZI, ULTIMORA delle 12: lavoratori in presidio attendono il commissario Portoghese, già insediati i Curatori che ricevono il CdAPUBBLISERVIZI FALLITA, parla il presidente Giuseppe Molino: “Il CDA spettatore impotente, si poteva evitare ma qualcuno ha remato contro”

ULTIMO GIORNO PER VOTARE "La casa di Toti": con un semplice clic [[possiamo aiutare un bel progetto

29-09-2014 19:31

Pierluigi Di Rosa

Cronaca,

ULTIMO GIORNO PER VOTARE "La casa di Toti": con un semplice clic [[possiamo aiutare un bel progetto

SINO ALLE ORE 24 DEL 24 OTTOBRE. Sudpress fa appello a tutti i suoi lettori per aiutare la famiglia di Toti a realizzare una casa-comunità per ragazzi con probl

nati-.jpg


Simona Scandura e Pierluigi Di Rosa



Dichiariamo subito l'obiettivo di questo articolo: far vincere un premio del valore di 50.000 euro ad una famiglia catanese che intende realizzare un progetto davvero importante.



Il premio è messo in palio dal gruppo assicurativo Axa che ha indetto il concorso "Nati per proteggere."



Il concorso premierà la più votata tra storie di impegno e solidarietà.



Si può votare andando sul sito di "Nati per proteggere",  cliccando sul pulsante "vota ora", scegliendo il video "Un figlio speciale"  e inserendo la propria mail.



Semplicissimo. Provate a farlo, noi di Sudpress lo stiamo facendo ogni giorno, (il regolamento prevede infatti che si possa votare più volte).



La storia di Toti, ragazzo sedicenne di Catania, è quella di una famiglia che non si piega di fronte a niente e non rinuncia a sorridere alla vita nonostante debba lottare più di altri per ottenere ciò che gli spetta.



La mamma Muni, dolce e giovane signora dall'aspetto delicato, è in realtà una leonessa dal carattere indomabile, consapevole di dover convivere con la difficile situazione del giovane Toti colpito da diverse psicosi che lo rendono complicato da gestire e dovendo anche seguire il più piccolo della famiglia, Felice di 12 anni.



La famiglia di Toti ha incontrato nel corso degli anni enormi difficoltà, soprattutto di natura burocratica ed amministrativa, per assicurare al figlio l'indispensabile assistenza, dovendo spesso affrontare da sola enormi spese e sacrifici.



Muni, con il marito Michele, entrambi impiegati, si considera però fortunata rispetto a tante altre famiglie che proprio non riescono a trovare soluzioni.



E ancora più fortunati si ritengono perché la loro famiglia possiede un antico casale del '700 in provincia di Ragusa, nella bellissima Modica.



Questa struttura, in una parte, è occupata da un albergo stagionale, mentre una gran parte, questo il sogno di Muni, potrebbe diventare una vera e propria residenza-comunità, un "albergo etico" lo definiscono loro, in grado di ospitare ragazzi con patologie analoghe a quelle di Toti e quindi compatibili sotto il profilo dell'assistenza.



Il progetto prevede, con la ristrutturazione ed adeguamento della struttura, l'inserimento anche lavorativo dei giovani disabili nell'attigua struttura alberghiera, che in questo modo ed adeguatamente assistiti da personale specializzato, potrebbero garantirsi un futuro dignitoso e soddisfacente.



Un progetto simile consentirebbe alle famiglie coinvolte di evitare le lunghe trafile per entrare in strutture spesso non del tutto adeguate e che non possono essere in grado di supportare in maniera efficace patologie tra di loro incompatibili.



Quello della famiglia di Toti è un progetto fattibile, estremamente concreto e saremmo davvero contenti che il premio di Axa possa andare in Sicilia.



Non abbiamo voluto approfondire la storia di Toti perché basta vedere i video per capire, non servono parole e preferiamo siano Muni e Toti a spiegare.



C'è tempo sino al 24 di ottobre per votare ed in questo momento il video della famiglia Lanza si trova al secondo posto in classifica.



Un voto al giorno per Toti è il nostro impegno.



Vi chiediamo sia anche il vostro.


http://youtu.be/PvxTR_PkZGU


image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder