381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Convegno del Consorzio Conlegno a Catania: un'analisi sulla Biodiversità e il Patrimonio Forestale ItalianoSu Sudsport Automobilismo e motociclismo - Ottima seconda posizione per i portacolori della scuderia RO racingVabbè, non abbiamo altro da fare che raccontarloFCE, tratta ferroviaria Catania Borgo – Paternò: ultima corsa con eutanasiaSu Sudsport concluso a Catania il Campionato del Mondo dello Sport d'ImpresaSu Sudsport la prima tappa del Campionato Regionale di Beach Soccer Serie B "Sabbie di Sicilia"Catania la "Edimburgo del Sud": guardia medica della Plaia chiusa per spazzaturaSu Sudsport Calcio a 5: Meta Catania è Campione d'ItaliaAl via Catania Summer Fest 2024: la Villa Bellini e la "Edimburgo del Sud"Ci rimane solo Enna per fare un bagno al mare.

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Le mani sulle città

16-04-2024 13:00

Christian Costantino

Focus, antimafia, mafia, aste giudiziarie,

Le mani sulle città

Aste giudiziarie nelle mani della mafia.

81-schermata-2020-05-16-alle-21-22-11.png

Proprio come il noto film di Rosi che parla di speculazione edilizia, criminalità organizzata e politica corrotta,  tra Catania, Siracusa e Teramo, diventa realtà. 

Le tre città sono al centro di un'operazione antimafia ancora in atto, con oltre trecento carabinieri del Comando provinciale di Catania che stanno eseguendo misure cautelari. 
Le accuse riguardano diciassette persone coinvolte in associazione mafiosa, traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, turbata libertà degli incanti, e corruzione.

 

Turbata libertà degli incanti significa:

 

Utilizzo di violenza o minaccia, o con doni, promesse, collusioni o altri mezzi fraudolenti, impedisce o turba la gara nei pubblici incanti o nelle licitazioni private per conto di pubbliche Amministrazioni.

 

L'ordinanza è stata emessa dal gip del Tribunale di Catania nell'ambito dell'indagine "Athena", coordinata dalla Procura Distrettuale etnea e condotta dai Carabinieri della Compagnia di Paternò.

Questa inchiesta è nata dalla denuncia di un imprenditore locale, minacciato da mafiosi per ritirare l'offerta dalla vendita all'asta un lotto di terreni.

 

Non diamo per scontato che dei cittadini denuncino dei mafiosi. 
Un uomo che prenda le “corna da terra” e va a denunciare dei mafiosi dovrebbe essere visto come un esempio, ma mai come una rarità.

 

Emergono anche i dettagli sulle aste giudiziarie di immobili controllate dall'organizzazione, con il coinvolgimento di clan come i Morabito-Rapisarda e Assinata, legati alla famiglia Santapaola-Ercolano di Cosa Nostra.

 

Ormai non ci si sorprende più, i nomi delle famiglie sono sempre le stesse da 40 anni, praticamente questi nomi sono come i jeans, non passano mai di moda.

 

L'operazione rivela anche il coinvolgimento di un avvocato siracusano che avrebbe favorito l'aggiudicazione di un appartamento al figlio di un soggetto associato alla mafia.

 

Questo forse è il vero scandalo:
Dietro gli immobili all’asta non ci sono solo cattivi pagatori o frodatori seriali, ci sono anche imprenditori che le banche hanno messo ko in stile usurario.
Ci sono famiglie che camminano sul filo di un rasoio. 
Insomma, non è la classica cosa che i siciliani onesti e forse disillusi liquidano con:

 

“Cose fra di loro”

 

No, questo dovrebbe mettere luce su che legami ci sono tra mafia, banca e magistratura.

Tra le attività illegali dei Morabito-Rapisarda c'è anche il traffico e lo spaccio di stupefacenti. Durante le indagini sono stati sequestrati circa 71 chili di droga e arrestate otto persone in flagranza di reato.

 

Quello del  trovare  stupefacenti quando si cercava altro ormai è diventata prassi a Catania, fa quasi ridere.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder