Da pochi minuti è stata resa nota la decisione del Tribunale del Riesame di Catania che ha accolto l’impugnazione degli avvocati difensori Enzo Mellia e Pierfrancesco Continella.

Barbagallo, all’epoca in carica come sindaco di Acireale, viene coinvolto nell’operazione “Sibilla” che lo ha portato in carcere lo scorso 23 febbraio e sino alla fine di marzo, quando sempre il Tribunale del Riesame e sempre su richiesta del collegio difensivo affievolisce la misura restringendolo ai meno duri domiciliari.

Nel frattempo Barbagallo, che ha sempre respinto le accuse, si è dimesso dalla carica di sindaco ed oggi con questo nuovo provvedimento ottiene la completa libertà in attesa che si compiano gli esiti  del processo iniziato il 3 luglio e che lo vede coimputato con altri 16 indagati.