lunedì - 09 dicembre 2019

Sequestrati beni per tre milioni di euro a referente degli Ercolano di Scordia

Il sequestro comprende attività commerciali, beni mobili, immobili e soldi, per un valore totale di tre milioni di euro. L’intero ammontare è da ricondursi a Rocco Biancoviso, classe 1967, già arrestato due volte in passato perchè appartenente a Cosa Nostra etnea, nell’ambito dell’operazione “Chaos 2” e per estorsione aggravata durante l’operazione “Pizzini”

Sgominati i “Vikings” del CARA di Mineo: 19 arresti per associazione mafiosa e armata

Sono stati tutti arrestati con l’accusa di associazione per delinquere di tipo mafioso, ma non solo. Il gruppo, appartenente ai “Vikings” o “Supreme Vikings Confraternity”, è accusato anche dell’aggravante di associazione armata, associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope, detenzione, trasporto e cessione di cocaina e marijuana, con l’aggravante dell’aver commesso

“Terre e giovani liberi dalle mafie”: il 25 gennaio a Catania, la voce di chi lotta ogni giorno

L’evento, organizzato da Francesco Nicosia e Amalia Zampaglione, si svolgerà all’Ostello degli Elefanti, a Catania, in via Etnea 28, e avrà come tema la lotta alla criminalità organizzata. Quest’ultima, da nord a sud, ancora oggi dopo anni di stragi e ingiustizie, non riesce ad essere del tutto estirpata, costituendo un veleno tremendo che infetta il

Commemorato il 38° anniversario dell’eccidio dei tre Carabinieri a San Gregorio di Catania

Il 10 novembre del 1979 al casello autostradale di San Gregorio di Catania la mafia uccise barbaramente tre servitori dello stato, il Vice Brigadiere Giovanni Bellissima di 24 anni, e gli Appuntati Salvatore Bologna di 41 anni e Domenico Marrara di 50 anni, in servizio al Comando Provinciale di Catania. Oggi sono stati ricordati nel

Antimafia: maxi sequestro ad un esponente del clan Cappello

Un’azienda di trasporti e numerosi mezzi ed appartamenti riccamente arredati, per un valore di oltre un milione e mezzo di euro sono stati sequestrati dalla Polizia di Stato di Catania. Si tratta di beni riconducibili a un pericoloso soggetto considerato elemento di spicco del Clan Cappello,. responsabile di numerosi  e gravi episodi  delittuosi IN AGGIORNAMENTO

Operazione antimafia: la Polizia sequestra beni per 12 milioni di euro nel settore rifiuti

Beni per un valore di oltre 12 milioni di euro riconducibili a un soggetto orbitante nell’area di un “noto sodalizio mafioso” sono stati sequestrati dalla Polizia di Stato di Catania nell’ambito di un’operazione antimafia i cui dettagli verranno resi noti in mattinata. Il provvedimento ha riguardato, in particolare, diverse aziende operanti nel settore della gestione

Leo Gullotta legge Giuseppe Fava il 14 settembre al teatro Odéon

Nel 92° anniversario della nascita di Giuseppe Fava, la sera del 14 settembre, si terrà una serata di lettura e spettacolo, in ricordo del giornalista ucciso da “Cosa Nostra” nel 1984. Presente, l’attore catanese Leo Gullotta, che leggerà brani di scritti inediti di Fava. Lo spettacolo si terrà al teatro Greco Romano di Catania (entrata da

Camera Commercio, Agen a Sudpress: “E’ il momento di fermare la falsa antimafia”

La vicenda della Super Camera di Commercio del Sud Est con l’accorpamento di Catania, Siracusa e Ragusa si avvia, speriamo, al suo ultimo atto con l’insediamento dei 32 consiglieri camerali giorno 31 luglio prossimo alle 10.30. A convocarli l’assessore alle attività Produttive e vicepresidente della Regione Mariella Lo Bello che, dietro la diffida di un

Adrano, operazione antimafia, 39 fermati: Sodalizio tra clan Scalisi-Santangelo

I malviventi fermati appartengono al clan Scalisi di Adrano, e a tutti è contestata l’aggravante di associazione armata, associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione e spaccio, tentato omicidio, estorsione, rapina, furto, ricettazione, reati in materia di armi, danneggiamento seguito da incendio. Di grande importanza, nell’attività di spaccio, l’accordo trovato con il

Operazione “Carthago 2”, 26 arresti a San Cristoforo e San Giovanni Galermo

Una imponente operazione del Comando Provinciale, guidato dal colonnello Francesco Gargaro, ha visto impegnati oltre 100 Carabinieri da stamani a San Cristoforo e San Giovanni Galermo. I militari hanno passato al setaccio due interi agglomerati del centro e della periferia nord della città considerati tra i più redditizi “supermarket” della droga, su richiesta della locale Direzione

Arrestati i killer di imprenditore agricumicolo vittima della lupara bianca nel 2015

Carmelo Navarria, Gaetano Doria, Gianluca Presti e Stefano Prezzavento, presunti appartenenti al clan Santapaola – Ercolano, della frangia operante a Belpasso, sono stati arrestati dai carabinieri di Catania, perchè accusati di essere gli esecutori materiali dell’omicidio dell’imprenditore di Paternò Fortunato Caponnetto, scomparso ad aprile 2015

Pensione e indennità per l’ergastolano Galletta. I particolari dell’arresto di stamani

Più di mille euro al mese di pensione, oltre all’indennità di accompagnamento, per un totale di 200mila euro circa. Tanto ha percepito per ben 9 anni, dal 2008 ad oggi, l’ergastolano e boss mafioso Maurizio Galletta, 50 anni, arrestato questa mattina dagli uomini della Direzione Investigativa Antimafia guidata da Renato Panvino coordinata dalla Procura Distrettuale

Antimafia, a Palermo sequestri per Gaetano Ciaramitaro

Scattati i sigilli alla macelleria “Toni Ciaramitaro”

Antimafia, sgominato clan nigeriano: 23 fermi in tutta Italia

Azzerati i vertici dell’organizzazione criminale, fermato anche il capo della “base” italiana

Partinico, villa hollywoodiana sequestrata a boss della mafia

Colpito Benedetto Valenza, figlio e nipote dei boss di Borgetto Salvatore ed Erasmo

Francesca Raciti su dichiarazioni prefetto: “Continuerò a svolgere il mio lavoro”

Registra stupore il presidente del consiglio comunale a seguito delle parole del Prefetto Maria Guia Federico sentita ieri all’antimafia.

L’eurodeputata Chinnici: “Mio padre e Borsellino hanno sacrificato la vita per affermare la legalità”

Sono trascorsi 24 anni da quando nella Strage di via D’Amelio persero la vita il magistrato Paolo Borsellino e i suoi cinque agenti di scorta. Tra dieci giorni, invece, il 33esimo anniversario della morte del giudice Rocco Chinnici, ucciso da un’autobomba. Il ricordo della figlia ed europarlamentare Caterina Chinnici

In cinquemila al fianco di Antoci: “Bel segnale per la Sicilia, non mi sento solo”

A Sant’Agata di Militello corteo organizzato dai sindaci dei Nebrodi e dalla Federazione antiracket italiana per esprimere solidarietà al presidente del Parco dei Nebrodi scampato tre giorni fa a un agguato mafioso

Licata, beni per 20 milioni di euro confiscati a imprenditore edile

La misura trae origine nel giugno del 2007 da una lunga ed articolata attività di indagine patrimoniale, iniziata dal nucleo di polizia tributaria delle Fiamme Gialle, su delega della Dda di Palermo, nei confronti di Angelo Stracuzzi e del padre Giuseppe

Legalità, Rosy Bindi: “La mafia non esisterebbe se non ci fosse rapporto con la politica”

Nel contesto così delicato in cui ci troviamo- caratterizzato da malaffare, delinquenza e inganno travestito da antimafia- Paternò fa sentire la sua voce attraverso l’incontro “La cultura della legalità contro la mafia per lo sviluppo e la democrazia” 

Gli agghiaccianti video che hanno incastrato Pino Maniaci

Sul sito del Corriere della sera i video (a questa pagina). Il direttore di Telejato non potrà soggiornare nelle province di Palermo e Trapani. La misura è stata emessa dal gip del Tribunale di Palermo, su richiesta della Dda

Arrestati 11 fiancheggiatori del capomafia latitante Messina Denaro

Pizzini e una fitta rete di “protettori”. Continua la caccia ai favoreggiatori del mafioso Matteo Messina Danaro che sarebbe in fuga dall’Italia. Lo Voi: “La mafia resta un’organizzazione unitaria”

Catania, si muove il corteo in memoria delle vittime di mafia

Speranza, unione e ricordo. Queste le parole chiave della giornata di oggi. Un corteo che parte da villa Bellini e che prosegue per le vie della città in onore delle tante, troppe, vittime di mafia. Leo Gullotta: ” Questo cancro, la mafia, è terribile e deve essere distrutto”

Login Digitrend s.r.l