Grazie alla scoperta di alcuni “pizzini” durante una perquisizione in casa di Aldo Ercolano, scoperta dai finanzieri etnei una banda dedita al “recupero crediti” col metodo mafioso cui si sarebbe rivolto uno dei soci della società Sicilsole di Mazzarrone operante nel settore dei trasporti. In carcere Aldo Ercolano, Antonio Tomaselli e Rocco Biancoviso ritenuti al vertice della cosca Ercolano, l’imprenditore Salvatore Sinatra ai domiciliari.

Destinatari della misura cautelare in carcere sono tre esponenti di vertice della famiglia di cosa nostra catanese “Santapaola-Ercolano”:

–      Aldo ERCOLANO (classe 1974), figlio del defunto Sebastiano (classe 1944) e fratello di Mario (classe 1976, attualmente recluso). Per ERCOLANO la misura cautelare è stata eseguita presso il carcere di L’Aquila, dove si trova recluso per effetto di altro provvedimento restrittivo eseguito il 14 giugno 2016 nell’ambito della famosa operazione “Brotherhood”, condotta dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Catania e che ha portato alla luce i rapporti illeciti esistenti nel capoluogo etneo tra esponenti della massoneria, imprenditoria catanese ed appartenenti alla criminalità organizzata;
–      Antonio TOMASELLI(classe 1966), inteso “penna bianca”, reggente della famiglia “Ercolano” dopo l’arresto di Aldo ERCOLANO, anch’egli recluso in carcere dal novembre del 2017;
–      Rocco BIANCOVISO (classe 1967), alter ego di TOMASELLI nel territorio di Scordia (CT), già colpito da misura cautelare personale in carcere nel novembre del 2017.

L’attività investigativa è stata sviluppata dalle Fiamme Gialle etnee a seguito della perquisizione domiciliare eseguita presso l’abitazione di Aldo ERCOLANO all’atto dell’applicazione della misura in carcere disposta per l’operazione “Brotherhood”, nel corso della quale furono ritrovati degli interessanti messaggi scritti a penna su fogli di carta (c.d. “pizzini”) sui quali vi erano annotati importi e nominativi di persone fisiche e di aziende, nonché fotocopie di documentazione riferibili a “pratiche di recupero crediti” affidate allo stesso Ercolano, in teoria privo di titoli ufficiali per occuparsene.

L’approfondimento di tali elementi indiziari, supportato dall’esecuzione di intercettazioni telefoniche e ambientali nonché dall’analisi di copiosa documentazione bancaria, ha fatto emergere che alcuni di tali documenti erano rappresentativi di somme che dovevano essere riscosse da parte degli esponenti apicali del clan per conto di un imprenditore che si era a loro rivolto per ottenere illecita soddisfazione degli insoluti debiti di un suo cliente commerciale.

Le risultanze investigative, che hanno trovato riscontro anche nelle dichiarazioni di un collaboratore di giustizia, hanno comprovato che in tale modo Salvatore SINATRA (classe 1964), socio della predetta “SICILSOLE S.R.L.” e sottoposto agli arresti domiciliari, grazie all’opera del clan era riuscito ad ottenere da un imprenditore suo cliente la forzata restituzione di somme dovute a titolo di debiti commerciali.

In particolare, è stato accertato che in più occasioni i tre citati appartenenti al clan, con minacce consistite nel far valere la loro appartenenza all’associazione di stampo mafioso e paventando al debitore che avrebbe subito danni all’azienda e che si sarebbero altresì impadroniti dei macchinari e beni strumentali della stessa qualora non avesse corrisposto direttamente a loro la somma di € 20.000 relativa ad un residuo di credito vantato dalla “SICILSOLE S.R.L.”, hanno costretto la vittima a corrispondere a quest’ultima impresa, mediante bonifico, una prima rata di €2.000 per l’importo dovuto.