In 5 anni ne hanno solo aumentato il degrado. Parti di automobili, fustini di detersivo, cibo, plastica e carta ovunque: dal Borghetto Europa fino alla circonvallazione, passeggiando dal lato del mare,  si trovano innumerevoli quantità di spazzatura tra gli scogli, gettati incivilmente dalle persone senza alcun ritegno. Il Lungomare di Catania, che dovrebbe essere una delle maggiori attrattive della città, è diventato una vera e propria discarica: nessuno se ne accorge?

Lo spettacolo è davvero indecente e imbarazzante: basta guardare oltre le transenne che delimitano gli scogli e si trovano rifiuti di ogni tipo sparsi lungo tutto il percorso: stoviglie di plastica, cartoni, fustini di detersivi, addirittura copri cerchioni di auto, cartoni della pizza, bottiglie e sacchetti e teli di plastica, resti di cibo, lattine e chi più ne ha più ne metta.

La situazione va avanti da anni e in passato gruppi di cittadini volontari hanno ripulito alcuni tratti di costa dai rifiuti, ma la pulizia è durata ben poco. L’impegno dei cittadini è senza dubbio apprezzabile ma gli incivili tornano puntualmente a gettare i rifiuti nell’ambiente e da parte dell’Amministrazione non c’è nessun intervento concreto che prevenga e contrasti, in maniera efficace, questo fenomeno.

Si incontrano turisti che vorrebbero scattare delle foto ma non sanno bene che inquadratura studiare per non fotografare anche i rifiuti: davvero sconcertante. C’è anche chi va a correre per rilassarsi e godere del paesaggio marino, ma la vista, purtroppo, non è certo delle migliori.

“E’ desolante tutto questo e  mi rammarica vedere il Lungomare trattato come una discarica –afferma Chiara, una ragazza che periodicamente si reca sul posto per correre e rilassarsi un po’- sono affezionata a Catania e credo che uno dei suoi punti di forza dovrebbe essere il Lungomare, ma non può essere lasciato allo sbando in questo modo. Ci sono rifiuti ormai incastrati tra le parti più nascoste degli scogli e sarebbe anche pericoloso andarli a rimuovere. Bisognerebbe infatti studiare un apposito sistema di rimozione che non costituisca un pericolo per nessuno ovviamente, ma andrebbe fatto al più presto. Si rischia davvero che il lungomare diventi una vero immondezzaio, possibile che non interessi a nessuno? Che pubblicità è per la città? Spero si muova qualcosa al più presto”.

Ma la responsabilità di questo su chi ricade? Sicuramente a gettare i rifiuti nell’ambiente sono persone incivili, ma possibile che nessun organo competente si sia mai accorto della drammatica situazione? Forse si crede che ormai i rifiuti siano diventati parte integrante del paesaggio naturale.

Tra l’altro non c’è nessuna sorveglianza nella zona. Dove sono le misure di prevenzione e contrasto a questo fenomeno di cui nessuno parla?

Il lungomare di Catania va salvato e non lasciato annegare tra i rifiuti di un’umanità incosciente e menefreghista.