Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Fallimento PUBBLISERVIZI: il commissario Portoghese risponde picche, silenzio assoluto della politica, cominciano le proteste dei dipendentiPUBBLISERVIZI, ULTIMORA delle 12: lavoratori in presidio attendono il commissario Portoghese, già insediati i Curatori che ricevono il CdAPUBBLISERVIZI FALLITA, parla il presidente Giuseppe Molino: “Il CDA spettatore impotente, si poteva evitare ma qualcuno ha remato contro”E come ogni Natale torna la buca di via Torino: sempre la stessaEdizione straordinaria del TALK di Sudpress: in diretta alle 11 dal liceo Majorana per un “Anima Mundi” che cambia il mondoIl Talk in diretta alle 10 con "quelli di COMICS" che compie XXIX anniMondiali di calcio in Qatar: perchè?Ottima cosa via di Sangiuliano pedonale il sabato sera e la chiusura dei locali alle 2. E anche piazza Manganelli senza auto parcheggiate"Democrazia Partecipata", solo in 1.876 catanesi hanno votato. Ed è un peccatoDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), per i rifiuti l'avv. Dario Riccioli lancia la proposta delle "Isole Ecologiche Mobili"

SAC-AEROPORTO DI CATANIA: il manager dello "strano bando" di Torrisi è stato rinviato a giudizio

26-10-2020 06:52

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, SAC&CamCom, Focus, NICO TORRISI, enac, Marco Franchini, Camera Commercio Sud Est,

SAC-AEROPORTO DI CATANIA: il manager dello "strano bando" di Torrisi è stato rinviato a giudizio

É l'accountable manager selezionato senza neanche titolo di studio e che ha sostituito il predecessore Palumbo che temeva di essere arrestato per colpa di Nico

aperturafranchini21-1603688228.png

La notizia è semplice, di facile comprensione e si inquadra in un contesto che si complica ad ogni passaggio: l'aeroporto di Catania ha come massimo dirigente, scelto dall'aministratore delegato Nico Torrisi con una stranissima selezione, un soggetto che è imputato per abuso d'ufficio a Brindisi.

 

Tanto per cambiare l'avevamo anticipata già a gennaio...e adesso si ingarbuglia ancora di più, peraltro intrecciandosi con l'altra vicenda appena uscita dell'ex accountable manager Antonio Palumbo che, intercettato, dichiarava alla propria madre di temere di essere arrestato per colpa di "Nico".

 

Palumbo, nella intercettazione, affermava di aver invitato la dirigenza SAC a sostituirlo, appunto perché non voleva essere arrestato, nominando al suo posto qualcuno che fosse disponibile a fare quello che chiedevano.

 

Infatti, si legge testualmente negli atti degli investigatori, che Palumbo "sente la necessità di cambiare incarico presso la SAC perché non vuole farsi arrestare a causa di Nico, ovvero Domenico TORRISI, amministratore delegato della SAC."

Afferma Palumbo nella conversazione intercettata: "Io li ho mandati tutta cagare, glielo avevo detto a Nico, deve trovare un altro che fa quello che faccio io, quindi lo stanno cercando, io non lo voglio fare più perché io non mi posso fare arrestare con loro..."

 

In effetti, a distanza di poche settimane, a quanto pare "l'altro" lo trovano e Palumbo viene sostituito, per pura coincidenza ovviamente, proprio da Marco Franchini che, come da noi ricostruito, era stato licenziato con gravi addebiti dagli Aeroporti di Puglia e risultava già indagato.

La notizia odierna è, quindi, che l'attuale accountable manager dell'aeroporto di Catania, Marco Franchini, proprio quello scelto dall'amministratore delegato Nico Torrisi al termine di una stranissima selezione (che abbiamo raccontato, vedi infra), è stato rinviato a giudizio per abuso d'ufficio che secondo la procura di Brindisi ha commesso quando ricopriva lo stesso ruolo presso Aeroporti di Puglia.

 

Ad aggiornarci sugli esiti della vicenda penale che interessa il signor Franchini è La Repubblica di Bari, nell'edizione di domenica 25 ottobre.

schermata2020-10-26alle05-1603687820.png

Si legge: "Franchini è stato rinviato a giudizio per abuso d'ufficio insieme a Nicola Micchetti, che era RUP di un cantiere presso l'aeroporto di Brindisi.

Entrambi - stando alle ipotesi della procura brindisina che hanno trovato conferma nella giudice Stefana De Angelis - avrebbero esercitato pressioni sull'ingegnere Vincensco Schino, direttore dei lavori per l'ampliamento del piazzale dello scalo del Salento, per indurlo a proseguire gli interventi nonostante l'Enac non avesse approvato la perizia di variante.

"La vicenda - prosegue Chiara Spagnolo nel suo articolo - è iniziata nel 2014, quando, durante i il lavori di ampliamento della zona in cui sostano gli aerei effettuati dalla ditta bitontina Sinco, furono trovati rifiuti speciali come pneumatici, batterie esauste e vari resti di precedenti lavori. Dopo la scoperta e l'invio di una perizia di variante all'Enac (che certificava l'esigenza di costi aggiuntivi per 1,3 milioni), Schino bloccò il cantiere mentre Franchini avrebbe voluto proseguire. Secondo l'impostazione del pm Giovanni Marino, la fretta era determinata dal fatto che la ditta incaricata aveva bisogno di liquidità e che di quella ditta il RUP Micchetti , in passato, era stato direttore dei servizi generali.

I due indagati (ora imputati, ndr) - stando all'ipotesi accusatoria - avrebbero costretto Schino "ad eseguire atti in violazione  del Codice degli appalti e, in particolare, a proseguire i lavori nonostante non fosse ancora approvata la perizia di variante e non ci fosserotutte le autorizzazioni e le coperture economiche necessarie".

Il direttore generale Franchini, inoltre, si legge negli atti, avrebbe minacciato l'ingegnere Schino "che se si fosse stato rifiutato sarebbe stato licenziato, come effettivamente è avvenuto."

L'ingegnere Schino, licenziato da Franchini, ha ottenuto poche settimane fa piena soddisfazione dal Tribunale del Lavoro di Brindisi che lo ha reintegrato nel suo ruolo, mentre adesso si è preso ques'altra rivincita con il rinvio a giudizio proprio di Franchini.

Peraltro la posizione dei due indagati, Franchini e Micchetti, si è anche aggravata nel corso del procedimento perché l'iniziale contestazione di violenza privata si è trasformata nel più grave abuso d'ufficio. A decidere in tal senso era stata la giudice Adriana Almiento, alla quale il pm aveva inviato la citazione diretta a giudizio.

Franchini e Micchetti avrebbero abusato del loro ruolo per esercitare indebite pressioni sul direttore dei lavori. Per questo il primo processo era stato interrotto e gli atti restituiti al pm per la formulazione della richiesta di rinvio a giudizio, necessaria per la contestazione di un reato più grave.

L'udienza preliminare si è chiusa con il rinvio a giudizio dei due e la prima udienza si terrà a Brindisi il prossimo 18 dicembre."

Proviamo ad inquadrare meglio questa vicenda brindisina all'interno di quanto accade da qualche tempo a Catania, nella SAC che è ente a totale proprietà pubblica, sotto il coordinamento e direzione della Camera di Commercio del Sud Est, del governo regionale e della Città Metropolitana di Catania.

stranobando1-1603689125.png

Lo scorso 26 gennaio avevamo sottoposto ai nostri lettori, e non solo, la storia dello strano bando emanato dall'amministratore delegato Nico Torrisi per scegliere il nuovo accountable manager del 6° aeroporto d'Italia: un bando strano perché, caso probabilmente unico al mondo, aveva completamente omesso tra i requisiti richiesti per un ruolo così importante persino il titolo di studio.

Era certamente un caso che il prescelto, Marco Franchini appunto, con tanto di "gradimento" dell'ENAC, non possedesse una laurea, titolo invece richiesto in tutti i bandi degli altri aeroporti d'Italia.

Tra l'altro, proprio quando veniva selezionato e scelto dall'AD Torrisi, risultava già indagato a Brindisi.

Il curriculum depositato dal nuovo manager era ancora più strano, dichiarando un master alla Bocconi, mentre sappiamo che i master sono titoli legali riservati a quanti una laurea ce l'hanno...

palumbo-1603689749.png

E questa storia della nomina di Franchini, come detto, si è recentemente condita con quanto emerso dalle intercettazioni che hanno interessato il precedente accountable manager, Antonio Palumbo che temeva di essere arrestato...

Adesso questo nuovo capitolo: perché alla SAC-aeroporto di Catania, un accountable manager sotto processo mancava proprio.

"Gradito all'ENAC", ovviamente.


AVVERTENZA PER PM, GIP E GIUDICI (nel caso di denuncia per diffamazione questo inciso fa parte integrante dell’articolo): questo, come tutti gli altri dedicati a SAC e Camera di Commercio di Catania, (tra loro collegate per gestione, direzione e controllo), è indispensabile, a fini di giustizia, valutarlo in relazione a tutti gli altri pubblicati, (alcuni elencati in via non esaustiva in calce e compresi quelli che saranno pubblicati prossimamente), in quanto fa parte di un’unica organica attività d’inchiesta giornalistica orientata alla funzione di pubblica utilità di raccontare le dinamiche del potere locale, i metodi di gestione di enti pubblici e l’utilizzo di pubbliche risorse.

Di conseguenza toni e contenuti sono direttamente correlati alla successione narrativa.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio