Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Fallimento PUBBLISERVIZI: il commissario Portoghese risponde picche, silenzio assoluto della politica, cominciano le proteste dei dipendentiPUBBLISERVIZI, ULTIMORA delle 12: lavoratori in presidio attendono il commissario Portoghese, già insediati i Curatori che ricevono il CdAPUBBLISERVIZI FALLITA, parla il presidente Giuseppe Molino: “Il CDA spettatore impotente, si poteva evitare ma qualcuno ha remato contro”E come ogni Natale torna la buca di via Torino: sempre la stessaEdizione straordinaria del TALK di Sudpress: in diretta alle 11 dal liceo Majorana per un “Anima Mundi” che cambia il mondoIl Talk in diretta alle 10 con "quelli di COMICS" che compie XXIX anniMondiali di calcio in Qatar: perchè?Ottima cosa via di Sangiuliano pedonale il sabato sera e la chiusura dei locali alle 2. E anche piazza Manganelli senza auto parcheggiate"Democrazia Partecipata", solo in 1.876 catanesi hanno votato. Ed è un peccatoDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), per i rifiuti l'avv. Dario Riccioli lancia la proposta delle "Isole Ecologiche Mobili"

Unimpresa-Assoesercenti-Ristoworld Italy contro il nuovo DPCM: "nuovo lockdown economico"

14-10-2020 11:58

redazione

Cronaca,

Unimpresa-Assoesercenti-Ristoworld Italy contro il nuovo DPCM: "nuovo lockdown economico"

"Le nuove restrizioni impediranno alle aziende di fatturare il minimo essenziale per la sopravvivenza". Sentiamo la versione dei fatti del "mondo impresa".

restaurant-6909751920-1602664829.jpg

"Le nuove restrizioni impediranno ai pubblici esercizi di lavorare e fatturare il minimo essenziale per la sopravvivenza". Queste le parole di Roberto Tudisco, di Unimpresa-Assoesercenti Pubblici Esercizi, all'indomani del nuovo Decreto del Premier Conte per contenere l'emergenza Covid-19. Sentiamo la versione dei fatti della piccola e media impresa.


Partiamo dai fatti, il nuovo DPCM firmato ieri dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte in occasione della nuova ondata di contagi da Covid-19 prevede le seguenti regole:

  • Le attività dei servizi di ristorazione sono consentite solo fino alle ore 24 con servizio al tavolo, e sino alle 21 in assenza di servizio al tavolo!
  • La partecipazione massima alle feste e agli eventi è di 30 persone simultanee - compreso lo staff dei servizi di ristorazione.
  • Per gli spettacoli cinematografici/teatrali resta il limite di 200 partecipanti al chiuso e di 1000 all'aperto, con il vincolo di un metro tra un posto e l'altro.

Questi i principali punti che riguardano il mondo dei locali e delle imprese. Ed è indubbio che non facciano piacere agli operatori del settore, almeno a giudicare dalle loro dichiarazioni.

 

Roberto Tudisco, di Unimpresa-Assoesercenti Pubblici Esercizi, infatti dichiara: "Con profonda rabbia e delusione siamo caduti nella trappola della discussione riguardante le chiusure anticipate, gli assembramenti fuori dai locali e nella limitazione ingiustificata dell’orario di lavoro".

 

"Se questo dovesse essere – afferma Salvo Politino, Direttore di Unimpresa-Assoesercenti – il modello di lavoro configurato dal governo per la stagione autunnale, invernale e in parte primaverile ci chiediamo come gli operatori del settore possano sostenere economicamente questo effettivo lockdown economico e sociale di settore".

"Tali restrizioni con le relative sanzioni imposte dal governo – prosegue Tudisco – impediranno ai pubblici esercizi di lavorare e fatturare il minimo essenziale per la sopravvivenza". 

 

"Prima di adottare qualunque provvedimento – conclude il Direttore Politino – è necessario valutare con attenzione quali potrebbero essere le conseguenze; in gioco ci sono le attività lavorative di migliaia di imprenditori, di dipendenti e di tutto l’indotto. I timidi segnali di ripresa della stagione estiva non sono bastati a coprire le pesanti perdite finanziarie passate, presenti e future. Quindi, chiediamo che il governo nazionale ad ogni decisione adottata preveda la copertura di risorse finanziarie utili a garantire la sopravvivenza della categoria senza nessuna elemosina".

 

Alle loro voci fa eco il consiglio direttivo di Ristoworld Italy, l'associazione di cucina, turismo e difesa del Made in Italy che si è riunita d'urgenza proprio per esprimersi, fra l'altro, su quella che viene da loro definita una vera e propria ingiustizia sociale. 

 

"Le limitazioni allo svolgimento di cerimonie nuziali, feste e ricorrenze – commenta il presidente dell'associazione Marcello Proietto di Silvestro facendosi portavoce dell'intero consiglio direttivo – è una assurdità perchè si compie un atto di ingiustizia".

 

"Il decreto varato ieri è incoerente: da un lato si consente che ad esempio sugli aerei persone sconosciute stiano una accanto all'altra, che sui treni e sui bus o all'uscita delle scuole ci sia assembramento e dall'altro, imponendo un limite di 30 persone per partecipare ad una cerimonia nuziale, si applichi un rigore assoluto. Tutto ciò diventa un motivo in più a scoraggiare le coppie a coronare il loro sogno d'amore, dopo tutti gli sforzi che sono stati fatti per cercare di recuperare una stagione già disastrata".

 

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio