Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Fallimento PUBBLISERVIZI: il commissario Portoghese risponde picche, silenzio assoluto della politica, cominciano le proteste dei dipendentiPUBBLISERVIZI, ULTIMORA delle 12: lavoratori in presidio attendono il commissario Portoghese, già insediati i Curatori che ricevono il CdAPUBBLISERVIZI FALLITA, parla il presidente Giuseppe Molino: “Il CDA spettatore impotente, si poteva evitare ma qualcuno ha remato contro”E come ogni Natale torna la buca di via Torino: sempre la stessaEdizione straordinaria del TALK di Sudpress: in diretta alle 11 dal liceo Majorana per un “Anima Mundi” che cambia il mondoIl Talk in diretta alle 10 con "quelli di COMICS" che compie XXIX anniMondiali di calcio in Qatar: perchè?Ottima cosa via di Sangiuliano pedonale il sabato sera e la chiusura dei locali alle 2. E anche piazza Manganelli senza auto parcheggiate"Democrazia Partecipata", solo in 1.876 catanesi hanno votato. Ed è un peccatoDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), per i rifiuti l'avv. Dario Riccioli lancia la proposta delle "Isole Ecologiche Mobili"

Nuova ordinanza Musumeci sul Coronavirus, cosa cambia?

28-09-2020 12:13

redazione

Cronaca, Focus, Regione, misure anti-covid, ordinanza presidente musumeci, ordinanza anti-covid, provvedimenti anti-contagio, mascherina obbligatoria,

Nuova ordinanza Musumeci sul Coronavirus, cosa cambia?

Il nuovo provvedimento "anti-covid", firmato nella serata di ieri dal nostro Presidente di Regione Nello Musumeci, entrerà in vigore mercoledì e durerà un mese.

musumeci-mascherina-1601284346.jpg

Il nuovo provvedimento "anti-covid", firmato nella serata di ieri dal nostro Presidente di Regione Nello Musumeci, entrerà in vigore mercoledì e avrà efficacia fino al 30 ottobre. Ma quali sono le novità contenute in questa "ennesima" ordinanza relativa al virus? Scopriamolo insieme.


Uso obbligatorio delle mascherine quando si è tra estranei, registrazione e tamponi rapidi per chi proviene dall'estero, controlli periodici sul personale sanitario e sui soggetti cosiddetti "fragili", oltre ai divieti di assembramento. 

 

Così si potrebbero riassumere i punti principali della nuova ordinanza anti-covid a firma Musumeci. La trentaseiesima a partire dal 25 di febbraio . 

 

Ma scendendo più nel concreto, cosa cambia davvero nella pratica rispetto a come ci comportiamo adesso?

 

Per quanto riguarda l'uso della mascherina, appare chiaro dal testo del provvedimento che all'aperto vada indossata praticamente sempre.

 

Difatti "è obbligo di ogni cittadino, al di sopra dei 6 anni, di tenere sempre la mascherina nella propria disponibilità, quando si è fuori casa. Nei luoghi aperti al pubblico la mascherina deve essere indossata se si è nel contesto di presenze di più soggetti. Si è dispensati solo quando ci si trova tra congiunti o conviventi".

 

Invece sulla questione "viaggiatori" si legge: "Chiunque entri nel territorio della Regione provenendo da Stati Ue o extra Ue ha l'obbligo di registrarsi sul sito www.siciliacoronavirus.it, ovvero di comunicare la propria presenza al servizio sanitario della Regione. [...]":

 

"Le Aziende sanitarie provinciali competenti territorialmente provvedono alla sottoscrizione di un Protocollo con le Società di gestione dei trasporti per sottoporre al cosiddetto tampone rapido [...] i soggetti provenienti dai Paesi esteri".

 

Inoltre: "Sono vietati gli assembramenti mediante il prolungato stazionamento nei luoghi pubblici o aperti al pubblico (strade, piazze e parchi). Sono escluse le sole occasioni di iniziative pubbliche previste dalla legge o comunicate all'Autorità di pubblica sicurezza, per le quali l'organizzatore è comunque responsabile"

 

E' come essere tornati indietro nel tempo di mesi, a quando un gruppo di amici non aveva la libertà di potersi ritrovare per strada. Ma come mai si è reso necessario tutto ciò? Perchè deve esserci un "inasprimento" di queste misure anti-contagio?

 

Anche se noi siciliani siamo forse convinti - a giudicare dal menefreghismo con il quale ci siamo comportati -  che qui "non ce nè coviddi"; i dati reali dei contagi dovrebbero darci quello schiaffo che ci serve: infatti la nostra regione viaggia su una media di 100 casi di covid-19 rilevati al giorno.

 

E, come dichiara anche il Presidente di Regione Nello Musumeci:  "Il numero dei casi di Covid 19 continua ad aumentare e quindi occorre mantenere una linea di massima prudenza, con l'evidente necessità di non sottovalutare il rischio di una rapida ripresa epidemica dovuto ad un eccessivo rilassamento delle misure e dei comportamenti individuali".

 

"Abbiamo appreso che la chiave più importante per affrontare questa emergenza è  rappresentata dalla tempestività delle decisioni e della previsione degli eventi futuri. La Sicilia non vuole un nuovo lockdown, ma per impedirlo dobbiamo impegnarci tutti, soprattutto i più giovani".

 

E speriamo che l'impegno, questa volta, ci sia davvero, da parte di tutti.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio