Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Fallimento PUBBLISERVIZI: il commissario Portoghese risponde picche, silenzio assoluto della politica, cominciano le proteste dei dipendentiPUBBLISERVIZI, ULTIMORA delle 12: lavoratori in presidio attendono il commissario Portoghese, già insediati i Curatori che ricevono il CdAPUBBLISERVIZI FALLITA, parla il presidente Giuseppe Molino: “Il CDA spettatore impotente, si poteva evitare ma qualcuno ha remato contro”E come ogni Natale torna la buca di via Torino: sempre la stessaEdizione straordinaria del TALK di Sudpress: in diretta alle 11 dal liceo Majorana per un “Anima Mundi” che cambia il mondoIl Talk in diretta alle 10 con "quelli di COMICS" che compie XXIX anniMondiali di calcio in Qatar: perchè?Ottima cosa via di Sangiuliano pedonale il sabato sera e la chiusura dei locali alle 2. E anche piazza Manganelli senza auto parcheggiate"Democrazia Partecipata", solo in 1.876 catanesi hanno votato. Ed è un peccatoDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), per i rifiuti l'avv. Dario Riccioli lancia la proposta delle "Isole Ecologiche Mobili"

SudStyle Talk: si racconta in diretta il Teatro Stabile di Catania che prova a ripartire

27-09-2020 08:06

SudStyle

Cronaca, Università, SudStyle, SudTalk, Focus, Lina Scalisi, Laura Sicignano, Teatro Stabile di Catania, TSC,

SudStyle Talk: si racconta in diretta il Teatro Stabile di Catania che prova a ripartire

Ospiti del matinée di Aldo Premoli condotto da Pierluigi Di Rosa la Vice Presidente Lina Scalisi e la Direttrice Artistica Laura Sicignano del Teatro Stabile

Saremo in diretta a partire dalle ore 11 di domenica 27 settembre, oltre che sulle home page delle testate del gruppo, sulle pagine Facebook di Sudpress e SudStyle e sul canale Youtube. Al termine la puntata sarà a disposizione anche nella versione solo audio su Spotify e tutte le altre piattaforme podcast.

Stiamo seguendo passo passo quello che accade nel mondo dell'Arte e della Cultura in questo terribile anno bisestile segnato dal Covid-19. 
E cerchiamo di raccontarlo dando voce ai veri protagonisti, soprattutto a quelli che non hanno mollato neanche un attimo, rifiutando di abbandonarsi alla depressione soccombendo alle restrizioni.
Il settore dello Spettacolo dal Vivo, che dà lavoro a migliaia di famiglie, resta in cerca di soluzioni che gli consentano di uscire da un galleggiamento innaturale ed insostenibile: ha bisogno di Teatri e piazze.
Aldo Premoli con Pierluigi Di Rosa ne parleranno, nel matinée di domenica 27 settembre, con la Vice Presidente Lina Scalisi e la Direttrice Artistica Laura Sicignano del Teatro Stabile di Catania, che hanno presentato la prossima Stagione e qualche idea ce l'hanno...

unnamed-1601182651.png

Si riaprono infatti, finalmente le porte del glorioso "Verga", il Teatro Stabile di Catania, ed i vertici nel corso della cpnferenza stampa di presentazione ne hanno affermato il concept che richiede non poco coraggio: «La presentazione della nuova stagione del Teatro Stabile ha un valore nuovo, un intento chiaro: è la nostra risposta a questa crisi mai vista, è la nostra certezza che creatività e coraggio siano fondamentali per andare avanti, per non arretrare, per non arrendersi."

Una nuova Stagione che non a caso si chiama Energie, «perché di molta energia abbiamo bisogno per procedere come funamboli nella tempesta, ma al tempo stesso è energia quella che vogliamo trasmettere al pubblico».
Il presidente Carlo Saggio, il suo vice Lina Scalisi e il direttore Laura Sicignano ci hanno tenuto a legare a questo cartellone il senso di una doppia ripartenza dopo un doppio ostacolo: «Nel 2020 si sarebbe visto pienamente il progetto del nuovo TSC, ma in parte il Covid19 lo ha oscurato, sorprendendo il nostro teatro nel momento in cui si stava rialzando dalla drammatica battuta d’arresto del sovraindebitamento. La nostra determinazione è stata quella di continuare a lavorare ugualmente, ogni giorno di tutti questi mesi, e ancor più incisivamente nel segno della discontinuità, di forme e di contenuti, rispetto a quanto avvenuto nel 2016».
«Ora il TSC si cimenta in una stagione che vuole scavalcare le montagne, come fa la perseveranza dell’artista», ha dichiarato il direttore del Teatro Laura Sicignano: «Nonostante la miseria, nonostante la pe-ste, nonostante la guerra, il teatro si è sempre fatto e voglio pensare che sempre si farà. Perché c’è sempre qualcuno che sente il bisogno di raccontare una storia ad un altro che sente il bisogno di ascoltarla. Se do- vremo ancora per un po’ recitare distanti, trasformeremo una necessità sanitaria in un dispositivo poetico. Se dovremo lavorare in digitale, sperimenteremo nuovi linguaggi espressivi. Ci accingiamo a riaprire le porte del Verga con l’incertezza del futuro, la consapevolezza più acuta della nostra fragilità, un senso più solido di responsabilità verso il pubblico, a cui è dedicato il nostro lavoro. Il teatro è morto? È moribondo? È sopravvissuto lungo duemila anni. Per sopravvivere bisogna passare attraverso profonde mutazioni: Dioniso, il dio del teatro, è anche il dio delle metamorfosi».
La struttura stessa della Stagione asseconda questo processo di metamorfosi, con una suddivisione in due parti.
Da ottobre a dicembre ci saranno spettacoli più agili, per una più facile convivenza con la capienza ridotta del teatro e per incoraggiare il recupero da parte del pubblico degli spettacoli perduti in primavera: si comincerà con Tina&Alfonsina di Claudio Fava che aprirà il 3 novembre, e Le 5 rose di Jennifer con Daniele Russo che arriverà a dicembre.
Da gennaio a maggio sarà ripristinata la tradizionale proposta in abbonamento, con il recupero de La Gioia di e con Pippo Delbono (originariamente previsto lo scorso marzo) e molti significativi filoni che attraverse- ranno il cartellone: molte icone femminili, come Iréne Nèmirovsky con Jezabel, nell’interpretazione di Elena Ghiaurov, e Frida Khalo, nel Viva la vida di Pamela Villoresi; tanti riferimenti al cinema, come con La pazza di Chaillot qui interpretata da Manuela Mandracchia, e La grande abbuffata diretta da Michele Si- nisi; e uno zoccolo duro di grandi classici, come La favola del principe Amleto prodotta dal Teatro nazionale di Genova e La notte dell’Innominato con Eros Pagni.

Una particolare attenzione merita lo sforzo compiuto anche quest’anno dal TSC nell’ambito delle produzioni.

Oltre a Tina&Alfonsina, dal 12 gennaio andrà in scena Baccanti diretto da Laura Sicignano con dieci straordinari interpreti tra cui Vincenzo Pirrotta, che prosegue il cammino iniziato con Antigone dedicato al tema femminile come elemento di eversione nella tragedia classica, ma nel corso della Stagione ci saranno anche altre tre prestigiose co-produzioni: Diplomazia, con Elio De Capitani e Ferdinando Bruni, in co-pro- duzione con il Teatro dell’Elfo e Lac Lugano; Servo di scena, in collaborazione con Gitiesse artisti riuniti, diretto da Guglielmo Ferro nell’ambito delle celebrazioni per il centenario di Turi Ferro; e Il filo di Mezzo- giorno, omaggio a Goliarda Sapienza con Donatella Finocchiaro, realizzato insieme ai teatri nazionali di To- rino, Roma, Napoli.
Tra i fuori abbonamento e i laboratori, l’autunno sarà segnato anche da un progetto dedicato alla nuova drammaturgia siciliana, che per una parte si intreccerà ai nuovi linguaggi digitali, con video-spettacoli sui canali YouTube e Vimeo del TSC: «Una sperimentazione che prosegue - spiega Sicignano - sulla scia di questi difficilissimi mesi: sin dal momento in cui sono state chiuse le porte di tutti i teatri, abbiamo lavorato senza soluzione di continuità, estate compresa, per salvaguardare il lavoro del personale e degli attori e soprattutto il nostro rapporto col pubblico».
«Il percorso che abbiamo condotto con il Teatro Stabile come CDA è stato incessante, faticoso e al tempo stesso entusiasmante», conferma la vice presidente Lina Scalisi: «Perché non è stato semplice riaccendere le luci su un palcoscenico che sembrava destinato al buio e perché non è stato semplice riallacciare il rapporto con la città e con il territorio. Se siamo riusciti fino adesso, il merito va alla nostra caparbietà, ad una direzione artistica di grande qualità e a tutte le professionalità – gli artisti e il personale – grazie alle quali lo Stabile è ritornato ad essere centrale nella città: un luogo in cui ritrovarsi, ascoltarsi, discutere; un polo culturale ricco di eventi, mostre, dibattiti, spettacolo».
«Ed è in questa fase più che mai importante ricordare il senso del lavoro finora compiuto, riassumendo alcuni dei risultati ottenuti da questo Consiglio da quando, nell’agosto 2017, si è insediato», ha ricorda il presidente Carlo Saggio: «Abbiamo già saldato circa 4 milioni e 250 cinquantamila euro dei 7 milioni e 430 mila del debito certificato dal Tribunale di Catania, assicurando il controllo costante dei bilanci e la regolarità nei pagamenti al personale e ai fornitori. Abbiamo ottenuto un aumento significativo del pubblico e riposizionato il TSC nel panorama italiano, attraverso tournée importanti e rassegne stampa nazionali. Abbiamo fatto circa 200 provini finalizzati al coinvolgimento di decine e decine di artisti, oltre il 90% dei quali sono siciliani. All’interno della struttura abbiamo fatto massicci investimenti nella formazione del personale, avviato dei lavori di ristrutturazione della sala Verga e riattivato il laboratorio di scenografia. Se gli Enti Locali soci del teatro non faranno mancare le risorse garantite dallo statuto, il Teatro Stabile di Catania potrà proseguire il suo antico cammino con modalità e linguaggi adatti al presente».

linascalisi1-1601182007.jpg

Lina Scalisi è Professore Ordinario e regge la Cattedra di Storia moderna presso il Dipartimento di Scienze umanistiche dell’Università di Catania.

Oltre ad essere Vice Presidente del Teatro Stabile di Catania è anche Presidente dell'Accademia di Belle Arti di Catania,

componente del collegio scientifico del Dottorato di Storia della Scuola Normale Superiore di Pisa.

Académica Corréspondiente della Real Academia de la Historia;

È stata coordinatrice della summer school “Arab Springs and Transitions: New Perspectives on the Euro-Med Partnership” with Universitatea Dimitrie Cantemir TG. Mures (Romania) e Firat Universitesi (Turkey) e Vilniaus Universitetas (Lituania) 2012-2014;

Coordinatrice istituzionale, dal 2009 al 2013, del Progetto Erasmus, e ancora oggi del ciclo “Il Cinema a Scuola” della Scuola Superiore di Catania;

Dal 2019 è entrata a far perte del prestigioso Collegio scientifico del Dottorato di studi in Storia (XXXV ciclo) della Scuola Normale Superiore di Pisa;

E’ tra i responsabili del progetto "Museo della Città di Catania", Fondo per lo Sviluppo e la Coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri/FESR (Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale 2014-2020/Patto per Catania).

img0180-1601182119.jpg

Laura Sicignano è laureata in Storia del Teatro all'Università Cattolica di Milano.

Dopo essere stata assistente alla regia di alcuni tra i più importanti registi del panorama italiano all'inizio degli Anni Novanta, quali: Santagata e Morganti (Firenze), Elio De Capitani - Teatro dell'Elfo (Milano); Federico Tiezzi–Magazzini (Firenze) e Tonino Conte - Teatro della Tosse (Genova), nel 1994 fonda e dirige Teatro Cargo, per cui firma oltre 40 regie e la maggior parte dei testi. Nel 1999 ottiene per Teatro Cargo il riconoscimento dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, come una delle 15 compagnie giovani più importanti di Italia.  

Nel 2002 ottiene dal Comune di Genova la gestione del Teatro del Ponente, dove organizza Stagioni teatrali con ospitalità di rilevanza nazionale.

Nel 2010 concorre al reperimento di un importante sponsor per il restauro del Teatro di Villa Galliera, il teatro più antico della Liguria: da allora dirige e gestisce anche questo secondo spazio. Nel 2008 è ideatrice e produttrice del Festival Collasso Energetico, primo ed unico esempio in Italia di festival dedicato all'emergenza energetica del Pianeta con eventi, conferenze, spettacoli di rilievo internazionale, diffusi in tutta la città di Genova.

Nel 2009 produce un Festival di analoghe dimensioni del precedente, dal titolo Mutazioni, dedicato alle mutazioni del corpo femminile nel XXI Secolo.

Nel 2004 è ideatrice e produttrice dello spettacolo evento Partenze, uno spettacolo in mezzo al mare, per Genova Capitale Europea della Cultura.

Lo spettacolo si svolge a bordo di una gru galleggiante del 1914, raggiungibile solo via mare.
Nel 2008 è ideatrice e produttrice dello spettacolo evento Donne in guerra, in scena a bordo del trenino storico Genova Casella.

Lo spettacolo viene ripreso per 6 anni, a grande richiesta del pubblico.

Come consulente della Fondazione regionale per la Cultura, ha ideato e diretto il progetto per un importante Bando della Compagnia di San Paolo, vinto per il 2013/2014, Rete dei Teatri storici della Liguria.

Premiata più volte per i suoi testi e spettacoli in Italia e all’Estero. Dal 2018 è alla guida del Teatro Stabile di Catania

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio