381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

ASP Catania e Regione Siciliana, "Questi sono pazzi": caos totale con la sospensione di Laganga che fanno finta di non sapereSu Sudsport Petizione per intitolare il Palasport alla Signora del Volley Lilyana Pizzo: ma è così difficile fare una cosa intelligente?Comune di Catania: "Fuffa elettorale" i bandi assunzioni, denuncia 5Stelle-PDCamera di Commercio del Sud Est: clamoroso colpo di mano del commissario (nominato da Schifani e Tamajo) che annulla le elezioniBufera su Fratelli d'Italia per il condannato per mafia di Paternò nello staff dell'eurodeputato MilazzoSu Sudsport Automobilismo: gare in tutta Italia per i team siciliani"Metamorfosi Materiche": presso la galleria Arionte una mostra personale di Raimondo Ferlito visitabile fino al 22 giugno 2024"Il Bene deve essere fatto Bene": il Progetto Stramondo dei frati francescani di Santa Maria di GesùSu Sudsport: a luglio Catania diventa teatro dei campionati nazionali di pattinaggio freestyleTensioni all'AMTS di Catania: raccolta firme del sindacato CUB Trasporti per un referendum aziendale

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Primo giorno di scuola ai tempi del covid, ma non per tutti…

15-09-2020 07:00

Antonio Arcoria

Cronaca, Focus, scuola, pubblica istruzione, istruzione, antonio arcoria, primo giorno di scuola,

Primo giorno di scuola ai tempi del covid, ma non per tutti…

14 settembre: primo giorno di scuola per molti studenti in tutta Italia.E in Sicilia?Qual'è la situazione che attualmente si presenta sull'isola?

Il 14 settembre è il primo giorno di scuola per 5,6 milioni di studenti in tutti Italia.

All’appello ne mancano ancora molti – un terzo delle scuole del Lazio e moltissime primarie e medie della Sicilia – che, invece, hanno posticipato l’avvio delle lezioni al 24 settembre, dopo le elezioni.

Sarà una ripartenza con qualche incognita, perché ci sono ancora alcune questioni che non sono state risolte: a partire dalla consegna dei tanto discussi banchi monoposto e delle mascherine fino al problema del distanziamento da tenere in aula e della somministrazione del test sierologici a docenti e personale ata.

Uno dei problemi principali sono, infatti, gli spazi.

Più di cinquantamila gli studenti che non dispongono di spazi adeguati a consentire il distanziamento sociale all’interno dei vari istituti.

Già ieri mattina un primo caso a Genova ha fatto parecchio discutere, un intero giorno di scuola senza banchi, scrivendo sulle ginocchia o seduti per terra.

banchi-genova-e1600109939502-690x362-1600118786.png

Ma in Sicilia, e specialmente nel capoluogo etneo, com’è stato affrontato il rientro in aula?​

Le scuole in Sicilia apriranno il 14 di settembre, ma diamo la facoltà ai responsabili di istituto, se non ci fossero le condizioni, di poter spostare l’apertura al 24 settembre”, ha spiegato il presidente della regione siciliana, Nello Musumeci, qualche settimana fa alla trasmissione Quarta Repubblica in merito all’inizio della scuola in Sicilia.

Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, In Sicilia mancano ancora all’appello quasi 500 aule e anche 480 mila banchi singoli. Mentre relativamente al rientro a scuola si starebbe configurando seriamente la possibilità di un rischio “babele”.

Non si troverebbero infatti docenti da mettere in cattedra, con buchi ovunque.

Ma le polemiche a riguardo non hanno risparmiato nemmeno il capoluogo etneo.

Qualche giorno fa il consigliere del II Municipio Davide Marraffino con una nota chiede la convocazione in emergenza del Consiglio affinché si faccia chiarezza sulle modalità di riapertura delle scuole.

"E' inconcepibile che a 2 settimane dalla riapertura delle scuole non si abbiano informazioni certe per i cittadini, i quali non sanno in quale contesto porteranno i propri figli a scuola dal 14 settembre. Quale è l'organizzazione di ogni dirigente scolastico a fronte Covid19? Sono nelle condizioni di poter riaprire?

Da questo punto di vista l’autonomia dei dirigenti “è molto ampia”.

Nulla vieta che il dirigente scolastico disponga, solo per le scuole superiori, la didattica a distanza per alcuni gruppi.

 

Primo giorno di scuola anche a Catania dunque, ma non per tutti.

 

Alcuni istituti hanno infatti scelto di rimandare, di alcuni giorni, il rientro in aula per consentire al personale di rientrare in assoluta sicurezza dopo l’emergenza sanitaria.

Dopo sei mesi, malgrado tutto, alcuni studenti si ritrovano a scuola, soprattutto alunni delle scuole secondarie di secondo grado.

Per le elementari e le scuole medie invece la questione è diversa.

La stragrande maggioranza dei sindaci siciliani hanno scelto di prorogare di alcuni giorni l’apertura delle scuole dell’obbligo, e di posticipare il rientro a dopo le elezioni.

Le problematiche principali per il rientro attualmente sono l’impossibilità spesso di mantenere la distanza di sicurezza a causa della gravissima carenza strutturale degli edifici presenti nella nostra isola che difatti non consente il distanziamento necessario.

Senza parlare del materiale sanitario come mascherine, banchi monouso e a rotella che ancora stentano ad arrivare nella stragrande maggioranza degli istituti siciliani.

Una singolare notizia positiva arriva dal ministero che ha assegnato alla Sicilia un finanziamento di 154 milioni di euro destinati all’assunzione di 6000 persone tra docenti e collaboratori scolastici.

 

Con una situazione generale poco chiara e definita come la seguente viene da chiedersi se davvero la scuola, l’istruzione e la crescita delle giovani menti che dovranno mandare avanti la nostra città e il nostro paese un domani, sia davvero una priorità!

Ancora una volta la categoria degli studenti, e l’istruzione in generale, viene messa da parte.

D'altronde si sa, un popolo di ignoranti è più facile da governare.

Così non resta che augurare a tutti gli studenti, catanesi e non, che hanno incominciato, o cominceranno a breve quest’avventura scolastica post covid, di poter studiare in serenità e sicurezza.

Perché solo studiando, un domani, potranno davvero riuscire a “fottere” questo stramaledetto sistema.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio