sudpresslogo
sudpresslogo

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

giorno-della-mamoria-viii-ediz-300x250

telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Alle 12.45 importante diretta sulla prevenzione dei tumori femminili: BASTEREBBE APPLICARE LE NORMESac Aeroporto di Catania: dal 2018 pubblicati 60 incarichi ad un unica ditta per 1 milione 300 mila euroRifiuti, la Commissione Europea boccia l'ampliamento della discarica di LentiniRecupero del Feudo San Vito dell'Ardizzone Gioeni: scendono in campo i sindaci di Paternò, Belpasso e Santa Maria di LicodiaLampedusa, l'aeroporto cresce del 154% rispetto al 2015 nonostante il covidRI-SOSPESOIn diretta alle 12.45 i lavori della 4° Commissione del comune di Catania: "La gestione dei rifiuti al tempo del Covid"La querela di Nico Torrisi, top manager della SAC, contro Sudpress: PROSCIOLTI, ERA TUTTO VERO QUELLO SCRITTO. E ANCHE DI PIÚLa Chiesa e il QuirinaleCamere di Commercio, capolavoro di Stefania Prestigiacomo: Agen & C. a casa

Rapina sventata dai carabinieri: arrestati quattro ladri "pre-covid"

11-09-2020 14:05

redazione

Cronaca, Focus, carabinieri, furti in villa, San Cristoforo, furti, carabinieri piazza dante, furto catania,

0

I Carabinieri della Compagnia di Piazza Dante arrestano, nella mattinata di oggi, quattro persone accusate di furto e resistenza a pubblico ufficiale.

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Piazza Dante arrestano, nella nottata di ieri, quattro persone accusate a vario titolo di essere artefici di reati commessi durante la prima metà di marzo 2020. Grazie alle indagini è stato possibile anche evitare il nuovo furto che i quattro criminali stavano pianificando. Vediamo insieme tutti i dettagli.


Gaetano Natale Musumeci (classe '82), Gaetano Angelo Pocoroba (classe '94), Emanuele Intravaia (classe '78) e Salvatore Di Grazia (classe '87) da oggi sono al carcere di Piazza Lanza. 

 

I reati contestati nei loro confronti sono di rapina impropria aggravata in concorso, tentata rapina aggravata in concorso, nonché violenza a pubblico ufficiale. Ma qual'è la loro storia, cosa hanno commesso esattamente? 

 

Tutto inizia nella notte tra il 3 e il 4 marzo del 2020, quando i quattro indagati si introducevano con lo scopo di rubare in un appartamento sito nella zona di San Cristoforo.

 

I vicini di casa si sono quasi immediatamente accorti dei rumori sospetti provenienti dall'appartamento del loro conoscente - che sapevano vuoto, in quanto il proprietario era ricoverato in una struttura sanitaria; e sono andati a verificare.

 

Tutto ciò ha messo in allarme i ladri, che sono scappati; ma non prima però che il coraggioso vicino di casa riuscisse a strappare il passamontagna ad uno dei malviventi.

 

Le successiva indagini hanno portato anche all'individuazione dell'auto usata quella sera (Lancia Y presa a noleggio), e da lì alla definizione completa del "quartetto", che è stato posto immediatamente sotto osservazione da parte dei Carabinieri.

 

Nei giorni seguenti la routine del consolidato gruppo si è poi dedicata a prendere di mira un commerciante, proprietario di un supermercato nel quartiere di San Cristoforo.

 

I quattro si erano appostati di "ronda" nei pressi della sua abitazione, plausibilmente aspettandone il rientro. I carabinieri, non appena ritenuto opportuno, sono intervenuti per fermare il reato.

 

I quattro accusati si sono dati alla fuga a bordo dei loro motorini, con cui erano soliti anche fare le ronde di perlustrazione, ma durante l'inseguimento le forze dell'ordine sono riuscite a fermare uno dei ragazzi, il quale, pur di resistere si è lanciato in una violenta colluttazione.

 

I successivi approfondimenti investigativi, eseguiti in perfetta osmosi con il magistrato titolare dell’indagine, hanno posto i quattro indagati in stretta correlazione con i fatti reato in esame.

 

pocoroba-1599822035.jpgdigraziasalvatore-1599822042.jpgintravaiaemanuele-1599822091.jpgmusumecinatale-1599822112.jpg
image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio