Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

IN EVIDENZA

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Pubbliservizi: stipendi ancora in ritardo e i commissari aizzano i lavoratori. Ma che gestione è?Bello: ERSU Catania accoglie e assiste 170 studenti stranieri ErasmusAlberi pericolosi in Zona Industriale: facciamo qualcosa prima che sia tragedia?Oggi alle 17.30 al Metropolitan di Catania Nicola Gratteri, Antonino Raspanti, Antonio Nicaso e Daniela MainentiMiracolo a Catania: il centro di ascolto "Caffè Quotidiano" della Locanda del Samaritano ha aperto davvero"Non serve nessun generale golpista, la democrazia la stanno suicidando"Libera l'ex assessore Barbara MirabellaCatania, una città che non ha cura di niente: perde anche l'Amatori RugbyIl Talk di Sudpress in diretta alle 18: "Il nostro mare, da gioia a pena"Operazione antimafia "Sangue blu": per la DDA è Francesco Napoli il capo della cosca Ercolano-Santapaola

SudTalk Style, alle 11 un grande onore avere con noi PIERA DEGLI ESPOSTI

04-07-2020 16:17

SudTalk

Cultura&Spettacolo, SudTalk, Protagonisti, operazione gòrgoni,

Il direttore di SudStyle Aldo Premoli sulla pagina FB del giornale lo ha sintetizzato: "Per Sud Talk Style ho avuto l'onore (e non è retorica) di inte


Il direttore di SudStyle Aldo Premoli sulla pagina FB del giornale lo ha sintetizzato: "Per Sud Talk Style ho avuto l'onore (e non è retorica) di intervistare una gigantessa. PIERA DEGLI ESPOSTI. Come sentirsi piccolo piccolo davanti a un monumento del teatro contemporaneo..." E in effetti è una puntata speciale del matinée domenica che Premoli conduce con Pierluigi Di Rosa, incontrando un mito vivente del Grande Teatro contemporaneo. La Signora racconta generosamente della sua fragilità, della sua connessione con il dolore del mondo che trasforma in potenza ineguagliabile ogni sua interpretazione. Da Pasolini a Tornatore, Moravia e Maraini, Bellocchio, Sorrentino e tanti altri, ci regala la sua ultima sfida con il libro "L'Estate di Piera", in cui lo scrittore Giampaolo Simi è riuscito a tradurre in una trama noir le visioni della grande attrice. Ad accompagnarci nel racconto di una carriera straordinaria il suo amico e compagno di tante imprese Manuel Giliberti, architetto-scenografo-regista. Domenica 5 luglio alle 11 sulle pagine Facebook di SudPress e SudStyle, sul canale YouTube e al termine anche in formato audio su Spotify e le altre piattaforme podcast.


unknown-.jpeg

Piera Degli Esposti è considerata unanimemente tra le più grandi attrici di tutti i tempi, formatasi in gruppi sperimentali, si è imposta tra il 1969 e il 1976 al Teatro Stabile dell'Aquila, lavorando con registi come Calenda (Operetta di Gombrowicz, 1969); Trionfo (Arden di Feversham di anonimo elisabettiano, 1971) e Cobelli (La pazza di Chaillot di Giraudoux, 1972; La figlia di Iorio di D'Annunzio, 1973; Antonio e Cleopatra di Shakespeare, 1974).


La sua carriera inizia giovanissima nel "Teatro dei 101" diretto da Antonio Calenda, dove muove i primi passi insieme ad altri ragazzi che diverranno pilastri del teatro italiano come Nando Gazzolo e Gigi Proietti.


Recita come prima attrice al Teatro Stabile d'Abruzzo tra gli altri in Antonio e Cleopatra, La Figlia di Iorio e successivamente in Molly, Cara.


Nel 1966 avviene il suo esordio in TV con uno sceneggiato di grande successo, Il conte di Montecristo.


La sua carriera cinematografica inizia invece l'anno successivo con il film Trio per la regia di Gianfranco Mingozzi, a cui seguirà Questi fantasmi di Renato Castellani.


Piera Degli Esposti continua così tra palco, set e tv con Il circolo Pickwick di Ugo Gregoretti e, al cinema, con Medea, diretto da Pier Paolo Pasolini, e Sotto il segno dello scorpione dei fratelli Taviani.


A teatro lavora con registi come Scaparro, Guicciardini, Sequi e Massimo Castri (con quest'ultimo in Rosmersholm di Ibsen nel 1980).


Sempre nel 1980 scrive insieme a Dacia Maraini (amica di lunga data) la storia intensa della sua gioventù, nel romanzo di grande successo Storia di Piera, divenuto film tre anni dopo, per la regia di Marco Ferreri e la sceneggiatura della stessa Degli Esposti unitamente a Dacia Marini e Ferreri, nel cast sono presenti Isabelle Huppert nel ruolo di Piera e Hanna Schygulla nel ruolo di sua mamma, quest’ultima al 36° festival di Cannes vincerà il premio come miglior attrice.


I premi e riconoscimenti ricevuti nel corso della sua carriera sono talmente tanti che è inutile anche solo citarli.


L'ultimo regalo della grande artista al suo pubblico è il libro "L'Estate di Piera", dal 16 giugno in libreria edito da Rizzoli e scritto con Giampaolo Simi, celebrato scrittore noire che è riuscito a rendere in narrativa le visioni di una leggenda che ha scritto la storia del teatro italiano.


unknown-2-192x300-.jpeg

Nella sinossi si legge che Piera Degli Esposti è


"soprattutto, ostinata e ribelle, non ama i potenti, e sa bene quant’è sottile la differenza tra il palco e la vita. Del resto, nello spettacolo della commedia umana si mente, si tradisce, si recita a soggetto. E può anche capitare di uccidere. Adesso Piera ha deciso di sfidare Shakespeare e allestire la prima rappresentazione al femminile del Riccardo III. Lei è fatta così. Intanto Roma soffoca nell’afa di luglio. Il delitto, però, non va mai in vacanza. E una notte, da una finestra del suo appartamento vicino piazza Navona, l’attrice nota una sagoma disfarsi di un grosso sacco nel pozzo del cortile"

...e parte un racconto che cattura tutta l'immaginazione possibile.


unknown-1-.jpeg

Manuel Giliberti

è architetto,scenografo e regista.


Lavora in tutti questi ambiti  facendo confluire  in ogni attività le sue diverse  esperienze artistiche.


Come architetto sue realizzazioni sono presenti in Italia e all'estero (Francia,Tunisia, Marocco)


In teatro ha firmato numerosissime regie lavorando su testi classici e e riletture contemporanee del Mito.


Ha girato documentari, cortometraggi e lungometraggi.


Vanta collaborazioni con Teatri stabili nazionali e particolarmente importante e duraturo nel tempo il rapporto artistico con Piera Degli esposti che è stata protagonista dei suoi film e di numerosi spettacoli teatrali.


Tra i numerosi premi ha vito il Globo d'oro della Stampa estera per il suo film Lettere dalla Sicilia.


Collabora con case editrici  e ha pubblicato saggi e libri relativi alla storia del teatro.


Aldo Premoli, founder director del tendermagazine SudStyle del Gruppo SudPress, milanese di nascita, vive tra Catania, Cenobbio, New York e Washington, dove lavorano i suoi figli. Tra il 1980 e il 1982 collabora con le riviste “Belfagor” di Luigi Russo e “Alfabeta” di Nanni Balestrini. Giornalista professionista, tra il 1989 e il 2000 dirige il periodico specializzato nel settore tessile abbigliamento come “L’Uomo Vogue”. Nel 2013 e 2014 dirige “Tar magazine”, rivista di arte scienza ed etica. Blogger di “Huffington Post Italia”, “Artribune”. Ha pubblicato libri di saggistica ed è tra i fondatori dell’Associazione Mediterraneo Sicilia Europa e il Centro Studi sulle migrazioni che porta lo stesso nome.

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio