Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

IN EVIDENZA

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Miracolo a Catania: il centro di ascolto "Caffè Quotidiano" della Locanda del Samaritano ha aperto davvero"Non serve nessun generale golpista, la democrazia la stanno suicidando"Libera l'ex assessore Barbara MirabellaCatania, una città che non ha cura di niente: perde anche l'Amatori RugbyIl Talk di Sudpress in diretta alle 18: "Il nostro mare, da gioia a pena"Operazione antimafia "Sangue blu": per la DDA è Francesco Napoli il capo della cosca Ercolano-SantapaolaARRESTATO IL "RESPONSABILE PROVINCIALE" DELLA COSCA SANTAPAOLA-ERCOLANOIl programma di Giorgia Meloni "Per l'Italia - Accordo quadro per il governo di centro destra"Elezioni Regionali, tutte le preferenze nel collegio di CataniaIl commiato di Stefania Prestigiacomo, la vittima più illustre del sistema elettorale "roulette russa"

UNICT, lauree in medicina: è rivolta contro le "telematiche"

01-07-2020 02:37

redazione

Cronaca, Università,

UNICT, lauree in medicina: è rivolta contro le "telematiche"

Ci sono rimasti proprio male i laureandi in Medicina dell'Università di Catania: nonostante l'allentamento delle prescrizioni anti-covid recepite dal

progetto-senza-titolo-2-.png


Ci sono rimasti proprio male i laureandi in Medicina dell'Università di Catania: nonostante l'allentamento delle prescrizioni anti-covid recepite dal Rettore Priolo con  una nota diffusa il 24 giugno, il dipartimento di Medicina e Chirurgia ha deciso che le lauree della sessione di luglio si svolgeranno per via telematica perché non sarebbe possibile evitare assembramenti. Poi magari andranno a festeggiare nelle ormai affollatissime discoteche...Insomma, siamo alle "linee guida più pazze del mondo"...



Lo scorso 24 giugno l'Ufficio Stampa di UNICT ha diffuso un comunicato, curiosamente datato 1 luglio, contenente le nuove indicazioni per quanto riguarda sedute di laurea ed esami:



"Unict, a luglio esami di laurea e di profitto di nuovo in presenza: Andranno tuttavia accertate preventivamente le condizioni di sicurezza delle aule. Massimo 5 accompagnatori per ciascun laureando. Dal 1° luglio tornano gli esami di laurea in presenza, se nell’aula prescelta saranno preventivamente accertate le condizioni di sicurezza prescritte dal Protocollo Sicurezza anti contagio Covid 19 - fase 2 adottato dall’Ateneo. Ciascun candidato potrà avere con sé solo un numero ridotto di accompagnatori, fino a un massimo di cinque persone."



Tuttavia, presso la Facoltà di Medicina si diffonde subito la notizia che i vertici ritengono che le citate "condizioni di sicurezza delle aule" non vi siano e cominciano le reazioni degli studenti che, dopo almeno 6 anni di sacrifici, avrebbero il piacere di condividere con parenti e amici questo importante traguardo.



E diffondono una nota che accusa la governance di comoda "inerzia":


“Siamo gli studenti di “Medicina e Chirurgia” e “Odontoiatria e Protesi Dentaria” della Università di Catania, laureandi della sessione di luglio 2020. Abbiamo appreso con grande rammarico e dispiacere che nonostante le direttive nazionali del ministero e la delibera del C.R.U.S. in merito alla possibilità della “laurea di presenza”, il Consiglio di Dipartimento della nostra facoltà ha disposto il proseguimento delle lauree per via telematica. Date le direttive puntuali del magnifico Rettore in materia di sicurezza anti-contagio per la ripresa delle attività e gli evidenti ampi spazi – molteplici, areati, palesemente congeniali agli spostamenti in totale assenza di assembramenti – di cui il nostro dipartimento offre, risulta evidente come la scelta sia basata sull’inerzia e sulla facilità nel continuare a gestire a distanze gli eventi più articolati, confermata per altro dalla ripresa degli esami di profitto di presenza.Per noi e per l’intera comunità accademica, non è una formalità, ma la cerimonia ufficiale che riconoscerà e dichiarerà pubblicamente l’impegno profuso e la dedizione messa nel nostro cammino accademico, e che ci chiamerà ad essere i medici e gli odontoiatri dell’imminente e incerto futuro, coloro i quali l’emergenza COVID (e chissà cosa altro) dovranno affrontarla non sui libri, ma a letto del malato.A conclusione del nostro ciclo di studi nell’Università che abbiamo imparato ad amare nonostante tutte le difficoltà, Vi chiediamo di preservare una discussione/proclamazione presenziale decorosa e degna del percorso svolto e dell’Università cui apparteniamo. L’informatizzazione è solo uno strumento nelle mani dell’uomo per gestire in maniera efficiente il suo operare, non il rifugium al quale ricorrere per sfuggire ai propri doveri.Solo per esemplificare ci permettiamo pochi, semplici e pratici consigli, tratti dalle ordinanze del Rettore e del Ministero:

  • rigida pianificazione degli orari distinti per laureandi;
  • limitazione del numero di accompagnatori per ogni laureando (cinque come daDisposizione Regionale);
  • obbligo di mascherina per tutti gli accompagnatori; per i laureandi durante le attese, come da Disposizione Regionale;
  • previsione di percorsi distinti per l’accesso e l’uscita dalle aule per ladiscussione delle tesi;
  • fruizione di più aule qualora si volesse restringere il numero delle settimanededicate alle lauree;
  • uso di spazi esterni.
Per concludere, vorremmo ricordarVi che in tutti gli altri Atenei italiani i Direttori si stanno impegnando per poter svolgere le cerimonie in presenza. In Sicilia saremmo l’unica Facoltà di Medicina a non svolgere le lauree in presenza, e nello stesso Ateneo di Catania molti Dipartimenti riprenderanno lauree e anche esami di profitto, per non parlare delle altre Regioni, anche nella sfortunata Lombardia si stanno muovendo in tal senso, perché noi, studenti di un Corso di Laurea del Sud, dobbiamo sentirci sempre ultimi in tutto? Siamo orgogliosi del nostro Dipartimento anche perché è una struttura moderna e spaziosa. Non crediamo che sia difficile né costoso adattare le aule all’esigenza di evitare le aggregazioni.

Sin qui la posizione degli studenti, ma nel pomeriggio del 30 giugno la doccia fredda della posizione di diniego confermata dal Dipartimento di Medicina:


Cari laureandi,come già comunicato tramite avviso sul sito web, le sedute di laurea del CdLM in Medicina e Chirurgia della sessione di luglio 2020 si svolgeranno in modalità telematica attraverso la piattaforma Microsoft Teams.

Seppur consapevoli del dissenso espresso da alcuni di voi, e rammaricati di non potervi venire incontro, vogliamo sottolineare che le recenti linee guida per gli esami di laurea emanate dall'Università di Catania prevedono la preventiva verifica della situazione logistica e delle condizioni di sicurezza per prevenire ogni possibile eventualità di contagio da Covid-19.


Considerato il numero elevato dei laureandi (circa 200) e il conseguente numero elevatissimo (circa 1000) di ospiti che, seppur frazionati, avrebbero reso impossibile l’effettuazione di un eventuale controllo epidemiologico, tenuto anche conto del fatto che la maggior parte dei relatori, lavorando in ambiente ospedaliero, anche se asintomatici, possiedono un rischio intrinseco maggiore di contagio, abbiamo dovuto necessariamente optare per la modalità a distanza.


Tale decisione è stata discussa e deliberata all'unanimità in seno al Consiglio di Dipartimento di Chirurgia Generale e Specialità Medico-Chirurgiche al quale afferisce il CdL, con l’assenso del Presidente della Scuola "Facoltà di Medicina" e dei Direttori dei quattro Dipartimenti di Area medica.

Ci auguriamo che, in qualità di futuri medici, possiate comprendere che la salute è un diritto di tutti e che preservarla è un nostro preciso dovere anche quando questo implica dei sacrifici personali.


Si ribadisce


l'impegno di questa Presidenza di CdL ad organizzare un Graduation Day

non appena ci saranno le condizioni necessarie.


Questo è quanto, chi ne ha la responsabilità sceglie sempre la scelta più comoda...per sé.


Quindi a Medicina CT, laurea a distanza e poi tutti in discoteca, che tanto ormai sono aperte a pieno regime.


A festeggiare le "linee guida" più pazze del mondo...


Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio