Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

L'assessore regionale all'Economia Marco Falcone confessa in diretta la lottizzazione della Sanità e inguaia il governo MusumeciPubbliservizi: il Consiglio di amministrazione tenta l'ultima cartaIl TALK delle 10: Lirica, conosciamola perché è una meravigliaIl caso Juventus, la nuova calciopoli: "Può scindersi il divertimento dalla morale?"Sanità, CODACONS denuncia parentopoli al Garibaldi di Catania e ASP Ragusa, Catania e PalermoIM-BA-RAZ-ZAN-TEFallimento PUBBLISERVIZI: il commissario Portoghese risponde picche, silenzio assoluto della politica, cominciano le proteste dei dipendentiPUBBLISERVIZI, ULTIMORA delle 12: lavoratori in presidio attendono il commissario Portoghese, già insediati i Curatori che ricevono il CdAPUBBLISERVIZI FALLITA, parla il presidente Giuseppe Molino: “Il CDA spettatore impotente, si poteva evitare ma qualcuno ha remato contro”E come ogni Natale torna la buca di via Torino: sempre la stessa

UNICT: il caso Giambattista Scirè e "Priolo 1", "Priolo 2", "Priolo 3"...

05-02-2020 05:42

Giambattista Scirè

Cronaca, Università,

UNICT: il caso Giambattista Scirè e "Priolo 1", "Priolo 2", "Priolo 3"...

Vi rubo solo 50 secondi del vostro tempo. Ascoltate bene e visionate il contenuto di queste due interviste andate in onda in televisione, ad una trasm

Vi rubo solo 50 secondi del vostro tempo. Ascoltate bene e visionate il contenuto di queste due interviste andate in onda in televisione, ad una trasmissione Mediaset e ad un telegiornale Rai, a distanza di pochi mesi.

 

Nella prima (ottobre) l’appena eletto rettore Priolo dice: “Conosco il caso, il dottore Scirè ha vinto giustamente un ricorso, anzi devo dire più di uno, e questo è uno dei casi che a Catania, come purtroppo in altre parti d’Italia, INQUINANO IL SISTEMA”.

 

Nella seconda (andata in onda sabato), il rettore, che chiameremo Priolo 2 - ma che dovrebbe essere, a giudicare almeno dalle immagini e dalla voce, la stessa persona - dice: “Noi abbiamo ottemperato a tutte le sentenze e quindi aspettiamo a questo punto che, eventualmente, possa essere il Ministero a dirci se qualcosa che non abbiamo fatto dobbiamo fare”.

 

E’ bene aggiungere un ulteriore tassello.

 

Nel tempo che intercorre tra le due interviste, secondo quanto ha dichiarato pubblicamente l’ex Ministro Lorenzo Fioramonti, il rettore avrebbe dato la sua disponibilità a risolvere il caso, tanto è vero che andai personalmente a parlare con due funzionarie del Miur, le quali, a novembre, hanno concordato con me una nota che ho prontamente inviato all’ateneo.

 

Inoltre esiste una ulteriore intervista - e a questo proposito chiamo in causa come testimone Ismaele La Vardera de Le Iene che l’ha girata a fine ottobre per un servizio che al momento non è ancora stato messo in onda - nella quale il rettore, che a questo punto chiameremo Priolo 3, parlando al telefono con me, dice chiaramente che mi avrebbe convocato prestissimo per un INCONTRO in modo da risolvere l’annosa questione.

 

Incontro che, ad oggi, non è mai avvenuto e sono trascorsi ben 4 mesi. Perchè?

 

Quanto alle sentenze ottemperate, sì certo come no, con tre anni di ritardo, e intramezzate da irregolarità e abusi di ogni sorta, che hanno comportato, come hanno scritto i tribunali amministrativi e penali, e come sanno bene tutti all’ateneo, a partire dal rettore Priolo, danni a catena alla mia vita e alla mia carriera accademica, ragion per cui sono arrivato a dover scrivere al Capo dello Stato e mi rivolgerò presto - se come è probabile il Ministero non farà nulla - alla Corte di Giustizia europea.

 

Non aggiungo altro.

 

Lascio valutare a voi il tono e i contenuti delle due diverse interviste del rettore.

 

Trasparenza e Merito. L'Università che vogliamo

 

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio