sudpresslogo
sudpresslogo

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

mof edizione 2022

telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Lungomare di Catania dedicato (per finta) a Franco Battiato: il tripudio non è unanimeFondazione Taormina Arte: accesso agli atti sulla nomina del Sovrintendente Ester BonafedeCatania sarebbe "virtuosa" perché non spende niente in "infrastrutture stradali"All'ASP di Catania siamo alla follia: manca il funzionario per i pagamenti e...non pagano servizi essenzialiCatania devastata, danneggiata statua di piazza Europa: sicuro che i veri delinquenti sono i vandali?Music Opera Festival: dal 28 maggio la terza edizione all'Ardizzone GioeniLa pace non è una zuccaPUBBLISERVIZI: il commissario Perazzoli e la Città Metropolitana continuano a litigare, appello alla responsabilità del presidente MolinoConvegno alla Camera dei Deputati sull'indipendenza energetica: partenariato Italia-AzerbaigianIl Giro d'Italia a Catania: dove si lavano pentole nelle fontane monumentali, di fronte al municipio

Unict: i Baroni fanno cassa con i soldi degli studenti

25-10-2019 02:34

Lucia Murabito

Cronaca, Università,

Unict: i Baroni fanno cassa con i soldi degli studenti

200 euro per ogni studente irregolare, cioè che si trovi indietro con i CFU da conseguire per essere considerato in corso. A questo ammonta la cifra r

studente-universitario-2-.png

200 euro per ogni studente

irregolare, cioè che si trovi indietro con i CFU da conseguire per essere considerato in corso. A questo ammonta la cifra richiesta,


senza preavviso e in anticipo

, agli studenti dell'Ateneo di Catania. Scadenza 31 dicembre 2019 e il provvedimento riguarda una platea di oltre 12.000 studenti: un bel modo di chiudere un bilancio, da


top management

, certamente


legale

e


trasparente

...


Di


spese anomale

e


bandi dubbi

all'università di Catania ci siamo abbondantemente occupati da sempre. E quanto abbiamo documentato su queste pagine si trova spesso riportato


nelle ordinanze della Procura della Repubblica

.


E chi pensa che ne gioiamo si sbaglia: che un'istituzione di cultura, antica e (un tempo) prestigiosa come quella dell'Ateneo catanese


finisca nelle pagine di cronaca per associazione a delinquere

ci duole e non poco. Anche perché i risultati sono sotto gli occhi di tutti: calo di iscritti, calo di qualità nella formazione, calo di credibilità. I ragazzi fuggono e le famiglie preferiscono spendere altrove i soldi destinati all'istruzione dei figli.


Ieri la notizia di una nuova brillante iniziativa

: il CdA d'Ateneo ha stabilito che tutti gli studenti "irregolari" dovranno pagare il contributo minimo di 200 euro stabilito dalla legge 232/16 (comma 258), entro la scadenza del 31 dicembre 2019, e non più entro il 10 febbraio del 2020.


Un mese e mezzo di anticipo. Con buona pace della Guida dello Studente. E con tutte le problematiche che comporterà e che i rappresentanti degli studenti stanno già in queste ore segnalando.


Il sistema informatico - che già in fase di regolare iscrizione ha dato non pochi problemi agli studenti - non è programmato per i bollettini anticipati

. Tra gli studenti cosiddetti "irregolari" ci sono anche i laureandi che, ultimando il percorso in sessione straordinaria potrebbero essere esonerati dal pagamento del contributo fisso. Ma che in questo caso dovranno pagarlo ugualmente. Senza alcuna notizia rispetto all'eventuale politica di rimborso.


Considerando, tra l'altro che le iscrizioni si chiuderanno il 15 di novembre e che quindi


ci sarà chi si ritroverà a pagare iscrizione e quota minima nel giro di meno un mese.

Per non parlare dei disagi arrecati alle famiglie. Anticipare di quasi due mesi una tassa comunque consistente potrebbe mettere in difficoltà alcuni studenti.


Ma i disagi, chiaramente, sono solo per i ragazzi e i loro genitori.


La misura coinvolge oltre 12.000 studenti. Abbondantemente un terzo degli iscritti all'Ateneo.


Moltiplicando 12.000 per i 200€ di contributo fisso da versare


si ottiene la "modica" cifra di 2 milioni e 400mila euro.Da saldare

entro il 31 dicembre e cioè


entro la chiusura dell'esercizio di bilancio 2019

.


A pensar male si fa peccato, ma il più delle volte si indovina.


image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio