381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Su Sudsport Pallanuoto: Giorgini Muri Antichi conquista la finalissima per la promozione in A2Grande folla MPA a Le Ciminiere per sostenere Caterina Chinnici"Quannu Cantu: Spiragli di Luce e Amore": lo spettacolo del cantautore Tony Faro stasera al teatro Grotta SmeraldaSu Sudsport Grande attesa per il ritorno degli ottavi di finale dei playoff di Serie C tra Avellino e CataniaZona Industriale, sindacati attaccano il sindaco Trantino: "Vada a farsi un giro personalmente con la sua macchina"Alla giornata mondiale dei Bambini a Roma una delegazione siciliana di famiglie e bambini accolte dal Consorzio Umana solidarietàSu Sudsport Pallanuoto, Trionfo Epico: L'Ekipe Orizzonte Conquista il 24° Scudetto e lo dedica a Giuseppe La DelfaMogol al Teatro ABC: conferenza stampa alla MondadoriParte a Catania l'accoglienza in famiglia dei richiedenti asiloSu Sudsport Pallanuoto, Giorgini Muri Antichi perde ai rigori a Pescara. Decisiva la bella di sabato

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

Nel solenne pontificale agatino il vescovo Renna sferza i "politici imputati"...che sono in prima fila

06-02-2023 05:30

Pierluigi Di Rosa

Cronaca,

Nel solenne pontificale agatino il vescovo Renna sferza i "politici imputati"...che sono in prima fila

"Abbiamo paura di amministratori poco competenti, eterodiretti, con problemi in sospeso con la giustizia"...

schermata-2023-02-05-alle-22.22.19.png

È certo che questa edizione della Festa di Sant'Agata 2023 non passerà inosservata, non tanto per l'enormità di gente accorsa dopo i due anni di stop pandemico, quanto per la frusta usata dal nuovo Arcivescovo Luigi Renna che nel suo debutto agatino ha trovato le diverse occasioni per lanciare messaggi inequivocabili e che segnano uno spartiacque emininte: per questo decidiamo di dargli lo spazio che merita.

 

La messa del 5 febbraio in Cattedrale è il momento più significativo delle celebrazioni agatine, quello in cui l'Arcivescovo Metropolita proclama il solenne Pontificale.

 

L'occasione annuale più importante per lo sfoggio di tutte le autorità, più o meno autorevoli.

E ad esse, in oridine protocolalre, si rivolge il Padre Vescovo.

 

Ad elencare gli esponenti della regione siciliana presenti nelle prime file è un comunicato ufficiale dello stesso Ufficio Stampa del governo regionale diffuso alle 13,21, con la foto allegata: "Il presidente della Regione Siciliana, Renato Schifani, questa mattina nella cattedrale di Catania, ha assistito al solenne pontificale officiato dall'arcivescovo metropolita Luigi Renna per le celebrazioni della Festa di Sant'Agata. Presenti anche il presidente dell’Assemblea regionale siciliana Gaetano Galvagno, gli assessori regionali all'Economia Marco Falcone, all'Agricoltura, sviluppo rurale e pesca mediterranea Luca Sammartino, al territorio e ambiente Elena Pagana e il capo della Protezione civile regionale Salvo Cocina."

 

Quindi, erano presenti, nelle prime file almeno due imputati eccellenti:

 

  • presente anche il vice presidente e assessore all'agricoltura Luca Sammartino: imputato in ben due processi per corruzione elettorale ed in uno è  accusato di avere promesso utilità in cambio di voti venendo intercettato mentre era a colloquio con il boss mafioso Girolamo Lucio Brancato (nel procedimento però non è contestata l'aggravante mafiosa.);

 

  • in seconda fila, più laterale, l'ex pluri sindaco ed ancora presidente dell'assemblea dell'ANCI Enzo Bianco, imputato nei processi penali e contabili (già condannato in primo grado) per il dissesto finanziario del comune di Catania e nell'ambito di uno dei tronconi dell'inchiesta "Università Bandita".

 

Ma ecco, che proprio di fronte a quelle prime file e ad un duomo gremito, durissimo e senza precedenti l'anatema contenuto in uno dei capoversi del solenne pontificale pronunciato  dall'Arcivescovo Metropolita di Catania mons. Luigi Renna il 5 febbraio 2023:

"A Catania abbiamo paura di un futuro che impoverisca la nostra città.

Abbiamo paura di una politica del “si è fatto sempre così”; che non sia frutto di scelte condivise e rinnovate.

Abbiamo paura di una politica che non risolva i problemi della città, ma li complichi con amministratori poco competenti, eterodiretti, con problemi in sospeso con la giustizia, che non danno esemplarità in una città che ha al suo interno una parte della sua popolazione agli arresti domiciliari."

Bhe, non c'è niente da aggiungere, magari leggiamo l'intero pontificale che proponiamo a seguire, sperando che nel nome dell'amatissima Agata non ci si limiti a spezzare uno solo dei cordoni che ne trascinano il fercolo, come accaduto molto significativamente quest'anno durante la "salita dei cappuccini", ma piuttosto a liberare Catania dalle catene soffocanti imposte da "amministratori poco competenti, eterodiretti, con problemi in sospeso con la giustizia"...


Omelia nella solennità di sant’ Agata
Cattedrale di Catania
5 febbraio 2023
"Non abbiate paura: il messaggio di speranza di sant’ Agata"

 

Onorevole Presidente della Regione Sicilia, 
Eccellenza Signor Prefetto, Eccellenza Signor Commissario straordinario,
carissimi Confratelli  Arcivescovi e Vescovi,
distinte Autorità civili e militari,
carissimi fratelli e sorelle,


due volte è risuonato nel Vangelo che è stato proclamato l’invito del Signore Gesù: “Non abbiate paura”!  (Mt 10, 28. 31).

 

Sono parole che hanno infuso speranza ai discepoli che Gesù ha voluto preparare al futuro. Noi cristiani siamo alla sequela di un Maestro che è risultato perdente secondo la cronaca del suo tempo: messo a morte come un bestemmiatore, in compagnia di altri malfattori, e con accanto a sé non un esercito armato pronto a difenderlo, ma solo la sua anziana madre e poche altre persone, per lo più donne.

 

Eppure il Cristo ci ha detto di non avere paura, perché la Sua morte non è l’ultima parola: può essere forse l’ultima per l’uomo, ma non per Dio, che lo ha risuscitato.

Ed è per questo che noi siamo qui a celebrare il Sacrificio Eucaristico di Cristo, e a fare memoria di una donna che circa due secoli dopo la morte e la risurrezione del Suo Maestro non ha avuto paura di coloro che straziavano il suo corpo e si apprestavano a gettarlo in una fornace per finirlo. Sant’ Agata è andata incontro alla morte senza la paura che dopo ci fosse il “nulla” o il “grande forse”.

 

Credeva che ci sarebbe stato il Cristo risorto ad attenderla, lo Sposo che lei, vergine votata la Suo servizio, aveva scelto come l’unico amore. 
Come sarà risuonato agli orecchi dei martiri come sant’ Agata quel “Non abbiate paura”?

La paura portava molti cristiani, sotto le persecuzioni volute da alcuni imperatori di Roma, a rinnegare la fede: le tenebre profonde delle carceri che erano delle fosse insane, il caldo soffocante per l’ammucchiamento delle persone imprigionate, i maltrattamenti dei soldati, la raffinata crudeltà delle torture e l’efferatezza della pena capitale, sono tutti elementi sui quali concordano le narrazioni del martirio dei primi secoli, sia in autori cristiani, sia in insospettabili autori pagani.

Nel Martirio di Policarpo si narra di un episodio che all’epoca doveva essere frequente: per paura del supplizio un cristiano rinnega la sua fede. Un certo Quinto, narra il testo suddetto, venuto dalla Frigia a Smirne, si era costituito spontaneamente come cristiano, ma poi si era lasciato prendere dal terrore e il magistrato era riuscito a persuaderlo a giurare per gli dei e ad offrire un sacrificio. 


Agata invece ha superato la paura: l’avrà forse avuta; ma l’avrà superata con una immensa fiducia in Dio, come tanti martiri di ogni tempo. Come don Pino Puglisi, che guardando in faccia il suo carnefice, quella sera del 15 settembre di trenta anni fa gli disse. “Me l’aspettavo”. E il giudice Rosario Livatino, che nel suo schietto siciliano disse a chi stava per uccidendo: “Chi vi fici?” 


“Non abbiate paura!” Cioè: “ Siate coerenti, fidatevi di Dio” Fidatevi della potenza della Risurrezione, perché chi vorrà salvare la propria vita la perderà. Perché voi valete più di molti passeri( cf Mt 10,31). 


Cari fratelli e sorelle, vorrei che sant’ Agata, passando per le strade della nostra Catania, ci invitasse a non avere paura, perché perfino i capelli del nostro capo sono contati(cf Mt 10,30). Quelli dei devoti, come quelli degli uomini e delle donne che non credono. Quelli degli uomini giusti e quelli di coloro sono in carcere; quelli delle persone ben curate e profumate, e quelli di coloro che dormono per strada o frequentano ogni giorno le mensa della Caritas o di altre istituzioni benefiche. Sono contati i capelli dei soldati russi e di quelli ucraini, quelli che giacciono nelle fosse comuni; sono contati i capelli dei migranti.

Dio continua a portare il conto dell’originalità di ciascuno di noi, soprattutto di chi si sente un invisibile. Ciascuno di noi vale di più di quanto può valere il pil  di una nazione.


La paura indubbiamente è presente non solo davanti alla prospettiva del martirio, ma è una costante nella storia, tanto da far dire allo storico francese Jean Dulumeau che “le collettività e le civiltà stesse sono impegnate in un dialogo permanente con la paura”.

Oggi le collettività vivono alcune paure che le bloccano e le paralizzano: quella del futuro, ad esempio, crea una cultura che alimenta la denatalità.

Ma sappiamo che quel “Non abbiate paura” è detto anche per i timori di questo nostro tempo.


Anche noi catanesi oggi abbiamo tante paure con cui fare i conti.

Di una Chiesa che non abbia il coraggio di camminare con il Risorto e di rinnovarsi nella comunione e nella missione.

Di laici che non si sentano corresponsabili nella vita pubblica ed esauriscano il loro impegno di santificare le realtà di questo mondo, nel perimetro delle associazioni o delle parrocchie, o deleghino questo impegno ai ministri ordinati. 


A Catania abbiamo paura di un futuro che impoverisca la nostra città.

Abbiamo paura di una politica del “si è fatto sempre così”; che non sia frutto di scelte condivise e rinnovate.

Abbiamo paura di una politica che non risolva i problemi della città, ma li complichi con amministratori poco competenti, eterodiretti, con problemi in sospeso con la giustizia, che non danno esemplarità in una città che ha al suo interno una parte della sua popolazione agli arresti domiciliari.

 

Per questo chiediamo a Sant’ Agata che ci faccia risuonare come rassicuranti le parole di Gesù: “Non abbiate paura”. E che ci faccia essere decisi come lei. 
Non abbiate paura non è una frase che lascia tranquilli, come il famoso oppio dei popoli, che addormenta la coscienza e muove al disimpegno e alla delega in bianco, che non si può più rinnovare.

 

Quello che purtroppo è divenuto un costume, che elezione dopo elezione ci fa perdere pezzi di cittadinanza e di vita democratica, ha le sue cause che le persone intelligenti conoscono, e richiede che la speranza si organizzi e ci veda corresponsabili. 


Non abbiate paura, come sant’ Agata. Cioè abbiate speranza. Sant’ Agostino scrive: “Chi gode nella speranza, avrà un giorno anche la realtà. Chi invece non ha speranza non può arrivare alla realtà”( In Io ep. Tr.8,13)


Il poeta francese Charles Peguy dice che la speranza è “quella piccina, che trascina tutto.

Perché la Fede non vede che quello che è.

E lei vede quello che sarà.

La Carità non ama che quello che è.

E lei, lei ama quello che sarà. (…)Non è una schiava, questa bambina è irriducibile.

Lei replica per così dire alle sue sorelle; a tutte le virtù, a tutti i misteri.

Quando loro scendono lei sale, (è molto ben fatto,) Quando tutto scende solo lei risale e così le doppia, le decuplica,le allarga all’infinito.

Dio ci ha fatto speranza.”

Che la speranza prenda per mano la fede dei devoti di sant’ Agata, le istituzioni; prenda per mano la carità politica e la carità per i poveri; e le porti nella terra del futuro. 


Questa fanciulla Santa di nome Agata dice a tutti. “Abbiate speranza! Rialzatevi. Costruite la Chiesa e la vostra città, portando nel futuro una fede sincera ed una carità operosa.

Soprattutto una operosa carità politica, che sappia fare alleanze tra le generazioni, coinvolgendo i giovani, e con tutti i quartieri, anche i più periferici, perché Santa Aiutuzza non fa differenza fra le vie eleganti del centro e le strade dissestate di periferie. Io ho creduto nel Dio che conta i capelli del nostro capo”. 

 

S.E.R. Mons. Luigi Renna

Arcivescovo Metropolita di Catania


Leggi anche:

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio