381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

Regione Siciliana: critiche asperrime al governo Schifani per la gestione dell'AST che taglia corse essenzialiSu Sudsport A Lignano Sabbiadoro l'ultimo atto della Regular Season di Beach Soccer: Domusbet.TV Catania in vettaLutto nel mondo dell'Informazione per la scomparsa del direttore Rino Lodato, giornalista perbene e garbatoSu Sudsport Conclusa la prima edizione del Sicilia Padel Tour, pronti per il 2025Schifani smentisce Trantino ed emana l'ordinanza per tutelare i lavoratori dal caldo afoso che il sindaco di Catania ha negatoProtocollo d'intesa tra ASMOE e COI-AIOG per il miglioramento della sanità in medicina ed in odontoiatria estetica“Diario di scuola”, tra botte e violenze anche nelle scuole siciliane: chi salva gli insegnanti?Su Sudsport Calcio Catania, ecco il calendario completo del campionato di Serie C 2024/25Su Sudsport Campionato Italiano Granturismo Endurance: al Mugello successo sicilianoSolo i lidi rosicchiano spiagge libere? Anche i proprietari, qualche volta, sono colpevoli

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

La Chiesa di Palermo "sospende" padrini e madrine...

04-02-2023 05:58

Nicola Filippone

Cronaca, Focus,

La Chiesa di Palermo "sospende" padrini e madrine...

Ormai riti convenzionali e per di più "clonati" dalla malavita...

battesimo.jpeg

Il 31 gennaio scorso Corrado Lorefice, Arcivescovo di Palermo, ha firmato un decreto col quale sospende l’ufficio di padrino e di madrina “ad experimentum”, a partire dal prossimo 1 luglio, per la durata di un triennio.

 

Ciò vuol dire che, nell’arcidiocesi del capoluogo siciliano, il battesimo e la cresima saranno amministrati senza queste figure, previste dal Codice di Diritto Canonico, per presentare il battezzando o il cresimando e cooperare affinché egli conduca una vita cristiana conforme al sacramento ricevuto.

 

La decisione scaturisce dall’avere constatato che “convenzioni sociali e abitudini consolidatesi hanno compromesso l’autentico significato di questo ufficio”.

Effettivamente esso è stato “confuso spesso con relazioni di parentela — se non addirittura con legami ambigui — e relegato, il più delle volte, al solo momento rituale”.

 

Ormai è molto raro che un padrino o una madrina si prendano cura della crescita spirituale dei propri figliocci, che si informino della frequenza con cui essi si accostano ai sacramenti, che li orientino a scelte di vita autenticamente cristiana.

 

E, d’altra parte, la loro designazione si basa su criteri che esulano dalla funzione che dovrebbero svolgere.

Nella maggior parte dei casi, infatti, si tiene conto di legami di amicizia o di consanguineità, rispettando, in quest’ultimo caso, un certo equilibrio tra i congiunti dei due genitori.

2019_riti-ndrangheta.jpeg

Ma le parole di Lorefice non possono non rimandare anche al linguaggio mafioso, in cui il padrino indica colui che introduce un aspirante uomo d’onore nell’organizzazione criminale.

 

Cosa nostra ha, notoriamente, adottato un rituale, durante il quale un santino del santo patrono, nell’atto di bruciare, viene tenuto tra le mani del neofita, che augura alle sue carni di ardere, nel caso in cui tradisse la famiglia della quale è entrato a far parte.

 

Inoltre, le dita del padrino e del figlioccio, precedentemente “pungiute”, vengono sovrapposte, realizzando, in tal modo, quello che è definito un “battesimo di sangue”.

Si tratta di una blasfema strumentalizzazione di elementi religiosi, al fine di legittimare il ricorso alla violenza, come se questa potesse essere ricondotta ad una impossibile volontà di Dio.

 

Molti dei lettori ricorderanno il finale del Padrino, il film del 1972, diretto da Francis Ford Coppola, in cui gli uomini di Michael Corleone eliminano i boss dei clan nemici, mentre il loro capo sta battezzando in chiesa il figlio di sua sorella al quale, poco dopo, farà pure uccidere il padre.

 

La religiosità dei mafiosi (da non confondere con la fede, che tale non è) ha costituito per anni una zona grigia dei rapporti con la Chiesa.

 

La loro falsa devozione, unita ad una beneficienza ostentata e affettata, ha fatto supporre un legame, o addirittura una vera contiguità, col Cristianesimo.

 

Con il compiacimento di ecclesiastici, politici cattolici e una molteplicità di battezzati, che hanno spesso chiuso gli occhi di fronte alle ingiustizie e alle prevaricazioni, con cui il Vangelo veniva sistematicamente calpestato.

 

Si deve al cardinale Salvatore Pappalardo il primo forte pronunciamento di un pastore contro la criminalità organizzata, con la sua omelia ai funerali del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, nel 1982.

 

Undici anni dopo, papa Giovanni Paolo II, dalla Valle dei Templi di Agrigento, lanciava il terribile anatema contro i mafiosi, esortandoli alla conversione e al timore di Dio.

 

Il 15 settembre di quello stesso anno, il 1993, don Pino Puglisi, parroco di Brancaccio, diventava il primo martire ucciso dalla mafia.

 

In quest’alveo la scelta di Lorefice può, pertanto, avere un grande impatto educativo e catechetico, contribuire a dissipare dei residuali fraintendimenti e ribadire con determinazione l’assoluta incompatibilità di qualunque organizzazione criminale con l’insegnamento di Gesù Cristo.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio