381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
381142701_793395249453303_3251258523139570544_n.jpeg
900x250 fringe
900x250 fringe
900x250 fringe
sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

AUTORI

sudpresslogo

CONTATTI

sudhitech (1280 x 720 px)
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi
come lo raccontiamo noi

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

IN EVIDENZA

DIBATTITO PER CATANIA (e non solo), Antonio Pogliese: "Gli intellettuali scendano in campo"Su Sudsport Pallanuoto, ora si fa sul serio: semifinale play off gara 1 Giorgini Muri Antichi vs. PescaraSuccesso per Rigoletto al Teatro Placido MandaniciBenedettini: solidarietà per la Palestina o per il proprio ego?La fame nel carrello, la spesa come arte tra bonus e volantini.SAC-Aeroporto di Catania: la cerimonia per i 100 anni, ma quanto è costata?Su Sudsport Entra nel vivo il Giro di Sicilia: 200 auto storiche nel ricordo dell'epopea dei FlorioEx Santa Marta, una futura distesa di cemento a cielo aperto?Terremoto Sanità: indagato e sospeso il commissario dell'ASP Catania Giuseppe Laganga Senzio - Il ruolo positivo di Giampiero Bonaccorsi: poi segatoSu Sudsport Sicily Cup 2024: a Modica il torneo delle rappresentative provinciali di Calcio a 5

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

È guerra all'Orchestra Sinfonica FOSS. I sindacati denunciano "pressioni" della direzione sui precari per imp

31-01-2023 05:30

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Cultura&Spettacolo, Focus, Regione,

È guerra all'Orchestra Sinfonica FOSS. I sindacati denunciano "pressioni" della direzione sui precari per impedire lo sciopero

...e mica ci sono solo Cannes, Venezia, Jazz, affidamenti diretti a consulenti...

sinfonica-1.jpeg

...e mica ci sono solo Cannes, Venezia, Jazz, affidamenti diretti a consulenti...

La Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana (FOSS) è uno degli enti pubblici controllati e finanziati dal governo regionale, che si occupa di "diffusione della culura musicale", come anche il Teatro Massimo di Palermo, il Teatro Vincenzo Bellini di Catania, il Vittorio Emanuele di Messina ai quali, più recentemente, si è aggiunta la Fondazione Brass Group che si occupa di Jazz e di cui ci siamo occupati qualche giorno fa.

 

S tratta per lo più di istituzioni pubbliche e con denaro pubblico finanziate periodicamente attraversate da problemi gestionali di varia gravità, mantenute a galleggiare finché non affogano nei loro problemi: non è la prima e non sarà l'ultima, questo è lo stile gestionale degi enti sotto il controllo del governo regionale.

 

Nel caso della FOSS, la Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana , le proteste durano da mesi, con richieste ripetute di dimissioni o revoca dell'intero gruppo dirigente nominato dal precedente governo Musumeci nell'ambito delle competenze dell'assessorato Turismo, Sport e Spettacolo.

 

Al momento la governance è, manco a dirlo, costituita dall'immancabile "commissario straordinario", il dirigente regionale dell'assessorato Turismo e capo della Sicilia Film Commission Nicola Tarantino, che poi è il dirigente al quale l'ex assessore Manlio Messina ha attribuito gran parte delle prodezze legate al caso "Festival di Cannes", da un sovrintendente Francesco Di Mauro e dal direttore artistico Gianna Fratta che poi è anche la "Project Manager" del Festival Belliniano che non si può chiamare così perchè hanno perso la causa...ma queste sono altre storie ed altre "celebrazioni" su cui torneremo. 

 

Una governance contestatissima dai professori dell'orchestra, che sono scesi in piazza con gli striscioni inneggianti alle dimissioni fino a proclamere uno sciopero che ha fatto saltare due concerti.

 

La reazione della dirigenza della FOSS non è stata esattamente "istituzionale", anzi probabilmente dovrebbe definisrsi alquanto scomposta, con l'emanazione di un comunicato stampa dai toni durissimi contro i sindacati, che per parte loro ne denunciano la portata mistificante.

 

Per inciso, i sindacati denunciano anche che l'ente pubblico FOSS non potrebbe neanche emettere legittimamente comunicati stampa in quanto la legge richiede che per farlo dovrebbero avvalersi di un giornalista iscritto all'ordine che pare non ci sia... 

 

Intanto vediamo cosa scrive l'attuale governance in questo "comunicato stampa abusivo", che già dal titolo suona come inusuale attacco da parte di dirigenti pubblici nei confronti delle sigle sindacali:

COMUNICATO STAMPA FOSS:

TITOLO: SCARSA PARTECIPAZIONE DEI LAVORATORI DELLA FOSS ALLO SCIOPERO INDETTO DAI SINDACATI

 

E il sottotitolo non è da meno: "OLTRE IL 75% DEI LAVORATORI NON ADERISCE, MOLTI DICHIARANO DI AVER DISDETTO LA PROPRIA TESSERA SINDACALE, NON CONDIVIDENDO I CONTENUTI E LE MODALITÀ DELLO SCIOPERO

LA GOVERNANCE DEL TEATRO RITIENE CHE LE AZIONI SIANO MESSE IN ATTO DA POCHI, IN MODO STRUMENTALE, SENZA ALCUN CONFRONTO CON LA BASE

 

E quindi il testo: "Indetto senza alcuna assemblea dei lavoratori e con un’azione unilaterale dei sindacati, conseguente alla proclamazione dello stato di agitazione, lo sciopero che ha portato alla cancellazione dei due concerti previsti venerdì 27 e sabato 28 gennaio 2023 ha visto una partecipazione scarsissima di lavoratori: 32 su 132 (tra stabili e scritturati). E la percentuale non cambia se si considerano solo i lavoratori stabili.

Flop dello sciopero e grande agitazione tra i lavoratori – molti dei quali hanno dichiarato di aver disdetto la propria tessera sindacale – che non condividono un’azione che ha portato alla cancellazione di due importanti concerti della stagione, con l’eccezionale presenza a Palermo di uno dei più grandi violinisti del mondo, il M° Gidon Kremer.

 

E sono proprio coloro che tanto parlano di sprechi, nomine non dovute, come quella del sovrintendente, con conseguente danno economico per la Fondazione, che in soli due giorni di sciopero causano la perdita di oltre 60.000 euro per la FOSS, tra cachet comunque dovuti agli artisti, costi dei service per la registrazione per la Rai, rimborso dei biglietti già venduti, ecc.

 

La gran parte dei lavoratori, oltre il 75%, non condivide evidentemente le motivazioni addotte dai sindacati e non prende parte agli scioperi. Alle 21 di venerdì sera decine di professori e professoresse dell’orchestra si sono regolarmente recate in teatro, firmando la loro non adesione.

 

I rappresentanti sindacali non hanno dunque agito rappresentando nè la totalità dei lavoratori, nè una percentuale che si avvicina alla maggioranza di loro, stante l'adesione allo sciopero di meno del 25% dei lavoratori totali della Fondazione.

Lo sciopero ha determinato, oltre ad un ingente danno economico per la Fondazione, anche un danno d’immagine, contestuale, per di più, alle gravi lamentele da parte degli abbonati.

 

La governance si sta impegnando proprio in questi giorni a recuperare i concerti, possibilmente con lo stesso programma e gli stessi artisti, in coda alla stagione sinfonica, in modo da poter offrire agli abbonati l’intera offerta musicale proposta in abbonamento.


Sin qui la posizione espressa dalla governance della fondazione regionale, che definisce alquanto irritualmente un flop l'iniziativa sindacale e addirittura comunica la cancellazione di iscritti dalle proprie sigle sindacali.

Tanto basta per dare ulteriore fuoco alle polveri, ed ecco che infatti arriva a stretto giro la risposta da parte sindacale con cui arrivano a denunciare esplicitamente indebite pressioni sul personale precario, che se fosse vero aprirebbe ben altri scenari.

 

Ed ecco il comunicato dei sindacati:

 

“Le organizzazioni sindacali, in merito al comunicato diffuso in data odierna dalla FOSS, nel quale vengono riportati dati e rappresentazioni di fatti inesatti, intendono chiarire quanto che  la partecipazione allo sciopero del 27 e del 28 gennaio scorsi, secondo i dati in nostro possesso comunicati dai lavoratori, è stata indubbiamente massiccia tra i professori d’orchestra a tempo indeterminato iscritti alle 4 sigle sindacali mentre per i lavoratori precari la percentuale si abbassa notevolmente a causa - probabilmente - delle ripetute “pressioni” da parte della direzione nei confronti dei più deboli, proprio di coloro i quali invece il Sindacato chiede un investimento per il loro futuro e dunque dell’Orchestra.  

 

Si legge nel comunicato diffuso dalle sigle sindacali:"Ultima pressione, in ordine cronologico, le continue telefonate dirette proprio a quei professori d’orchestra con contratto a tempo determinato ove veniva fatta richiesta di esprimersi in merito alla partecipazione o meno all’azione di protesta.

 

Condotta questa che, assieme ad altre, è al vaglio degli uffici legali del Sindacato per un’eventuale denuncia per condotta antisindacale nei confronti del Sovrintendente Francesco Di Mauro ai sensi dell’art. 28 L.300/70 Statuto dei Lavoratori”. Così in una nota congiunta SLC-CGIL, FISTEL-CISL, UILCOM-UIL, FIALS-CISAL.


“Senza voler scomodare le elementari regole dell’insiemistica – proseguono - la direzione della FOSS prima di diffondere dati decisamente distorti a proprio vantaggio, dovrebbe rivedere il numero totale dei dipendenti, quanti di essi avrebbero dovuto prendere parte allo spettacolo e quanti - dei restanti - non hanno timbrato il cartellino, per poi trarne le percentuali corrette.

 

Qualora i numeri reali, per assurdo, dovessero confermare quanto asserito dal comunicato, non si capisce come mai la Direzione abbia deciso preventivamente di annullare i concerti in programma senza aver prima verificato la ricevibilità della prestazione lavorativa e dunque la fattibilità dei concerti evitando di recare nocumento alla Fondazione stessa.

Forse per ostacolare una legittima protesta sindacale?

 

Questo risulta l’unico caso nel settore di cancellazione di uno spettacolo preventivamente ad una proclamazione di sciopero, un espediente teso forse a contrastare la naturale adesione allo sciopero, garantendo la legittima retribuzione chi non aderisce?

 

Questo epilogo sullo sciopero  - sottolineano le sigle sindacali - si aggiunge a tutta una serie di palesi vessazioni e manovre gestionali sul personale tese all’inasprimento gratuito di un clima molto pesante che si respira in orchestra.

 

In merito alle cancellazioni dal Sindacato, ad oggi risultano solo due dimissioni da una sola sigla aderente.

 

Chi conosce le dinamiche del mondo della rappresentanza sindacale sa perfettamente che questi episodi rientrano nella normale vita quotidiana consociativa e che non possono essere piegati alla propaganda di una direzione oramai allo sbando. Uno sbando talmente evidente da far diffondere un comunicato stampa senza un titolare di ufficio stampa e senza la firma di un professionista autorizzato ad esercitare un ruolo abusivamente svolto da qualche improvvido dirigente o zelante dipendente.

Anche in questo caso il sindacato si riserverà di segnalare i fatti agli organi competenti”, concludono.

 

Insomma, in Sicilia è tutto un Festival...


Leggi anche:










image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio