sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo

MENU

CONTATTI

MENU

CONTATTI

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

photo-2022-10-19-13-38-47 2.jpeg
photo-2022-10-19-13-38-47 2.jpeg

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Vergogna San Berillo, nel 2015 ordinanza sindacale incaricava il geom. Salvatore Fiscella "responsabile del procedimento": "Cos'ha fatto?"Cominciati gli omaggi alla Patrona: nella chiesa S. Nicolò l'Arena "Agata, la Santa fanciulla" sino al 2 febbraioFinalmente dal 2 febbraio una bella mostra davvero originale a Palazzo della Cultura: Tiziana La Piana "No Way"Il giorno della Memoria e delle ipocrisie"Catania un giorno nuovo" Sabato 28 gennaio ore 10 Istituto Ardizzone Gioeni sala M. Gaetano ZitoRegione, "non solo Cannes": lo strano caso del consulente dell'ex presidente Musumeci alla cui società va un affidamento diretto da 70 mila euro"Gli artigiani, energia pura sul territorio", l'assemblea CNA di Catania tra allarme e impegnoRegione, "non solo Cannes", Schifani partorisce l'incredibile "soluzione": TRE ORO VINCE TRE ORO VINCE. E la Sicilia perde sempre!Regione, "non solo Cannes": adesso i fari passano sul Jazz...tra festival e FondazioneI lavori del convegno "Cosa salverà il mondo?" dell'associazione CENACUM: perché qualcuno deve cominciare a chiederselo...

Sanità, stanno privatizzando tutto e ora anche l'università: lo strano caso Humanitas e UNICT "espunta"

19-01-2023 06:50

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Università, Focus, Sanità, Regione,

Sanità, stanno privatizzando tutto e ora anche l'università: lo strano caso Humanitas e UNICT "espunta"

Erano partiti insieme ma strada facendo...

humanitas.webp
schermata-2023-01-18-alle-21.08.34.png

Lo scorso luglio abbiamo anticipato  che a Catania stava accadendo qualcosa nel campo della formazione universitaria sanitaria.

 

All'epoca la notizia era  la sigla di un'intesa tra l'Università statale di Catania e quella privata facente capo al gruppo Humanitas, che gestisce tra l'altro il grande centro oncologico con sede a Misterbiano.

 

Avanzavamo il dubbio del perché l'Università statale entrasse in compartecipazione con dei privati su uno dei più lucrosi corsi di laurea, quello relativo, appunto, alle professioni sanitarie.

 

Che vantaggio poteva avere l'istituzione pubblica da una simile "sinergia"? Dagli atti consultati sfuggiva.

 

In realtà, a valutare l'epilogo di queste ultime ore, alla fine è andata molto peggio di come poteva apparire ed  UNICT ha praticamente aperto la strada sul territorio ad un temibile concorrente in uno dei settori formativi di maggior successo e prospettiva.

 

Infatti, tutta la procedura parte formalmente con questa "intesa" che serve ad attivare il richiesto percorso istituzionale, compreso il parere obbligatorio della Conferenza dei Rettori siciliani che, però, cambierà le crte in tavola.

In pratica, infatti, l'Università di Catania alla fine è proprio scomparsa e la Regione Siciliana ha siglato l'intesa con la sola Università privata Humanitas.

Vediamo un pò cos'è successo.

 

Come riportato nell'articolo precedente, lo scorso 4 luglio veniva siglto l'"Accordo quadro di cooperazione strategica" tra l'Università statale di Catania e quella privata denominata Humanitas University.

A firmarlo i due rettori pro tempore: per  Unict Francesco Priolo e per Hunimed Marco Montorsi con l'aggiunta del consigliere delegato Giorgio Ferrari.

 

Ne abbiamo già scritto: in estrema sintesi le due parti si impegnavano a realizzare INSIEME alcuni corsi di laurea nel campo delle professioni sanitarie, tra cui proprio quello oggetto dell'intesa con la regione di cui ci occupiamo, ed è prevista all'art.3 punto b dell'intesa che, come vedremo farà una misteriosa mala fine: verrà "espunto".

punto-3-schermata-2023-01-18-alle-23.11.16.png

Successivamente, il 18 luglio, interviene l'allora assessore Ruggero Razza che invia una nota alla presidenza della regione per richiedere alla giunta l'approvazione di un protocollo d'intesa con l'università privata Humanitas per la realizzazione dei corsi di laurea di cui sopra: già in questa fase la statale UNICT è scomparsa.

Passa un pò di tempo e il 13 dicembre 2022 si riunisce la Conferenza dei rettori siciliani (CRUS) che, con nota indirizzata all'assessore alla Salute, in questo caso già l'attuale titolare Giovanna Volo, trasmette il verbale dei lavori contenenti il parere favorevole all'accordo quadro di cui sopra tra le due università, quella statale etnea e quella privata Humanitas.

 

Il verbale non è reso pubblico e non risulta agli atti, ma contiene o deve contenere una significativa modifica che verrà poi citata nella successiva nota dell'assessore Volo.

ATTENZIONE: il 16 gennaio scade il termine ultimo fissato dal ministero per l'accreditamento dei nuovi corsi di laurea per l'anno accademico 23/24, e quindi la regione comincia a correre a perdifiato.

 

Infatti, il 13 gennaio l'assessore alla Salute Giovanna Volo invia una nota per chiedere alla giunta l'inserimento del punto relativo all'approvazione dell'intesa tra il governo regionale e l'Università privata Humanitas. 

L'Università statale di Catania è letteralmente scomparsa.

E infatti di quanto accaduto troviamo traccia "subliminale" prorpio nella nota dell'assessore Volo:

espunge--schermata-2023-01-18-alle-23.17.58.png

Quindi in pratica, senza che se ne chiariscano le motivazioni, l'Università di Catania viene fatta fuori dal corso di laurea in infermieristica che, a naso, qualche interesse pubblico, ed anche "commerciale", dovrebbe suscitarlo.

Alla fine della saga, il 16 gennaio, ultimo giorno utile per poter presentare la richiesta di accreditamento al ministero, si riunisce la giunta regionale siciliana presieduta dal presidente Renato Schifani e, su proposta dell'assessore alla Salute Giovanna Volo approva il protocollo d'intesa tra la Regione Siciliana e l'università privata Humanitas per la realizzazione di un corso di laurea in infermieristica: l'Università pubblica di Catania è letteralmente scomparsa, o meglio, "espunta" come scrivono sibillinamente loro.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio