sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo

MENU

CONTATTI

MENU

CONTATTI

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

photo-2022-10-19-13-38-47 2.jpeg
photo-2022-10-19-13-38-47 2.jpeg

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Vergogna San Berillo, nel 2015 ordinanza sindacale incaricava il geom. Salvatore Fiscella "responsabile del procedimento": "Cos'ha fatto?"Regione, sull'accordo capestro con lo Stato Schifani nega accesso agli atti al CODACONS che però...lo ottiene dal ministroNel solenne pontificale agatino il vescovo Renna sferza i "politici imputati"...che sono in prima filaIl discorso del Vescovo Renna alla Città di Catania, "Costruire con Sant’ Agata: non Babele, ma una città per l’uomo"La Chiesa di Palermo "sospende" padrini e madrine...La scomparsa del cavaliere Pippo Benanti: un grande catanese che "guardava avanti per vedere oltre"Pubbliservizi, il sindacato CONFALI bacchetta i curatori e denuncia: "Persiste una gestione discutibile"Playa di Catania al buio: adesso occorre individuare il responsabile e fargli pagare i danniÈ guerra all'Orchestra Sinfonica FOSS. I sindacati denunciano "pressioni" della direzione sui precari per impedire lo scioperoCominciati gli omaggi alla Patrona: nella chiesa S. Nicolò l'Arena "Agata, la Santa fanciulla" sino al 2 febbraio

ASP Catania: pasticcio sulle nomine dei vertici

10-01-2023 06:30

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Focus, Sanità,

ASP Catania: pasticcio sulle nomine dei vertici

Se i contratti dei direttori sanitario ed amministrativo saranno dichiarati efficaci, chi li pagherà?

lanza-rapisarda-di-bella.jpeg

Bhe, quello che capita da queste parti va oltre ogni immaginazione.

Ed è accaduto anche questo che raccontiamo.

 

Come noto la giunta regionale presieduta da Renato Schifani sta procedendo alla girandola di nomine che riguardano una miriade di società partecipate o controllate e, tra le più delicate, le aziende sanitarie.

 

Lo scorso 29 dicembre, con delibera 609, la giunta regionale ha provveduto, su istanza dell'assessore competente alla salute Giovanna Volo, a trasformare i direttori generali delle varie aziende ospedaliere in scadenza di contratto in commissari straordinari.

E sin qui ci siamo.

 

All'ASP di Catania il direttore generale uscente è il dr. Maurizio Lanza, che così, come detto, diventa commissario straordinario della stessa ASP.

 

E si insedia con delibera n.1 del 1 gennaio 2023: buon Capodanno.

 

Immediatamente dopo il suo insediamento il dr. Lanza provvede con due sue delibere, la 2 e la 3 dello stesso 1 gennaio, a nominare il dott. Antonino Rapisarda quale direttore sanitario ed il dott. Giuseppe Di Bella quale direttore amministrativo.

Si tratta in realtà di una conferma.

 

Ma, e qua scatta il pasticcio, il dr. Lanza, evidentemente senza neanche leggere la delibera di giunta che nominandolo gli forniva i poteri e relativi limiti, effettua queste due importanti e parecchio remunerate nomine assegnando una scadenza di ben tre anni e con tale scadenza stipula i relativi contratti con i due professionisti, che a questo punto diventano titolari di diritti giuridicamente vincolanti per l'ASP: hanno in mano un contratto triennale. Punto.

schermata-2023-01-09-alle-21.53.01.png

Il problema è che la delibera di giunta che ha nominato Lanza e gli altri commissari conteneva limiti ben diversi alla facoltà di nomina:

schermata-2023-01-09-alle-22.20.20.png

Quindi, la giunta regionale, opportunamente, fissava già e chiaramente termini stringenti per gli incarichi straordinari in questione, mentre il dr. Lanza, unico caso in Sicilia, ha avuto la brillante e rapidissima idea di impegnare l'ammistrazione per ben tre anni, e si tratta di centinaia di migliaia di euro.

 

La pubblicazione di queste delibere di nomina ha immediatamente scatenato le reazioni degli uffici dell'assessorato e il dr. Lanza ha quindi provato a rimediare emanando due delibere, la 20 e 21 del 7 gennaio, con le quali prova a modificare la durate dei contratti dei direttori sanitario ed amministrativo, adeguandoli alle direttive della giunta regionale.

 

Però, come detto, i due professionisti hanno già in mano i contratti che per i prossimi tre anni gli garantiscono indennità di tutto rispetto.

 

Ora, se quei contratti saranno dichiarati comunque efficaci, chi li pagherà? 

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio