sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo

MENU

CONTATTI

MENU

CONTATTI

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

photo-2022-10-19-13-38-47 2.jpeg
photo-2022-10-19-13-38-47 2.jpeg

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Vergogna San Berillo, nel 2015 ordinanza sindacale incaricava il geom. Salvatore Fiscella "responsabile del procedimento": "Cos'ha fatto?"Cominciati gli omaggi alla Patrona: nella chiesa S. Nicolò l'Arena "Agata, la Santa fanciulla" sino al 2 febbraioFinalmente dal 2 febbraio una bella mostra davvero originale a Palazzo della Cultura: Tiziana La Piana "No Way"Il giorno della Memoria e delle ipocrisie"Catania un giorno nuovo" Sabato 28 gennaio ore 10 Istituto Ardizzone Gioeni sala M. Gaetano ZitoRegione, "non solo Cannes": lo strano caso del consulente dell'ex presidente Musumeci alla cui società va un affidamento diretto da 70 mila euro"Gli artigiani, energia pura sul territorio", l'assemblea CNA di Catania tra allarme e impegnoRegione, "non solo Cannes", Schifani partorisce l'incredibile "soluzione": TRE ORO VINCE TRE ORO VINCE. E la Sicilia perde sempre!Regione, "non solo Cannes": adesso i fari passano sul Jazz...tra festival e FondazioneI lavori del convegno "Cosa salverà il mondo?" dell'associazione CENACUM: perché qualcuno deve cominciare a chiederselo...

Istituito il comitato “VOLARE CODACONS” per la nascita di una nuova compagnia aerea siciliana

04-01-2023 06:50

redazione

Cronaca, Focus,

Istituito il comitato “VOLARE CODACONS” per la nascita di una nuova compagnia aerea siciliana

Non è la prima volta che si tenta: ma perché non funziona?

Il tema è quello annoso ed annuale del "caro voli" da e per la Sicilia: se ne parla ogni anno per le festività, più puntuale di Babbo Natale.

 

Non è la prima volta che si tenta di rendere in qualche modo autonoma la Sicilia nel trasporto aereo tramite la costituzione di una sorta di "compagnia di bandiera isolana": non è andata bene, nonostante all'apparenza i relativi business plan sembrassero sostenibili. Sarebbe da capire bene perché non ha funzionato.

 

Certo, adesso la questione diventa strategica, ammesso che prima non lo fosse: un'isola che resta isolata perché spostarsi è un salasso diventa drammatico e ne condiziona enormente economia e socialità.

Qualcosa bisogna inventarsi mentre si continua ad attendere per i prossimi millenni la chimera del ponte sullo Stretto.

 

L'ultima iniziativa è dell'associazione nazionale dei consumatori CODACONS, che sta agendo su due fronti.

 

Da un lato, precedendo l'annuncio di quello del governo regionale di cui però si è perso traccia, ha presentato un esposto provocando l'apertura di un'istruttoria da parte dell'AGCM per valutare l'eventuale esistenza di un “cartello” tra compagnie aeree, dall'altro il Codacons è passato alla proposta concreta costituendo  un comitato per lanciare la nascita di una compagnia aerea siciliana, a partecipazione pubblica e privata, che risolverebbe i problemi esistenti. 

 

L’iniziativa afferma  il promotore Francesco La Fauci, consulente  Codacons ed esperto nel settore, intende spingere istituzioni e privati ad investire su detta nuova aerolinea.

 

Il comitato promotore “Volare Codacons”, è costituito dagli avvocati Giovanni Petrone, Bruno Messina, rispettivamente presidente e vice Presidente  di Codacons Sicilia e, appunto, dall’esperto  dr. Francesco La Fauci.

 

Il Codacons – spiega  Francesco Tanasi, Segretario Nazionale – si sta impegnando per contribuire a far sorgere la compagnia e le ragioni sono semplici: “vogliamo abbattere tutte le problematiche dalla spesa alla tutela i consumatori con particolare attenzione ai prezzi dei biglietti da calmierare."

 

"Il nostro obiettivo”, afferma Tanasi, “è attualmente quello di coinvolgere il governo siciliano e le istituzioni nazionali affinchè si crei quella sinergia tra investitori pubblici e privati diretta a fondare un vettore aereo efficiente ed innovativo, che diventi il punto di riferimento per i siciliani e per chiunque (pendolari, turisti, ecc.) voglia raggiungere l'Isola. Bisogna incentivare il turismo in Sicilia e connettere l'isola con l'intero Paese, nell'ottica di una mobilità che pone al centro dei propri interessi quello del servizio al passeggero, a cui vanno assicurati trasferimenti puntuali ed un'esperienza di viaggio confortevole, capace di invogliarlo verso  l'acquisto di ulteriori biglietti per altre tratte percorse dalla stessa compagnia”.

 

L'idea di attivare una sorta di azionariato diffuso, coinvolgendo le istituzioni pubbliche, potrebbe rappresentare una soluzione: attendiamo di poter valutare il business plan e magari ne riparliamo, come sempre carte alla mano.

 

 


Leggi anche:

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio