sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo

MENU

CONTATTI

MENU

CONTATTI

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

photo-2022-10-19-13-38-47 2.jpeg
photo-2022-10-19-13-38-47 2.jpeg

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Vergogna San Berillo, nel 2015 ordinanza sindacale incaricava il geom. Salvatore Fiscella "responsabile del procedimento": "Cos'ha fatto?"Finalmente dal 2 febbraio una bella mostra davvero originale a Palazzo della Cultura: Tiziana La Piana "No Way"Il giorno della Memoria e delle ipocrisie"Catania un giorno nuovo" Sabato 28 gennaio ore 10 Istituto Ardizzone Gioeni sala M. Gaetano ZitoRegione, "non solo Cannes": lo strano caso del consulente dell'ex presidente Musumeci alla cui società va un affidamento diretto da 70 mila euro"Gli artigiani, energia pura sul territorio", l'assemblea CNA di Catania tra allarme e impegnoRegione, "non solo Cannes", Schifani partorisce l'incredibile "soluzione": TRE ORO VINCE TRE ORO VINCE. E la Sicilia perde sempre!Regione, "non solo Cannes": adesso i fari passano sul Jazz...tra festival e FondazioneI lavori del convegno "Cosa salverà il mondo?" dell'associazione CENACUM: perché qualcuno deve cominciare a chiederselo...ERSU Catania: insediato e già al lavoro il nuovo presidente Salvo Sorbello

Questo Capodanno vogliamo dedicarlo a Grazia Giurato, alla sua passione per Catania ed i diritti

01-01-2023 07:00

Pierluigi Di Rosa

Cronaca, Focus,

Questo Capodanno vogliamo dedicarlo a Grazia Giurato, alla sua passione per Catania ed i diritti

Una testimonianza di vita importante la sua. Per Catania, per le donne, per i diritti. Ed è quello di cui abbiamo bisogno.

Grazia Giurato, la pasionaria catanese, si è spenta a 86 anni senza dare al terribile 2022 la confidenza  di oltrepassarlo. Eppure avrebbe potuto farlo, come tante altre volte.

 

Vogliamo dedicargli il pezzo di apertura di un'importante anno nuovo perché la sua figura lo merita: per la sua passionalità rimasta sempre intatta nonostante la marginalità rispetto agli eventi di questa terra, rispetto alla deriva che non è riuscita ad arginare, lei come tante altre pasionarie e pasionari che alle falde dell'Etna sono rimasti schiacciati da un potere che li ha sempre irrisi e spesso derisi, frullandone l'ingenuità, facendosene beffe dell'innocenza urlante ai troppi diritti negati.

 

Eppure, non si è mai arresa. Mai.

 

Grazia Giurato è stata una militante, parola ormai sconosciuta, per tutta la vita: nel PCI, nell'UDI, in Città Insieme che ha contribuito a fondare come della Rete, movimento per il quale fu anche consigliera comunale tra il 93' ed il '97.

ancora-ci-credo-volantino.jpeg

Ha partecipato a tutti i cortei e tutte le manifestazioni possibili ed immaginabili, sempre in prima fila, noncurante del fatto che non cambiava mai niente, anzi probabilmente peggiorava, quel potere che avversava diventava sempre più potente, nell'indifferenza incosciente e colpevole di mandrie lamentose sempre in fila a ricevere santini elettorali in cambio di promesse mai mantenute.

 

Grazia Giurato è stata portatrice di una storia pesante, vissuta con dignità, che ad un certo punto ha raccontato perché era figlia di quella memoria e nella memoria si trova la forza per le lotte impossibili, quelle di Davide contro tronfi Golia che per valore hanno solo la spregiudicatezza.

 

Ha scritto due libri, o meglio ne è stata protagonista: "Ancora ci credo" (2012) e "Gli Altri" (2016), lasciando la testimonianza di una donna coraggiosa e coerente che ha sempre combattuto per le sue idee senza mai tirarsi indietro. 

 

Ed è stata una testimonianza di valore, che è uscita sconfitta dal sopraffare degli affari consumati sulla città e sulla pelle delle prossime generazioni, ma lasciando un seme, quel seme di coerenza e coraggio dal quale può sempre sorgere qualcosa di buono.

 

Questo e probabilmente molto altro è stata Grazia Giurato e quel che resta di Catania, quel che di buono si riuscirà a recuperare lo si dovrà anche a lei e sarebbe bene che ci ricordassimo di queste personalità che non si sono piegate mai.

 

Perché ce ne sono state e ce ne sono. Anche a Catania. Per fortuna. Ed è quello di cui abbiamo bisogno.

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio