sudpresslogo

Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo

MENU

CONTATTI

MENU

CONTATTI

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

photo-2022-10-19-13-38-47 2.jpeg
photo-2022-10-19-13-38-47 2.jpeg

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Vergogna San Berillo, nel 2015 ordinanza sindacale incaricava il geom. Salvatore Fiscella "responsabile del procedimento": "Cos'ha fatto?"Finalmente dal 2 febbraio una bella mostra davvero originale a Palazzo della Cultura: Tiziana La Piana "No Way"Il giorno della Memoria e delle ipocrisie"Catania un giorno nuovo" Sabato 28 gennaio ore 10 Istituto Ardizzone Gioeni sala M. Gaetano ZitoRegione, "non solo Cannes": lo strano caso del consulente dell'ex presidente Musumeci alla cui società va un affidamento diretto da 70 mila euro"Gli artigiani, energia pura sul territorio", l'assemblea CNA di Catania tra allarme e impegnoRegione, "non solo Cannes", Schifani partorisce l'incredibile "soluzione": TRE ORO VINCE TRE ORO VINCE. E la Sicilia perde sempre!Regione, "non solo Cannes": adesso i fari passano sul Jazz...tra festival e FondazioneI lavori del convegno "Cosa salverà il mondo?" dell'associazione CENACUM: perché qualcuno deve cominciare a chiederselo...ERSU Catania: insediato e già al lavoro il nuovo presidente Salvo Sorbello

Sanità, CODACONS denuncia parentopoli al Garibaldi di Catania e ASP Ragusa, Catania e Palermo

03-12-2022 06:45

redazione

Cronaca, Focus,

Sanità, CODACONS denuncia parentopoli al Garibaldi di Catania e ASP Ragusa, Catania e Palermo

Utilizzata una graduatoria costruita ad hoc in pieno ferragosto?

parentopoli.jpeg

Tutto parte da una serie di segnalazioni riguardanti una singolare procedura selettiva per personale amministrativo che sarebbe stata costruita ad hoc, in pieno ferragosto e con modalità poco trasparenti, che avrebbe consentito di bypassare una graduatoria del 2020 ancora efficace alla quale le aziende pubbliche sanitarie avrebbero dovuto attingere per procedere alle assunzioni.

 

Per questo, individuando peraltro in questa nuova graduatoria cognomi noti, il Codacons ha annunciato un documentato esposto alle varie procure competenti per territorio "al fine di invertire la tendenza clientelare e parentale che sembrerebbe operare nell’assunzione di diverse figure professionali presso le aziende sanitarie siciliane."

 

"Infatti, - si legge in un comunicato diffuso dall'associazione di consumatori - da quanto appreso dalle testate giornalistiche parrebbe che siano state indette due selezioni pubbliche, per titoli e colloqui, per l’assunzione di personale con la qualifica di collaboratori amministrativi; una sarebbe stata indetta dall’ASP di  Palermo, l’altra dall’Azienda Ospedaliera Garibaldi di Catania."

 

"Ma - qui la denuncia del CODACONS - nella delibera n. 1427 del 22 novembre dell’Azienda Garibaldi di Catania, e quindi nella graduatoria formatasi, si troverebbero i predestinati assunti con i relativi punteggi."

 

"Si tratterebbe, - continua il comunicando facendo riferimento a notizie già apparse sulla stampa locale -, - di figli di dirigenti del Policlinico San Marco di Catania e dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Ragusa.

 

In particolare, secondo il CODCONS - "il sistema adottato sarebbe stato quello di pubblicare online nel periodo di ferragosto e in sottosezioni difficilmente accessibili ai non addetti ai lavori, i posti da assegnare, salvo poi procedere all’assunzione delle persone già collocate in graduatoria."

 

La ricostruzione fatta dall'associazione è dettagliata: "Così nella città dell’elefante l’avviso sarebbe stato pubblicato il 10 agosto nell’albo pretorio online dell’Azienda, con scadenza il 30 agosto, e dopo sole 24 ore, l’ASP di Ragusa avrebbe inviato una nota all’indirizzo dell’Azienda Ospedaliera Cannizzaro  di Catania.

Nella nota sarebbe stato chiesto di attingere dalla detta graduatoria per 9 posti disponibili nella propria dotazione organica, nel profilo dei collaboratori amministrativi, mentre all’ASP di Palermo, invece, ne sarebbero stati richiesti altri 4."

 

"Dunque, - si prosegue - l’ASP ragusana avrebbe chiesto di attingere da un’altra graduatoria di collaboratori amministrativi quando ne esisterebbe una definitiva, approvata con delibera n.36 del 10-01-2020, e quando anche il regolamento aziendale sulle procedure di selezione per il conferimento di incarichi a tempo determinato imporrebbe l’utilizzo della graduatoria approvata, che ha validità triennale."

 

"Questa e altre singolarità segnalate dagli organi di stampa, - sostiene il Codacons, - ci impongono di depositare un esposto presso le Procure competenti al fine di fare chiarezza, verificare se quanto appreso risulta veritiero, ed eventualmente lasciare alla magistratura la valutazione sulle condotte tenute dai soggetti preposti ad indire e ad effettuare le selezioni, arrestando questo scandaloso presunto sistema di assunzione."

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio