Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Il TALK delle 10: Lirica, conosciamola perché è una meravigliaIl caso Juventus, la nuova calciopoli: "Può scindersi il divertimento dalla morale?"Sanità, CODACONS denuncia parentopoli al Garibaldi di Catania e ASP Ragusa, Catania e PalermoIM-BA-RAZ-ZAN-TEFallimento PUBBLISERVIZI: il commissario Portoghese risponde picche, silenzio assoluto della politica, cominciano le proteste dei dipendentiPUBBLISERVIZI, ULTIMORA delle 12: lavoratori in presidio attendono il commissario Portoghese, già insediati i Curatori che ricevono il CdAPUBBLISERVIZI FALLITA, parla il presidente Giuseppe Molino: “Il CDA spettatore impotente, si poteva evitare ma qualcuno ha remato contro”E come ogni Natale torna la buca di via Torino: sempre la stessaEdizione straordinaria del TALK di Sudpress: in diretta alle 11 dal liceo Majorana per un “Anima Mundi” che cambia il mondoIl Talk in diretta alle 10 con "quelli di COMICS" che compie XXIX anni

Un giorno qualcuno dovrà spiegare perché la vita umana vale ormai così poco

05-11-2022 06:55

Nicola Filippone

Cronaca, Focus,

Un giorno qualcuno dovrà spiegare perché la vita umana vale ormai così poco

Questioni che non sono giudiziarie ma culturali. E non da poco

pasolini-e-la-vita-umana.jpeg

La morte di Javier Alfredo Miranda Romero, l’operaio peruviano, che Evaristo Scalco ha ucciso il 2 novembre scorso a Genova, trafiggendolo con una freccia scoccata dal suo arco, non è la reazione impulsiva di chi non riesce a dormire, per lo schiamazzo notturno.

 

Non è il gesto inconsulto di un lavoratore, che non vuole rinunciare alle sue ore di sonno, prima di riprendere le fatiche del giorno.

Non è l’atto dimostrativo di un arciere, che vuole intimidire chi l’ha infastidito - e forse anche offeso - impugnando un’arma, utilizzata finora come pratica sportiva.

E non è neppure un tragico incidente.

 

Probabilmente è anche tutto questo.

 

Ma essa è soprattutto il sintomo inquietante della scarsa considerazione che si ha oggi per la vita di un essere umano, che un tempo, invece, era ritenuta sacra da tutti.

Anche dai non credenti, che non disdegnavano quell’aggettivo, perché giudicavano l’esistenza inviolabile e, come tale, da difendere a ogni costo. 


La vita si poteva sacrificare, ma per un ideale nobile: la difesa della patria, ad esempio, o di altre vite umane.

Si moriva per la giustizia, la libertà, la fede.

Adesso si è uccisi per futili motivi.

 

Anni fa, a Palermo, venne massacrato di botte Simone La Mantia, dinanzi agli occhi disperati della moglie e a quelli increduli della figlioletta di 4 anni, perché aveva sfiorato accidentalmente l’automobile del boss del quartiere.

A Rimini, Andrea Severi, un clochard di 44 anni, rischiò di morire, quando un gruppo di ragazzi ventenni decise di appiccargli il fuoco per divertimento.

Vicenda che ricorda drammaticamente il gioco macabro del cavalcavia, che adolescenti insoddisfatti praticavano, scagliando sassi contro chi viaggiava in autostrada. Perse la vita Maria Letizia Berdini, da poco convolata a nozze, colpita al viso nei pressi di Tortona.

E che dire di Aldo Naro? Il giovane medico di San Cataldo, pestato a morte in una discoteca, una sera di carnevale, con una dinamica mai del tutto chiarita.

L’elenco potrebbe continuare ancora a lungo, lo interrompiamo ricordando Willy Monteiro Duarte, il ventunenne massacrato nel 2020 a Colleferro, per essere intervenuto in difesa di un amico.

Per l’altruismo dimostrato dal ragazzo, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella gli ha conferito la medaglia d’oro al valor civile alla memoria.


In alcuni dei casi riportati, la giustizia non ha prodotto risultati soddisfacenti, o per non essere riuscita a ricostruire esattamente l’accaduto e quindi a individuare con precisione i responsabili, o per non avere inferto ai colpevoli le pene severe che ci si aspettava.

 

Ma la questione non è meramente giudiziaria, bensì culturale.

 

Non si può negare, infatti, che nella crisi di valori di cui spesso si parla, rientra anche la vita umana.

 

Avere confuso la dignità con la qualità ha ingenerato pesanti equivoci, che hanno sconvolto le categorie antropologiche, fino a far pensare che, a determinate condizioni, la soppressione di una vita sia un diritto.

 

Può una scelta drammatica e tormentata, ancorché ritenuta in coscienza inevitabile, essere pensata come diritto?

Ammetto di non sapere rispondere.

 

Perché quando ti trovi sul crinale che c’è tra la vita e la morte, ogni ragionamento si rivela inadeguato e non ti rimane che avere rispetto profondo nei confronti di chi soffre e delle scelte da lui compiute.


Ma recuperare il senso e l’inviolabilità della dignità umana, presupposto sostanziale della Costituzione italiana, sancito anche dall’art. 1 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, è un passaggio imprescindibile per la convivenza civile.

 

Rinunciarci significherebbe assumersi una pesante responsabilità, dalle quali potrebbero discendere conseguenze molto perniciose.

 

Alfredo Miranda Romero era diventato padre 24 ore prima di morire e forse lo schiamazzo da lui provocato era il suo modo di festeggiare il lieto evento.

Un giorno qualcuno dovrà spiegare al bambino come e perché è morto suo padre.

E non sarà facile. 

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio