Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

DIBATTITO PER CATANIA (e non solo), nuovo importante spunto lanciato dall'avv. Dario Riccioli: IL WATERFRONTPubbliservizi, c'è la svolta: il CdA la spunta e presenta reclamo contro il fallimentoODA, Vescovo e Commissario respingono strumentalizzazioni: "La Fondazione è stata salvata, e non è stato facile né è scontato"L'assessore regionale all'Economia Marco Falcone confessa in diretta la lottizzazione della Sanità e inguaia il governo MusumeciPubbliservizi: il Consiglio di amministrazione tenta l'ultima cartaIl TALK delle 10: Lirica, conosciamola perché è una meravigliaIl caso Juventus, la nuova calciopoli: "Può scindersi il divertimento dalla morale?"Sanità, CODACONS denuncia parentopoli al Garibaldi di Catania e ASP Ragusa, Catania e PalermoIM-BA-RAZ-ZAN-TEFallimento PUBBLISERVIZI: il commissario Portoghese risponde picche, silenzio assoluto della politica, cominciano le proteste dei dipendenti

Le indecorose bandiere di Stato della Camera di Commercio del Sud Est: emblematiche

27-10-2022 07:50

redazione

Cronaca, SAC&CamCom, Focus,

Le indecorose bandiere di Stato della Camera di Commercio del Sud Est: emblematiche

È molto probabile si possano ravvisare gli estremi di vilipendio della bandiera

311567723_1297770351026326_1443891587361480935_n-1.jpeg

Circolano sui social alcune immagini dello stato di vergognoso degrado con cui vengono lasciate esposte le bandiere di Stato dalla Camera di Commercio de Sud Est, che poi è sempre quella che non dovrebbe neanche esistere più ed è ancora lì, evidentemente in uno stato di sciatteria che qualcuno dovrebbe affrontare, considerato che ormai da un biennio le autorità responsabili non riescono a risolvere l'ormai comica vertenza di cui abbiamo scritto più volte.

 

Sulla facciata di piazza Borsa si possono scorgere due stracci a brandelli di quella che una volta doveva essere la Bandiera Italiana.

 

A tal proposito le normative sono abbastanza chiare. 

 

Sul sito della Prefettura si legge una nota del 2013:

 

OGGETTO : Decoro delle bandiere esposte all’esterno degli edifici pubbici.

 

A seguito di recenti articoli di stampa che hanno posto in evidenza lo stato di estremo degrado di alcune bandiere nazionali esposte presso edifici di Amministrazioni pubbliche, la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha ritenuto opportuno ricordare ancora una volta l’attenzione che deve essere prestata perché uno dei simboli dello Stato democratico e repubblicano sia oggetto di massimo decoro.

 

La materia è regolata dalla legge 5 febbraio 1998, n. 22, e dal D.P.R. 7 aprile 2000, n. 121, che stabiliscono criteri e modalità di esposizione della bandiera della Repubblica italiana e di quella dell’Unione Europea all’esterno degli edifici sedi di uffici pubblici ed istituzioni; a tale proposito giova ribadire quanto disposto dall’art. 9, del citato D.P.R. n. 121/2000:

 

“Le bandiere sono esposte in buono stato e correttamente dispiegate; né su di esse, né sull’asta che le reca, si applicano figure scritte o lettere di alcun tipo.

Su ciascuna asta si espone una sola bandiera.2

 

Si ritiene opportuno ricordare anche i risvolti penali connessi ad un utilizzo oltraggioso della Bandiera nazionale, richiamando quanto stabilito dall’art. 292 del codice penale, così come modificato dall’art. 5 della Legge 24 febbraio 2006, n. 85: “ (…) Chiunque pubblicamente e intenzionalmente distrugge, disperde, deteriora, rende inservibile o imbratta la bandiera nazionale o un altro emblema dello Stato è punito con la reclusione fino a due anni. Agli effetti della legge penale per bandiera nazionale si intende la bandiera ufficiale dello Stato e ogni altra bandiera portante i colori nazionali “.

 

La stessa Presidenza ha, quindi, raccomandato di procedere ad un’attenta verifica dei vessilli, avendo cura di controllare sia la corretta esposizione nel rispetto delle regole protocollari, sia che gli stessi non si presentino logori, scoloriti, strappati, sporchi o male avvolti intorno all’asta, con invito ad immediata sostituzione di eventuali bandiere in stato di degrado.

 

Tali raccomandazioni sono valide sia per le sedi di edifici pubblici distribuite sul territorio nazionale sia per le sedi di rappresentanza di istituzioni pubbliche italiane all’estero.

 

Si ringrazia e si resta in attesa di cortese assicurazione.


Leggi anche:  



schermata-2022-06-15-alle-23.23.01.png

"SAC Aeroporto di Catania, negato accesso agli atti: Ma non era tutto trasparente?"

 

Nella denuncia hanno sostenuto che "gli atti erano stati secretati per tutelare il processo di privatizzazione in virtù del principio di libera concorrenza." 

 

E noi ridiamo!





























image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio