Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)
progetto senza titolo (1)

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

DIBATTITO PER CATANIA (e non solo), nuovo importante spunto lanciato dall'avv. Dario Riccioli: IL WATERFRONTPubbliservizi, c'è la svolta: il CdA la spunta e presenta reclamo contro il fallimentoODA, Vescovo e Commissario respingono strumentalizzazioni: "La Fondazione è stata salvata, e non è stato facile né è scontato"L'assessore regionale all'Economia Marco Falcone confessa in diretta la lottizzazione della Sanità e inguaia il governo MusumeciPubbliservizi: il Consiglio di amministrazione tenta l'ultima cartaIl TALK delle 10: Lirica, conosciamola perché è una meravigliaIl caso Juventus, la nuova calciopoli: "Può scindersi il divertimento dalla morale?"Sanità, CODACONS denuncia parentopoli al Garibaldi di Catania e ASP Ragusa, Catania e PalermoIM-BA-RAZ-ZAN-TEFallimento PUBBLISERVIZI: il commissario Portoghese risponde picche, silenzio assoluto della politica, cominciano le proteste dei dipendenti

A Palermo il successore di Don Bosco, Angel Fernandez Artime : "I ragazzi il tesoro più prezioso"

15-10-2022 08:00

Nicola Filippone

Cronaca, Focus,

A Palermo il successore di Don Bosco, Angel Fernandez Artime : "I ragazzi il tesoro più prezioso"

Il ruolo dei Salesiani, presenti a Palermo da 120 anni e operanti in 134 stati: la più grande istituzione educativa del mondo

fa3a66ed-f316-4aad-bd3c-0eaed9e058b8.jpeg

È durato due giorni il soggiorno palermitano di don Angel Fernandez Artime, Rettor Maggiore dei Salesiani, che nel capoluogo siciliano ha ricevuto la cittadinanza onoraria dal sindaco Roberto Lagalla e la laurea honoris causa in Scienze pedagogiche dal magnifico rettore dell’Università Massimo Midiri.

 

Giunto all’aeroporto “Falcone Borsellino” nella tarda serata dell’11 ottobre scorso, accompagnato dal consigliere mondiale don Juan Carlos Pérez Godoy, don Angel è stato accolto da don Giovanni D’Andrea, ispettore dei Salesiani di Sicilia e Tunisia, da mons. Rosario Vella, vescovo missionario in Madagascar e da don Domenico Saraniti, direttore dell’Istituto Don Bosco Ranchibile, dove il X successore di San Giovanni Bosco ha pernottato. 


I due prestigiosi riconoscimenti esprimono la gratitudine della città nei confronti di chi, dal 2014, è alla guida della più grande istituzione educativa del mondo, la quale celebra quest’anno i centoventi anni di presenza a Palermo.

 

Dopo avere aperto la casa-collegio di Via Sampolo, che ospitava anche ragazzi della provincia e di gran parte della Sicilia occidentale, i Salesiani fondano, nel 1919, un oratorio e, successivamente, un centro di formazione professionale nell’ex convento di Santa Chiara, al centro del quartiere Ballarò.

 

Qui essi si sono distinti per una meritoria azione di apostolato, iniziata in favore dei profughi della Grande Guerra e continuata per fronteggiare le varie forme di degrado e povertà, che affliggono quell’area urbana.

 

Nel 1937 viene acquistata Villa Ranchibile, che oggi è una delle scuole cattoliche più frequentate di tutto il mezzogiorno, con novecento alunni, distribuiti nella secondaria di I grado e nei tre indirizzi della secondaria di II grado: liceo classico, scientifico e di scienze umane.

 

Nel 1966 la formazione professionale si è trasferita in una grande struttura, chiamata “Gesù adolescente”, fornita di attrezzature moderne e avanzate, situata in Via E. De Blasi, nei pressi della circonvallazione. 

8468e036-c747-403d-b9bf-4389085219eb.jpeg

Don Artime ha dedicato la giornata del 12 a visitare le case salesiane di Palermo e anche quelle delle Figlie di Maria Ausiliatrice, l’istituto “Maria Ausiliatrice” all’Arenella e il “Madre Mazzarello” in Via E. De Blasi, ricevendo un’accoglienza festosa dai ragazzi, da lui definiti “il tesoro più prezioso”.

Di pomeriggio ha presieduto una solenne concelebrazione nella basilica di San Domenico, pantheon della città, gremita nella navata centrale e in quelle laterali, fornite, per l’occasione, di due maxischermi.

Erano presenti circa duemila persone, tra ragazzi, genitori, exallievi, religiose e religiosi.

 

Vanno pure segnalate la numerose autorità: il presidente del Tribunale Antonio Balsamo, il vice prefetto Orietta Mongiovì, il generale dei carabinieri Rosario Castello con il tenente colonnello Schettino, il capitano Falco e il luogotenente Banga; il dott. Alberelli, in rappresentanza del Questore e il capitano Favilla, delegato del comandante regionale della Guardia di Finanza.

Segno di quella fruttuosa collaborazione che intercorre tra i Salesiani e le istituzioni, sin dai tempi di Don Bosco. 
 

Il conferimento della cittadinanza onoraria ha avuto luogo, il giorno dopo, a Palazzo Comitini, nel corso di una toccante cerimonia, nella quale Lagalla ha rievocato la gratitudine che la città deve a Don Bosco e ha ribadito il ruolo insostituibile e sempre più necessario degli educatori.

Appassionato l’intervento dell’arcivescovo Corrado Lorefice, che ha parlato del sistema preventivo con un commosso ricordo del padre, exallievo e insegnante, molto amato e stimato dai suoi alunni, per avere saputo incarnare, nella sua vita professionale, il carisma del Santo dei giovani.

Non potevano mancare i ragazzi, seduti sugli scranni di quella che un tempo era la sede del consiglio provinciale. 
 

Molto suggestivo il pomeriggio nella sala magna di Palazzo Chiaromonte, dove il prof. Midiri, attorniato dalla commissione degli accademici, che ha deliberato il conferimento della laurea, ha rivolto un intenso saluto a don Angel e ai convenuti.

Dopo di lui hanno preso la parola il prof. Lavanco, direttore del dipartimento di scienze pedagogiche, la prof.ssa Pedone, coordinatrice del corso di laurea e la prof.ssa La Marca, che ha pronunciato la laudatio, focalizzando l’attività di don Angel, attraverso il suo percorso salesiano e i documenti scritti da Rettor Maggiore.


Molto seguiti e apprezzati sono stati tutti i discorsi di don Artime, quelli indirizzati ai giovani delle case da lui visitate, le risposte ai giornalisti che l’hanno intervistato, l’omelia tenuta a San Domenico, il ringraziamento al Sindaco e soprattutto la lectio magistralis all’università.

 

Il motivo conduttore delle sue parole riguarda l’apporto irrinunciabile dell’educazione nello sviluppo della persona e nella preparazione di società rispettose del valore e della dignità dell’essere umano.

Questo rende sempre attuale il messaggio di Don Bosco e permette ai suoi figli di operare in 134 Stati, superando barriere culturali, politiche e religiose.

 

Don Angel ha raccontato con entusiasmo e soddisfazione vari episodi nei quali ragazzi, colpiti da afflizioni di varia natura, hanno trovato la forza di rialzarsi e di cambiare radicalmente le loro esistenze, dopo essere entrati in un oratorio o avere comunque incontrato i Salesiani.

 

I tre principi sui quali poggia il sistema preventivo (ragione, religione e amorevolezza) sono ancora estremamente validi e alla loro intelligente e aggiornata applicazione si deve il successo di una missione, che coniuga la dimensione culturale dell’istruzione con quella morale e cristiana della testimonianza e dell’esempio.

 

Il presupposto imprescindibile rimane la consapevolezza che in ogni giovane vi è sempre un punto di accesso al bene.

Agli educatori il compito non facile, ma determinante, di individuarlo e utilizzarlo. 

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio