sudpresslogo
sudpresslogo

MENU

CONTATTI

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

Direttore responsabile

Lucia Agata Murabito

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:

eventi mof 2021 (1)

telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

"Caso assessore Baglieri", interviene anche l'associazione di consumatori Primoconsumo. Silenzio invece dai palazziIntervista al Segretario Generale CISL Maurizio Attanasio. Sui precari covid: "Non lasceremo che li prendano a calci!"La guerra e i suoi effetti nel tempo. Per tuttiIntervista a Mons. Antonino Raspanti,Vescovo di Acireale e Presidente della Conferenza Episcopale Siciliana"Caso Baglieri", il CODACONS: "Assessore non paga TARI? CHIARISCA O SI DIMETTA SUBITO"Celebrato il primo congresso della battagliera sezione catanese del sindacato nazionale CUB Trasporti: il dr. Salvatore Ventimiglia confermato Segretario30 giugno/1 luglio a Palazzo dei Normanni il MID.MED SHIPPING & ENERGY FORUML'assessore regionale ai rifiuti Daniela Baglieri da 5 anni non paga ...la tassa sui rifiuti?Un pensiero per Fratel Biagio Conte che sta lottando. AncoraStanno sfidando la furia popolare: aumento tassa rifiuti del 18%

Figli di uno stesso mare: l’intercultura tra i banchi di scuola

12-04-2022 10:08

Giornalisti del Futuro

Cronaca, Il Mediterraneo in miniatura,

Figli di uno stesso mare: l’intercultura tra i banchi di scuola

Un percorso di alternanza scuola lavoro, coordinato dal professore Giuseppe Patti, in convenzione con Demetra Produzioni

di Mario e Angela Presti

 

“Figli di uno stesso mare”: questo è il titolo del documentario frutto del progetto “Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile e duraturo” che ha coinvolto attivamente e umanamente un gruppo di studenti del Liceo Archimede di Acireale.

 

Nasce come percorso di alternanza scuola lavoro, coordinato dal professore Giuseppe Patti, in convenzione con Demetra Produzioni, e si trasforma in un’occasione di crescita culturale, ma soprattutto umana. Alcuni ragazzi hanno deciso di trattare l’argomento del dialogo interculturale -"l’abbiamo scelto - afferma Nour 4D- perché è un tema molto attuale e davvero importante".

 

Con l'aiuto del regista Antonio Bellia e del montatore Giuseppe Chiantera hanno realizzato un cortometraggio che promuove e spiega l'importanza e il valore dell'incontro tra culture diverse - "l’accoglienza nelle nostre città di cittadini stranieri non consiste solo nel dare – continua Virginia 4DL - ma soprattutto nel ricevere, per noi il pluralismo delle culture rappresenta un valore aggiunto”.

 

I ragazzi non hanno parlato di un problema da risolvere, bensì di un’opportunità da cogliere - “l’incontro con gli stranieri – racconta Ginevra 4BL - è stata un’esperienza costruttiva, forse perché crediamo che diverso non vuol dire estraneo. Quello che abbiamo imparato è che l'identità di ciascuno di noi si costruisce nella relazione con l’altro”.

 

Spesso però si rimane chiusi nelle mure delle proprie appartenenze, alla larga dallo straniero forse per timidezza, forse per paura - “Noi - spiega Matteo 4D - abbiamo superato il muro della diffidenza e scoperto tante storie che abbiamo voluto raccontare nel nostro progetto”.

 

È importante che questo tipo di iniziativa sia promossa nelle scuole che hanno il compito di formare “persone” e coinvolga i giovani perché loro sono i protagonisti del futuro -“abbiamo il dovere  - continua Matteo - di riuscire in ciò dove, finora, gli adulti hanno fallito”.

 

Questo hanno imparato: saper ascoltare gli altri, il dialogo, il senso della humanitas.

 

“È stata un’esperienza che ci ha insegnato cosa significa essere umani: avere la consapevolezza di abitare tutti sotto uno stesso cielo ed essere figli di uno stesso mare”. 

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio