Il Giornale che pubblica una notizia e scatena l'inferno

sudpresslogo
sudpresslogo

CONTATTI

MENU

CONTATTI

MENU

AUTORI

AUTORI


redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

redazione@sudpress.it
direttore@sudpress.it
editore@sudpress.it
tel: +39 339 7008876 (solo messaggi wapp)

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

Direttore editoriale

Pierluigi Di Rosa

 

schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04
schermata 2022-11-20 alle 06.58.04

ISCRIVITI AI NOSTRI CANALI:


telegram
whatsapp

Sito web realizzato da Flazio Experience

Sito web realizzato da Flazio Experience

Registrazione Tribunale di Catania n. 18/2010 – PIVA 04818090872 - ROC 180/2021
Edito da: Sudpress S.r.l. zona industriale, c.da Giancata s.n. – 95121 Catania

IN EVIDENZA

Il Talk in diretta alle 10 con "quelli di COMICS" che compie XXIX anniMondiali di calcio in Qatar: perchè?Ottima cosa via di Sangiuliano pedonale il sabato sera e la chiusura dei locali alle 2. E anche piazza Manganelli senza auto parcheggiate"Democrazia Partecipata", solo in 1.876 catanesi hanno votato. Ed è un peccatoDIBATTITO PER CATANIA (e non solo), per i rifiuti l'avv. Dario Riccioli lancia la proposta delle "Isole Ecologiche Mobili"Il post del Sottosegretario Vittorio Sgarbi dopo essere intervenuto durante il Talk sul caso Palazzo Beneventano di LentiniA Catania ciclo di incontri sul "Curatore Speciale del Minore", nuova importante figura nel processo di famigliaLa Galleria Carta Bianca compie oggi 25 anni, un record di longevità. E il patron Checco Rovella ce lo raccontaIl TALK delle 10 in diretta dal Palazzo Beneventano di Lentini: "Ma perché in Sicilia è così difficile fare cose belle?"Un gioco ormai troppo pericoloso

Il comune di Catania e "l'occupazione d'urgenza che urgente non è" ma getta sul lastrico 4 famiglie

27-04-2022 10:00

PDR

Cronaca, Focus,

Il comune di Catania e "l'occupazione d'urgenza che urgente non è" ma getta sul lastrico 4 famiglie

Cerchiamo di capire e intanto diamo la parola a chi spesso non ce l'ha

È probabile che si tratti di una brutta storia, di quelle che vedono cittadini inermi contro poteri che usano ogni strumento possibile per raggiungere obiettivi che non si capisce quanto siano generali e quanto invece si piegano a quelli privati.

 

Vediamo.

 

Tra le vie Sturzo e Rizzo, alle spalle del Corso Sicilia, c'è un fazzoletto di terra asfaltata da tempo quasi immemorabile, oltre 40 anni, adibito a parcheggio.

 

A gestirlo, sin dalla sua istituzione, la famiglia Arena, ormai gli eredi, che lo aveva ottenuto in comodato oneroso dall'Arcivescovado di Catania che ne era proprietario: regolari contratto d'affitto e tutte le licenze ed autorizzazioni necessarie.

 

Poi il terreno in questione è passato in proprietà alla società Istica che è subentrata nel rapporto di affitto che prevede la scadenza nel febbraio 2025.

 

Ora, sintetizziamo al massimo: nel terreno è prevista la realizzazione di un parcheggio interrato e Istica ha firmato una convenzione con il comune di Catania che prevede che quell'area sia libera, cosa che non è perchè, appunto, c'è l'attività della famiglia Arena che la svolge del tutto legittimamente, tanto che Istica ha tentato uno sfratto che però è stato cassato dal giudice.

 

Ora, la questione si complica nel momento in cui, non essendo riuscita nel suo intento, Istica chiede al comune di Catania di occuparsene direttamente, e l'amministrazione comunale lo fa intervenendo a gamba tesa su un contenzioso tra privati.

 

Per chiarire, i fratelli Arena non accampano prepotenze e sono consapevoli che la realizzazione di un'opera pubblica possa comportare una compressione dei loro diritti, ma chiedono semplicemente di essere indennizzati per la risoluzione anticipata del loro contratto in modo di poter convertire la propria attività limitando i danni. 

Cosa c'è di strano? Di irragionevole?

 

La risposta, come detto, è stata a quanto pare spropositata, con l'intervento del comune di Catania che ha emanato un atto di occupazione d'urgenza anche se, a quanto pare, non vi è al momento nessuna urgenza perché sono ancora da compiere gli atti propedeutici a bandire l'appalto per il nuovo parcheggio e quelli già fatti sono stati tutti annullati.

 

Il tutto aggravato dal fatto che è ancora sub iudice la vicenda amministrativa che, in sede cautelare, ha già visto giudizi contrastanti tra TAR e CGA e si attende il merito.

 

Nel frattempo, senza quindi alcun motivo di urgenza, ben 4 famiglie con i loro dipendenti, rimarranno, dopo 40 anni di onesta attività, senza sostentamento, da un giorno all'altro, sol perché "vuolsi così colà dove si puote"?

 

Solo che noi "dimandiamo" e "dimanderemo"... 

 

Perché il comune di Catania interviene in modo così brutale, favorendo di fatto Istica togliendo alla ditta Arena il potere contrattuale derivante dal legittimo contratto di affitto?

L'avvocato che assiste la F.lli Arena è Fabio Greco e spiega a che punto è la vicenda dal punto di vista amministrativo.

Bhe, vedremo come andrà a finire anche questa...

image-902

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le news e gli eventi promossi da Sudpress

Come creare un sito web con Flazio